Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 15 OTTOBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Vaccini. Morbillo sì, Tetano no?

Il nostro Paese è internazionalmente noto per la diffusa ed erronea tendenza a considerare davvero essenziali per la salute solo i vaccini resi obbligatori. E di certo non ha aiutato a rimediare all’errore l’ascesa dell’argomento vaccini ad insensata diatriba fra “scienziati” ed “ignoranti” o peggio ancora, a materia di scontro politico

11 OTT - La politica delle vaccinazioni non è la scienza dei vaccini con le sue evidenze ed i suoi limiti. Quando si decide di porre, o abolire, un obbligo vaccinale, specie se accompagnato da sanzioni così afflittive come l’esclusione scolastica, si prendono in considerazione numerosi fattori fra cui hanno molto peso quelli socio-culturali, tipo natura e limiti delle sanzioni, possibilità di accedere alle vaccinazioni liberamente e senza costi per le fasce di popolazione più disagiata, nonché la percezione dell’importanza delle vaccinazioni nell’intera comunità. In questo complesso scenario, l’obbligo sanzionatorio è materia di politica sanitaria sotto scrutinio e discussione in tutti i Paesi e del quale ho provato a trarre alcune riflessioni nella forma di un saggio intitolato Dialogo sui Vaccini (vedi altro articolo).
 
Il nostro Paese è internazionalmente noto per la diffusa ed erronea tendenza a considerare davvero essenziali per la salute solo i vaccini resi obbligatori (vedi quanto pubblicato lo scorso agosto da qualificati ricercatori del Nord America su “Vaccine”, una importante rivista scientifica del settore).

 
La popolazione è stata a ciò indotta da lunghi anni di offerta vaccinale altalenante ed ambigua, mai supportata da un vero piano di formazione degli attori fondamentali per l’accettazione non-coercitiva della pratica vaccinale, cioè i medici di medicina generale, i pediatri ed altri operatori chiave dei servizi sanitari. E di certo non ha aiutato a rimediare all’errore l’ascesa dell’argomento vaccini ad insensata diatriba fra “scienziati” ed “ignoranti” o peggio ancora, a materia di scontro politico. Non essendo mai stata seriamente combattuta, l’associazione fra “importanza” ed “obbligo”, è diventata così intrinseca al mood popolare che sono bastati pochi mesi di obbligo della vaccinazione antimorbillo, prima pur fortemente raccomandata, per elevarne significativamente la copertura (da meno del 90% fin quasi alla soglia dell’immunità di comunità, 95% , in alcune regioni) .
 
E però, quest’ultima risulta ancora decisamente bassa per vaccini contro la meningite da meningococchi e le patologie da papilloma virus, che credo nessuno possa seriamente affermare esser meno importanti per la salute pubblica del vaccino antimorbillo. In un contesto socio-culturale di questo genere, modificare più volte, in un arco ristretto di tempo, la politica dell’offerta vaccinale con i relativi obblighi e sanzioni vieppiù rafforzerebbe l’errata percezione della popolazione italiana sull’importanza relativa delle diverse vaccinazioni.
 
Se, per esempio, l’esistenza di un focolaio epidemico inducesse le autorità a proporre  di  mantenere l’obbligo vaccinale solo per il vaccino contro il morbillo e far passare tutti gli altri contro malattie non epidemiche nella fascia delle vaccinazioni raccomandate, il messaggio percepito dalla popolazione sarebbe che prevenire l’insorgenza di malattie quali tetano, epatite, difterite e meningite, coperte dagli attuali obblighi vaccinali, è diventata improvvisamente meno importante che prevenire il morbillo o la varicella, cosa davvero ridicola.
 
Se poi l’idea di fondo, il non-detto, di queste proposte è che l’offerta vaccinale non deve mai essere coercitiva ma solo sostenuta da una seria politica di informazione, formazione e persuasione, con i relativi costi, bisogna uscire allo scoperto, non prendere scorciatoie o sotterfugi di stampo politichese. Il confronto con i sostenitori dell’obbligo e delle sanzioni sarà franco, probabilmente leale e forse costruttivo se e solo se riguarderà tutti i vaccini.
 
Antonio Cassone
American Academy of Microbiology

11 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy