Quotidiano on line
di informazione sanitaria
18 AGOSTO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

La spesa pubblica nella UE. Dal 2012 al 2017 scende di 3 punti percentuali. Per le pensioni la quota più alta seguita dalla sanità

Secondo l'ultima analisi Eurostat la spesa delle amministrazioni pubbliche nell'Ue nel 2017 ha registrato la percentuale più alta per la protezione sociale, tra cui le pensioni di vecchiaia hanno l'incidenza maggiore, e poi la salute. Italia quarta nella classifica per la protezione sociale (ma non per la salute). La spesa pubblica totale ha comunque continuato a diminuire. 

18 MAR - Nel 2017, la spesa pubblica totale nell'Unione europea è stata pari al 45,8% del prodotto interno lordo (PIL). Questa quota è costantemente diminuita dal 2012, quando si attestava al 48,9% del PIL.

Tra le principali funzioni della spesa delle amministrazioni pubbliche nell'Ue, la "protezione sociale" è  la più importante, pari al 18,8% del PIL nel 2017.

Seguono le aree "salute" (7,0%), "pubblico in generale" servizi (5,8%) come affari esteri e transazioni di debito pubblico, "istruzione" (4,6%) e "affari economici" (4,0%).

Le funzioni "ordine pubblico e sicurezza" (1,7%), "difesa" (1,3%), "ricreazione, cultura e religione" (1,1%), "Protezione ambientale" (0,8%) e "servizi per l'alloggio e la comunità" (0,6%) hanno pesi più limitati.

Queste informazioni sulla spesa totale delle amministrazioni pubbliche per funzione provengono da una pubblicazione online di Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione europea.
 

 

La protezione sociale ha rappresentato l'area più importante delle spese delle amministrazioni pubbliche nel 2017 in tutta l'Ue.

Il rapporto tra spesa pubblica per la protezione sociale e PIL varia tra gli Stati membri da meno del 10% in Irlanda (9,5%) a quasi un quarto in Finlandia (24,9%). Sei Stati membri - Finlandia, Francia, Danimarca, Italia, Austria e Svezia - destinano almeno il 20% del PIL alla protezione sociale, mentre l'Irlanda, Lituania, Malta, Lettonia, Romania, Repubblica ceca e Bulgaria hanno speso ciascuno meno del 13% del PIL per la protezione sociale.

La spesa per la protezione sociale può essere ulteriormente suddivisa in una serie di gruppi dettagliati. Il gruppo "vecchiaia", che include le pensioni, rappresentava il 10,1% del PIL nell'Ue nel 2017. Costituiva la maggior parte della spesa di protezione sociale in tutti gli Stati membri, con le quote più alte registrate in Grecia e Finlandia (entrambe 13,8%), seguita da Francia e Italia (entrambe con il 13,4%) e dall'Austria (12,5%). Per contro, l'Irlanda (3,4%).

La Lituania (5,7%) e Cipro (6,0%) hanno registrato le spese più basse.
 


Con quote pari ad almeno l'8% del PIL nel 2017, la Danimarca (8,4%), l'Austria (8,2%) e la Francia (8,0%) hanno registrato i più alti rapporti rispetto al PIL destinati alla salute tra gli Stati membri dell'Ue (la spesa pubblica italiana si ferma al 6,5%).

I rapporti più alti con il PIL del governo per le spese per servizi pubblici generali sono state osservate in Grecia (8,3%) e in Italia (8,2%).
Per l'educazione, le spese maggiori sono state registrate in Svezia (6,8%), Danimarca (6,5%) e Belgio (6,3%).

Le maggiori quote della spesa pubblica per gli affari economici nel 2017 sono state registrate in Ungheria (7,1% del PIL) e Belgio (6,3%).
Per ordine pubblico e sicurezza, le spese erano più alte in Bulgaria (2,5%) e in Ungheria (2,4%).

Nel 2017, almeno il 2% del PIL è stato speso per la difesa in Grecia (2,5%), in Estonia e Cipro (entrambi al 2,0%).

Le maggiori quote di spesa pubblica per ricreazione, cultura e religione sono state registrate in Ungheria (3,5%) ed Estonia (2,1%), mentre per la la protezione ambientale nei Paesi Bassi (1,4%) e in Grecia (1,3%), e sull'alloggio e servizi comunitari in Bulgaria e Cipro (entrambi l'1,6%).

Durante i primi tre anni della crisi economica e finanziaria (2007-2009), la spesa pubblica in percentuale sul PIL è cresciuta nell'Ue. È aumentato dal 44,6% del PIL nel 2007 al 50,0% nel 2009, e questo in parte per un PIL inferiore al normale.

Tra gli anni 2011 e 2012 si è passati dal 48,5% del PIL al 48,9%. Da allora la spesa è costantemente diminuita, attestandosi al 45,8% del PIL nel 2017. Questa diminuzione progressiva è stata in parte il risultato delle misure di risanamento fiscale, della rinnovata crescita economica e delle reazioni anticicliche del governo.

Negli ultimi anni, la spesa una tantum a sostegno delle istituzioni finanziarie è diminuita.

Non tutte le funzioni della spesa pubblica si sono evolute nello stesso periodo tra il 2007 e il 2017. Alcune hanno proseguito ad avere una tendenza anticiclica, anche senza un cambio di politica. Ad esempio, la spesa del governo per le indennità di disoccupazione (parte della protezione sociale) è più incline a avere naturalmente una evoluzione anticiclica rispetto ad altre funzioni, come la spesa pubblica per l'istruzione. Durante una crisi economica le persone diventano più disoccupate, mentre il numero di alunni e studenti è più influenzato dai dati dei cambiamenti demografici. Tra il 2007 e il 2009, la spesa per la disoccupazione nell'Ue è aumentata dall'1,4% del PIL all'1,8%, diminuendo da allora a 1,2% nel 2017.

La spesa per la protezione sociale nel suo complesso è aumentata dal 17,0% di PIL (2007) al 19,4% (2009), attestandosi al 18,8% del PIL nel 2017. Nello stesso periodo, la spesa pubblica per l'istruzione nell'Ue è passata dal 4,9% del PIL (2007) al 5,2% (2009), per poi gradualmente diminuire al 4,6% (2017).

"Protezione sociale" e "salute" sono le uniche due funzioni le cui quote nella spesa pubblica totale sono aumentate durante il periodo dal 2007 al 2017. Nell'Ue, la spesa per la protezione sociale ha aumentato la sua quota di spesa totale dal 38,2% al 41,1%, mentre le spese per la sanità sono aumentate dal 14,5% al ​​15,3% della spesa totale. (l’Italia, tra pubblico e privato, pur essendo una dei primi quattro Stati membri per spesa protezione sociale, spende per la sanità non oltre l’8,5% del PIL).

Allo stesso tempo, la quota di tutte le altre funzioni è diminuita. Le spese governative per l'istruzione, ad esempio, sono scese dal 10,9% della spesa totale nel 2007 al 10,2% nel 2017.   


            

18 marzo 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy