Quotidiano on line
di informazione sanitaria
18 NOVEMBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Laureati. Nella UE sono il 31%. Italia si ferma al 18,7%

Nell'Ue a 28 nel 2017 il 31% della popolazione tra 25 e 64 anni era laureata, con un aumento negli ultimi dieci anni di circa l'8 per cento. Ma l'Italia si ferma al 18,7% con un incremento dal 2007 del 5,2 per cento. A livello regionale sono al top le aree di Londra che raggiungono anche il 71% di laureati, mentre in Italia chi va meglio è il Lazio con il 24,9%% mentre fanalino di coda è la Sicilia con il 13,6%, tra le peggiori in Europa.

09 OTT - Eurostat conferma: l'Italia non è un paese di laureati. E fa il confronto con gli altri Stati e Regione dell'Ue.

Nel 2017, quasi un terzo (31%) della popolazione in età lavorativa dell'Unione europea possedeva un livello terziario (laurea) di studio, l’8% circa in più in media rispetto a un decennio prima e quasi l’1% in più rispetto a un anno prima.

A livello regionale, nel 2017 c'erano undici regioni negli Stati Ue in cui la maggioranza della popolazione di età compresa tra i 25 ei 64 anni aveva un livello terziario di risultati scolastici. 
 

 

Quattro delle prime cinque regioni erano nel Regno Unito, con "Inner London - West" con la quota più alta della popolazione in età lavorativa (71%). La regione "Prov. Brabant Wallon", vicino a Bruxelles, era anche tra le prime cinque, con il 57% in possesso di una qualifica di livello terziario.

Ma l’Italia no. L’Italia non è, nell’Ue, un paese di laureati e come Stato è al penultimo posto con il 18,7% (meno di un quinto) della popolazione 25-64 anni laureato (ultima è la Romania con il 17,8%) ed è penultima anche per  l’aumento minore tra il 2007 e il 2017 di chi è in possesso di un titolo di studio terziario: +5,2%, in testa solo alla Germania che registra una crescita del +4,3%, ma con un totale generale del 28,6 per cento.
 

 

Chi invece ha registrato l’aumento percentuale maggiore di laureati tra il 2007 e il 2017 è l’Austria (+15,1%) seguita dal Lussemburgo (+13,4%).
Né, al di fuori della media complessiva del Paese, l’Italia brilla a livello di singole Regioni.

Rispetto al 71% della Regione del Regno Unito al top della classifica, il miglior risultato è nel 2017 quello registrato dal Lazio con il 24,9% di laureati tra 25 e 64 anni, con un incremento rispetto al 2007 del 6,7% secondo in Italia solo al 7,3% delle Marche (che nel complesso registrano il 21,2% di laureati).

Rispetto alle aree geografiche il maggior numero di laureati è al Centro (22,9%), seguito dal Nord Ovest con il 19,6 per cento.

Dove ce ne sono di meno sono le Isole (14,2%) e il Sud (15,5%), dato confermato anche a livello di singola Regione: quella in fondo alla classifica dei laureati in Italia è la Sicilia con il 13,6%, seguita da Puglia, Calabria e Campania.
 

 

    Fonte: elaborazione Quotidiano Sanità su dati Eurostat
 

09 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy