Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 OTTOBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Incidenti stradali: 1,35 milioni di morti l’anno. In Italia sono 3.333. Nuovo rapporto Oms: sono il principale killer di bambini e giovani tra i 5 ed i 29 anni 

Il rapporto sullo stato globale dell'Oms sulla sicurezza stradale 2018 documenta che, nonostante un aumento del numero complessivo di decessi, i tassi di mortalità relativi alle dimensioni della popolazione mondiale si sono stabilizzati negli ultimi anni. Ciò suggerisce che gli sforzi di sicurezza stradale esistenti in alcuni paesi a medio e alto reddito hanno mitigato la situazione. IL RAPPORTO OMS.

10 DIC - Un nuovo rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità indica che le vittime del traffico stradale continuano a salire, con 1,35 milioni di morti ogni anno. Secondo il rapporto sullo stato globale dell'Oms sulla sicurezza stradale 2018, gli incidenti stradali sono oggi il principale killer di bambini e giovani tra i 5 ei 29 anni

"Queste morti sono un prezzo inaccettabile da pagare per la mobilità", ha detto il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. "Non ci sono scuse per l'inazione. Questo è un problema con soluzioni comprovate e il rapporto è un invito per i governi e i partner a intraprendere azioni molto più grandi per attuare queste misure ".

Il rapporto sullo stato globale dell'Oms sulla sicurezza stradale 2018 documenta che, nonostante un aumento del numero complessivo di decessi, i tassi di mortalità relativi alle dimensioni della popolazione mondiale si sono stabilizzati negli ultimi anni. Ciò suggerisce che gli sforzi di sicurezza stradale esistenti in alcuni paesi a medio e alto reddito hanno mitigato la situazione.

"La sicurezza stradale è un problema che non riceve da nessuna parte l'attenzione che merita - ed è davvero una delle nostre grandi opportunità per salvare vite in tutto il mondo", ha dichiarato Michael R Bloomberg, fondatore e CEO di Bloomberg Philanthropies, finanziatore del rapporto,  e WHO Global Ambassador for Malattie e lesioni non trasmissibili. "Sappiamo quali interventi funzionano. Forti politiche e applicazione, progettazione intelligente delle strade e potenti campagne di sensibilizzazione del pubblico possono salvare milioni di vite nei prossimi decenni ".   

Nei contesti in cui sono stati compiuti progressi, è in gran parte attribuito a una legislazione migliore in merito a rischi fondamentali come la velocità, il consumo di alcolici e la guida e il mancato uso delle cinture di sicurezza, dei caschi per motocicli e dei sistemi di ritenuta per bambini; infrastrutture più sicure come marciapiedi e corsie dedicate per ciclisti e motociclisti; standard di veicoli migliorati come quelli che impongono il controllo elettronico della stabilità e la frenata avanzata; e migliorata la cura post-incidente.

Il rapporto documenta che queste misure hanno contribuito a ridurre le morti per traffico stradale in 48 paesi a medio e alto reddito. Tuttavia, non un singolo paese a basso reddito ha dimostrato una riduzione dei decessi complessivi, in gran parte perché mancano queste misure.

I dati italiani riportano morti sulla strada per il 32% tra i conducenti di automobili, il 26% conducenti di moto e veicoli a due-tre ruote, il 18% pedoni, l’11% passeggeri di automobili, il 7% ciclisti, il 5% conducenti e passeggeri di camion pesanti, il 2% altro e meno dell’1%  conducenti e passeggeri di autobus.

I morti sono in calo da circa 10 per 100mila abitanti nel 2006 a 5,9 circa nel 2015 e per quanto riguarda i veicoli circolanti il rapporto nel 2016 indica 41.322.370 veicoli a quattro ruote, 9.354.428  due-tre ruote, 885.513 camion, 97.817 bus e 921.447 altri veicoli.

Nel 2015 in Italia sono stati segnalati 3.428 incidenti stradali e l’Oms stima nel 2016 circa 3.333 vittime di incidenti, 5,6 per 100mila abitanti.

Il rischio di morte da traffico stradale rimane tre volte più alto nei paesi a basso reddito rispetto ai paesi ad alto reddito. I tassi sono più alti in Africa (26,6 per 100.000 abitanti) e più bassi in Europa (9,3 per 100.000 abitanti). D'altra parte, dalla precedente edizione del rapporto, tre regioni del mondo hanno registrato un calo dei tassi di mortalità dovuti al traffico stradale: le Americhe, l'Europa e il Pacifico occidentale.

Le variazioni dei decessi dovuti al traffico stradale si riflettono anche sul tipo di utente della strada. Globalmente, pedoni e ciclisti rappresentano il 26% di tutti i decessi dovuti al traffico stradale, con una percentuale del 44% in Africa e del 36% nel Mediterraneo orientale. 

Motociclisti e passeggeri rappresentano il 28% di tutti i decessi dovuti al traffico stradale, ma la percentuale è più alta in alcune regioni, ad esempio il 43% nel sud-est asiatico e il 36% nel Pacifico occidentale. 

Le relazioni sullo stato globale dell'Oms sulla sicurezza stradale sono rilasciate ogni due o tre anni e fungono da strumento di monitoraggio chiave per il Decennio di azione per la sicurezza stradale 2011-2020. 

Rispetto al precedente rapporto della serie pubblicata nel 2015, altri risultati del Global status report sulla sicurezza stradale 2018 includono:

-altri 22 paesi hanno modificato le loro leggi su uno o più fattori di rischio per allinearli alle migliori pratiche, coprendo un ulteriore miliardo di persone;

-46 paesi che rappresentano 3 miliardi di persone hanno leggi che stabiliscono limiti di velocità che si allineano alle migliori pratiche;

- 45 paesi che rappresentano 2,3 miliardi di persone hanno attualmente leggi sulla guida in stato di ebbrezza che si allineano alle migliori pratiche;

- 49 paesi che rappresentano 2,7 miliardi di persone, attualmente hanno leggi sull'uso del casco per motocicli che si allineano alle migliori pratiche;

- 105 paesi che rappresentano 5,3 miliardi di persone, attualmente hanno leggi sull'uso delle cinture di sicurezza che si allineano alle migliori pratiche;

- 33 paesi che rappresentano 652 milioni di persone, attualmente hanno leggi sull'uso dei sistemi di ritenuta per bambini che si allineano alle migliori pratiche;

- 114 paesi attualmente effettuano valutazioni sistematiche o valutazioni a stelle di strade esistenti;

-solo 40 paesi che rappresentano 1 miliardo di persone hanno implementato almeno 7 o tutti gli 8 standard prioritari di sicurezza dei veicoli delle Nazioni Unite;

-più della metà dei paesi (62%) dispone di un numero di telefono con copertura nazionale completa per attivare il sistema di assistenza di emergenza;

-il 55% dei paesi ha un processo formale per addestrare e certificare i fornitori di cure pre-ospedaliere.
 


10 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy