Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 MAGGIO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Salute mentale: non curarla provoca un danno economico globale di un trilione di dollari l’anno. In Italia mancano servizi per i bambini. Ecco l’Atlante Oms

L'Oms ha pubblicato l'Atlante della salute mentale con i dati aggiornati al 2017.  I livelli di spesa pubblica per la salute mentale sono molto bassi nei paesi a basso e medio reddito. La spesa pubblica per la salute mentale è inferiore a 1 dollaro USA pro capite nei paesi a reddito medio-basso mentre i paesi a reddito alto spendono più di 80 dollari USA. L'Italia è a 75,5 euro procapite (85,98 dollari). L'ATLANTE DELLA SALUTE MENTALE 2017 - LA SCHEDA SULL'ITALIA.
 

24 GEN - Per la salute mentale l’Italia – che ha una governance ben definita – spende procapite 75,5 euro. Non ci sono ospedali psichiatrici, ma mancano servizi ambulatoriali per bambini e adolescenti (ad esempio assistenza diurna). L’assistenza è, ovviamente, completamente gratuita e lo Stato spende per erogarla il 3,5% della spesa sanitaria totale. Ci sono 33,153 professionisti impegnati nel settore, 55,72 ogni 100.000 abitanti, ma di psichiatri infantili ce ne sono solo 750.

Ogni 100mila abitanti in Italia sono presenti 5,98 psichiatri; 1,26 psichiatri infantili; 4,12 specialisti diversi dagli psichiatri;  23,49 infermieri psichiatrici; 3,80 psicologi; 2,59 operatori sociali; 2,94 terapisti occupazionali; 11,54 altri lavoratori che operano nel settore. Ma non ci sono logopedisti.

Questi alcuni dati del profilo sull’Italia che con 150 profili nazionali di risorse per la salute mentale dei paesi che hanno fornito i dati accompagnano  l’Atlante della salute mentale 2017, appena presentato dall’Oms. 

I profili, basati sui dati forniti dagli Stati membri dell'Oms, forniscono un'istantanea a livello nazionale sull'esistenza di politiche, piani e leggi per la salute mentale, risorse umane e finanziarie disponibili e il tipo di strutture che forniscono assistenza. I profili sono pubblicati come parte del progetto di salute mentale dell'Oms e sono aggiornati ogni tre anni.

La serie degli  Atlanti della salute mentale è considerata la risorsa più completa sull'informazione globale sulla salute mentale e un importante strumento per lo sviluppo e la pianificazione di servizi di salute mentale all'interno di paesi e regioni.

L'Atlante della salute mentale 2017 assume nuova importanza in quanto include informazioni e dati sui progressi verso il raggiungimento degli obiettivi del piano d'azione globale sulla salute mentale 2013-2020.

Il primo progetto Atlas per la salute mentale è stato pubblicato nel 2001 e le informazioni sono state aggiornate con i sati  2005, 2011, 2014 e, ora,  2017.

Nell'Atlante 2017 sulla salute mentale, 177 su 194 (91%) Stati membri dell'Oms hanno riferito dei progressi nell'attuazione del Piano d'azione globale per la salute mentale 2013-2020.

I valori del progresso per il 2016 indicano che gli obiettivi globali possono essere raggiunti, solo se esiste un impegno globale collettivo che porti a investimenti sostanziali e sforzi maggiori a livello nazionale per politiche, leggi, programmi e servizi di salute mentale in tutti gli Stati membri.

L'Atlante rivela che sebbene alcuni paesi abbiano fatto progressi nella definizione e pianificazione delle politiche per la salute mentale, c'è una carenza globale di operatori sanitari addestrati e una mancanza di investimenti in strutture di salute mentale basate sulla comunità.

"Questa ultima edizione dell'Atlante di salute mentale ci fornisce ancora più prove del fatto che il potenziamento delle risorse per la salute mentale non sta avvenendo abbastanza velocemente. Sappiamo gli effetti di un fallimento nell'investire nella salute mentale: sanitari, sociali ed economici su una scala che raramente abbiamo visto prima ", ha detto Shekhar Saxena, direttore del Dipartimento di salute mentale e abuso di sostanze dell'Oms.

Nei paesi a basso reddito, il tasso di operatori di salute mentale può essere basso fino a 2 per 100.000 abitanti, rispetto a più di 70 nei paesi ad alto reddito. Questo in netto contrasto con i bisogni, dato che si stima che 1 persona su 10 abbia bisogno di assistenza sanitaria mentale in qualsiasi momento.
Meno della metà dei 139 paesi che hanno avviato politiche e piani di salute mentale si sono allineati con le convenzioni sui diritti umani che sottolineano l'importanza della transizione dall'istituzione psichiatrica ai servizi basati sulla comunità e la partecipazione di persone con disturbi mentali nelle decisioni che li riguardano. E troppo spesso, quando i piani di salute mentale sono fatti, non sono supportati da adeguate risorse umane e finanziarie.
 
La transizione verso la cura della comunità deve essere accelerata
Nonostante la transizione in un certo numero di paesi ad alto reddito verso reparti psichiatrici negli ospedali generali e la fornitura di servizi di assistenza domiciliare in comunità, rimangono in tutto il mondo strutture troppo scarse per l'assistenza sanitaria mentale basata sulla comunità.

Il tasso globale di posti letto negli ospedali psichiatrici è stato segnalato essere sei volte di più (11,3 per 100.000 abitanti) rispetto al tasso di letti nei reparti psichiatrici degli ospedali generali.

I livelli di spesa pubblica per la salute mentale sono molto bassi nei paesi a basso e medio reddito. La spesa pubblica per la salute mentale è inferiore a 1 dollaro USA pro capite nei paesi a reddito medio-basso mentre i paesi a reddito alto spendono più di 80 dollari USA.

La maggior parte della spesa è destinata a ospedali psichiatrici, che servono una piccola parte di chi ha bisogno di cure. Inoltre, oltre due terzi dei paesi dichiarano che la cura e il trattamento delle persone con gravi disturbi mentali non sono inclusi nell'assicurazione sanitaria nazionale o nei sistemi di rimborso.
"Nessuno dovrebbe perdere la cura della salute mentale per i costi", ha detto Shekhar Saxena "Ecco perché la spinta dell'Oms verso la copertura sanitaria universale è così importante: assicurare che tutti, ovunque, possano accedere alle cure di cui hanno bisogno: inclusa la cura della salute mentale".
 
Pochi paesi hanno strategie di prevenzione del suicidio
L'Oms stima che un po’ meno di 800.000 persone muoiono per suicidio ogni anno. Nonostante un lieve aumento del numero di paesi che riferiscono di avere una strategia nazionale di prevenzione del suicidio, solo un terzo dei paesi a medio-alto reddito ha dichiarato di avere una strategia, contro solo il 10% di quelli a basso reddito.
 
Investimento nella salute mentale: buono per la salute, buono per le economie
Ogni dollaro americano investito in un trattamento mirato alle malattie mentali comuni come depressione e ansia porta a un ritorno di 4 dollari in salute e capacità di lavoro migliori.

Al contrario, la mancata azione è costosa. Secondo una recente analisi, che ha calcolato i costi di trattamento e gli esiti sanitari in 36 paesi a basso, medio e alto reddito per i 15 anni dal 2016 al 2030, bassi livelli di accesso all'assistenza per la depressione e ansia, si traducono in una perdita economica globale di un trilione di dollari USA ogni anno.

24 gennaio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy