Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 01 DICEMBRE 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Un decesso su quattro nell’Ue è dovuto al cancro. In Italia oncologi in calo. Analisi Eurostat


Tra gli Stati membri la quota del numero totale di decessi dovuti al cancro nel 2015 ha superato il 30% nei Paesi Bassi e in Slovenia: tra gli uomini questa percentuale ha raggiunto il 36% in Slovenia, mentre tra le donne ha raggiunto il 27,7% in Irlanda e il 27,8% in Danimarca. Al contrario, meno di un quinto di tutti i decessi in Bulgaria e Romania sono stati causati dal cancro. Al contrario, meno di un quinto di tutti i decessi in Bulgaria e Romania sono stati causati dal cancro. Italia al 27 per cento.

22 NOV - Nel 2015, 1,3 milioni di persone sono morte per cancro nell'Unione europea, che equivalgono a più di un quarto (25,4%) del numero totale di decessi.

Tra gli Stati membri dell'Ue, la quota del numero totale di decessi dovuti al cancro nel 2015 ha superato il 30,0% nei Paesi Bassi e in Slovenia: tra gli uomini questa percentuale ha raggiunto il 36,0% in Slovenia, mentre tra le donne ha raggiunto il 27,7% in Irlanda e il 27,8% in Danimarca. Al contrario, meno di un quinto di tutti i decessi in Bulgaria e Romania sono stati causati dal cancro.. Al contrario, meno di un quinto di tutti i decessi in Bulgaria e Romania sono stati causati dal cancro.

A livello europeo, afferma Eurostat nella sua ultima analisi, il cancro ha rappresentato il 28,7% dei decessi tra gli uomini, rispetto al 22,1% delle donne nel 2015. In tutti gli Stati membri dell'Ue la percentuale di decessi per cancro tra gli uomini è stata superiore a quella delle donne.

Per l'Ue-28, il tasso di mortalità standardizzato per il cancro era 260,6 per 100 000 abitanti nel 2015, inferiore al tasso per le malattie circolatorie, ma superiore al tasso per la maggior parte delle altre cause di morte. 
 


L'analisi per sesso e per età mostra grandi differenze nei tassi di mortalità standardizzati per il cancro: per gli uomini il tasso (346,2 per 100.000 abitanti di sesso maschile) era del 72% superiore a quello delle donne (200,8 per 100.000 abitanti), mentre il tasso per le persone di età pari o superiore a 65 anni erano 13 volte più alte di quelle dei giovani (di età inferiore ai 65 anni).

Tra gli Stati membri, i più alti tassi di mortalità standardizzati per cancro sono stati registrati in Ungheria, Croazia e Slovacchia, ciascuno con tassi di almeno 320 per 100 000 abitanti nel 2015. Cipro ha registrato il tasso di mortalità standardizzato più basso per il cancro tra gli Stati membri, 206,7 per 100 000 abitanti e ha anche registrato il tasso di mortalità standardizzato più basso per il cancro per gli uomini (266,2 per 100 000 abitanti di sesso maschile); La Spagna ha registrato il tasso più basso per le donne (155,5 per 100.000 abitanti). Per gli uomini, i più alti tassi di mortalità standardizzati per cancro sono stati segnalati in Croazia, Estonia, Ungheria, Slovacchia, Lettonia e Lituania, tutti con tassi vicini o superiori a 450 ogni 100.000 abitanti maschi. Per le donne, i tassi di mortalità standardizzati più elevati per il cancro sono stati registrati in Ungheria e Danimarca, entrambi con tassi superiori a 250 ogni 100.000 abitanti di sesso femminile.
 


Per quanto riguarda l’assistenza, Eurostat si concentra sull'assistenza degli infermieri e sull'assistenza diurna. Sia l'assistenza domiciliare che l'assistenza diurna comprendono l'ammissione formale in una struttura sanitaria come un ospedale per la diagnosi, il trattamento o altri tipi di assistenza sanitaria. 

Mentre l'assistenza degli infermieri comporta un pernottamento dopo l'ammissione, l'assistenza diurna comprende servizi medici e paramedici pianificati consegnati ai pazienti senza pernottamento: i pazienti di assistenza diurna sono ammessi formalmente con l'intenzione di essere dimessi lo stesso giorno. L'inclusione di un alloggio con assistenza medica e accessoria costituisce la distinzione principale tra cure ospedaliere e ambulatoriali.

Nel 2016, circa 7,1 milioni di pazienti ricoverati negli ospedali dell'Ue-28 (dati 2015 per Ungheria, Polonia e Portogallo, nessun dato recente per la Grecia) sono stati trattati per neoplasie.
 

 


Per tutte le neoplasie, il tasso di dimissione più alto per i pazienti ricoverati era in Austria, dove nel 2016 sono stati dimessi 2,9 mila pazienti ricoverati per 100 000 abitanti dopo la diagnosi o il trattamento delle neoplasie. In Germania, Ungheria (dati 2015), Bulgaria, Croazia ed Estonia (dati 2014), questo tasso ha superato anche 2 000 ogni 100 000 abitanti. Altrove il tasso variava da 964 ogni 100.000 abitanti in Danimarca a 1.979 ogni 100.000 abitanti in Romania, con il Regno Unito (776 ogni 100.000 abitanti), Malta (764 ogni 100.000 abitanti), il Portogallo (735 ogni 100.000 abitanti). ; Dati 2015), Cipro (693 per 100.000 abitanti) e Irlanda (690 per 100.000 abitanti) al di sotto di questo intervallo.
 


Nel 2016, la durata media del soggiorno per degenti ricoverati classificati per il trattamento o delle indagini in regime di neoplasie variava tra gli Stati membri da 5,0 giorni in Bulgaria a 10,1 giorni in Portogallo (dati 2015). Un confronto tra i dati del 2016 e quelli del 2011 mostra un andamento generale al ribasso nella durata media dei soggiorni per degenti, con aumenti registrati solo per Malta e Lussemburgo, mentre non vi era alcun modifica della durata media del soggiorno in Slovacchia; un aumento è stato registrato anche per la Turchia tra i paesi non membri. La riduzione maggiore in termini di numero medio di giorni è stata registrata nei Paesi Bassi (1,5 giorni in meno nel 2016 rispetto al 2011).

Per quanto riguarda il personale, gli oncologi nel 2015, c'erano circa 18.200 negli Stati membri per i quali erano disponibili i dati (dati 2014 per Danimarca, Finlandia e Svezia, dati del 2013 per la Repubblica ceca, nessun dato recente per Croazia, Ungheria, Paesi Bassi, Austria e Slovacchia).

Tra i sei maggiori Stati membri (Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Spagna e Polonia), il numero di oncologi nel 2015 era compreso tra 968 in Francia e 4.333 in Italia, equivalenti a 1,5 oncologi su 100.000 abitanti in Francia e 7.1 oncologi per 100.000 abitanti in Italia. 

Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili dati, solo l'Italia (dal 2009 al 2015) e la Lettonia (dal 2010 al 2015) hanno registrato un calo del numero di oncologi rispetto al numero di abitanti durante il più recente quinquennio periodo per il quale i dati sono disponibili; c'era anche un modello simile in Islanda. Rispetto al numero di abitanti, i maggiori aumenti del numero di oncologi sono stati registrati in Polonia (3,4 oncologi aggiuntivi per 100.000 abitanti tra il 2010 e il 2015).
 


L'assistenza oncologica comprende trattamenti che non richiedono un pernottamento, ad esempio chemioterapia giornaliera, trasfusioni di sangue e piastrine, test, rimozione di punti di sutura e iniezioni. Sebbene sia disponibile solo una quantità limitata di dati, la gamma di disponibilità di posti di assistenza diurna nel 2016 è stata ampia, da 0,2 punti per 100 000 abitanti in Slovacchia a 13,2 posti per 100 000 abitanti in Belgio e 18,3 posti per 100 000 abitanti in Spagna.

Le apparecchiature per radioterapia riguardano le macchine utilizzate per il trattamento con raggi X o radionuclidi. Questi includono acceleratori lineari, unità Cobalt-60, unità terapeutiche al cesio-137, unità a raggi X da ortodossia, unità di brachiterapia ad alte dosi e basse dosi e unità di brachiterapia convenzionali: alcune di queste macchine possono essere utilizzate anche per altri trattamenti che il cancro Nel 2016 c'erano più di 3 600 unità di radioterapia negli Stati membri per le quali sono disponibili i dati (dati 2015 per l'Italia, nessun dato per i Paesi Bassi, notare che i dati per Belgio, Germania, Francia, Portogallo e Svezia si riferiscono solo a attrezzature negli ospedali), con il maggior numero di persone in Francia (717) e nel Regno Unito (605). Relativamente alle dimensioni della popolazione, le apparecchiature per radioterapia erano più comuni in Belgio, Danimarca, Slovacchia e Francia,
 

22 novembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy