Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 12 NOVEMBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

A Madrid l’aspettativa di vita più alta con 85,2 anni ma al secondo posto, insieme ad altre due regioni spagnole, c’è Trento con 84,3 anni 

Eurostat ha pubblicato un'analisi dell'aspettativa di vita alla nascita nell'Ue per Regione. In testa quelle spagnole, ma al secondo posto (con altre aree dela Spagna) c'è Trento. Va male nei paesi dell'Est, mentre in Italia chi registra i valori più bassi sono Campania, Sicilia, Calabria seguite dalla Valle d'Aosta.

27 OTT - Nel 2016, l'aspettativa di vita di un bambino appena nato nell'Unione europea era di 81,0 anni medi. Grazie alla banca dati Eurostat è possibile vedere come l'aspettativa di vita alla nascita varia tra le diverse regioni NUTS 2 (dal francese nomenclature des unités territoriales statistiques e il 2 sta per il livello di popolazione compresa nel range di analisi, in questo caso tra 800mila e 3 milioni di persone, che coprono tutte le Regioni d’Europa) all'interno dell'Ue e le cifre mostrano che vi è una differenza di 11,9 anni tra le regioni con l'aspettativa di vita più alta e più bassa.

Le regioni con i più alti livelli di aspettativa di vita erano nel 2016 in Spagna e in Italia, mentre la maggior parte delle regioni con livelli relativamente bassi di aspettativa di vita erano per lo più situate nelle regioni più orientali dell'Ue.
Il più alto livello di speranza di vita nell'Ue è stato registrato nella regione della capitale spagnola della Comunidad de Madrid (85,2 anni), seguita da altre due regioni spagnole, La Rioja e Castilla y León (entrambe 84,3 anni). Sempre al secondo posto con lo stesso valore delle due regioni spagnole è stata la regione italiana della Provincia Autonoma di Trento, e al quinto posto si è attestata la regione della capitale francese dell'Île de France (84,2 anni).

All'estremo opposto, i dati più bassi per l'aspettativa di vita alla nascita nel 2016 sono stati registrati nelle regioni bulgare di Severozapaden (73,3 anni), Yugoiztochen (74,4 anni) e Severen tsentralen (74,4 anni); le regioni rumene di Sud-Est (74,4 anni) e Nord-Est (74,6 anni); e la regione ungherese di Észak-Magyarország (74,6 anni).
 

 
In Italia, che mediamente occupa comunque i posti più alti della classifica, le Regioni che vanno meglio oltre a Trento  sono Bolzano e Umbria (84,1), Lombardia e Marche (84).

Al contrario, quelle che vanno peggio sono Campania (81,7), Sicilia (82,4), Calabria (82,9) e in genere il Sud e le Isole (in media rispettivamente 82,7 e 82,6). Ma la classifica negativa prosegue con una Regione del Nord, la Valle d’Aosta, che si ferma a 83 anni di aspettativa di vita.

Secondo l’analisi Eurostat storicamente, una maggiore longevità può essere attribuita a una serie di fattori, tra cui miglioramento delle condizioni socioeconomiche e ambientali, cambiamenti nelle condizioni di lavoro/occupazioni, cambiamenti nello stile di vita o migliori cure e cure mediche.

Più in dettaglio, c'erano 11 regioni NUTS  2 in cui l'aspettativa di vita alla nascita nel 2016 era di 84,0 anni o più. 

Oltre alle regioni in Spagna e in Italia, le due regioni  con i più alti livelli di aspettativa di vita erano entrambe le regioni legate a capitali, vale a dire, Ile de France (84,2 anni) e Inner London - West (84,1 anni). 

Il livello relativamente alto di aspettativa di vita nelle regioni della capitale della Spagna, Francia e Regno Unito può essere attribuito, tra le altre ragioni, alla vicinanza e alla vasta gamma di servizi sanitari disponibili, oltre a livelli relativamente alti di reddito e di vita condizioni. 

La situazione nel Regno Unito è stata di particolare interesse in quanto l'aspettativa di vita alla nascita a Inner London - West è stata, in media, di 2,1 anni superiore rispetto all'adiacente regione di Inner London - East , che, tra le altre cose, è generalmente considerato meno ricco.

All'altra estremità c'erano 38 regioni di livello NUTS 2 in cui l'aspettativa di vita media era inferiore a 78,0 anni. 

Nel 2016, la più bassa aspettativa di vita alla nascita è stata registrata nella regione nord-occidentale bulgara di Severozapaden, a 73,3 anni. Ciò rafforza il legame tra speranza di vita e reddito e condizioni di vita: Severozapaden ha anche registrato il livello più basso di attività economica nell'Ue, poiché il suo Pil per abitante era inferiore al 30% della media Ue-28.

La maggior parte delle regioni con livelli relativamente bassi di aspettativa di vita erano prevalentemente nelle regioni più orientali dell'Ue, tra cui: tutte e sei le regioni della Bulgaria, tutte e sette le regioni dall'Ungheria e tutte e otto le regioni dalla Romania, e tre su quattro regioni dalla Slovacchia, 8 regioni su 16 dalla Polonia, una delle due regioni croate e una delle otto regioni ceche. 

Vi erano altre quattro regioni nell'Ue in cui l'aspettativa di vita alla nascita era inferiore a 78,0 anni: due dei tre Stati membri baltici, Lettonia e Lituania  - e le regioni ultra periferiche di Mayotte (Francia) e Região Autónoma dos Açores (Portogallo).

Il maggiore divario di genere per l'aspettativa di vita alla nascita, invece,  è stato registrato in Lituania, dove le donne potevano aspettarsi di vivere 10,6 anni in più rispetto agli uomini.

Nel 2016, l'aspettativa di vita alla nascita per le donne (83,6 anni) era di circa 5,4 anni superiore a quella degli uomini (78,2 anni).

Tra le prime 10 regioni dell'Ue con i più alti livelli di speranza di vita per le donne, c'erano sei regioni dalla Spagna e tre dalla Francia, seguite dalla Provincia Autonoma di Trento (Italia). 

Un'analisi simile per gli uomini rivela che le prime 10 regioni erano composte da sette regioni italiane (Umbria, Toscana, Trento, Lombardia, Bolzano, Emilia Romagna e Marche), due dal Regno Unito e una dalla Spagna. I più alti livelli di aspettativa di vita maschile e femminile alla nascita sono stati registrati nella regione della capitale spagnola, Comunidad de Madrid, dove in media un bambino nato avrebbe potuto vivere 87,8 anni se donna e 82,2 anni se maschio.

Le maggiori differenze di genere nelle regioni di livello NUTS 2 sono state registrate nei tre Stati membri baltici (ciascuna una singola regione a questo livello di dettaglio): le donne potrebbero aspettarsi di vivere 10,6 anni in più degli uomini in Lituania, 9,8 anni in Lettonia e 8,9 altri anni in Estonia, e in diverse regioni polacche - Lódzkie, Lubuskie, Warminsko-Mazurskie, Podlaskie e Lubelskie - dove il divario di genere variava da 8,9 anni a 9,4 anni. 

Nell'Ue non c'erano regioni in cui gli uomini potevano aspettarsi di vivere più a lungo delle donne. Tuttavia, il divario nell'aspettativa di vita tra i sessi era generalmente piuttosto basso nei Paesi Bassi, in Svezia e nel Regno Unito. La differenza non era superiore a 3,0 anni nel Devon (Regno Unito) e in tre regioni olandesi: Drenthe, Overijssel e Utrecht,  quest'ultima registra il divario di genere più basso, a 2,8 anni.
 

 

 

27 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy