Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 12 NOVEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

In Europa in media sette persone su dieci si dichiarano in buona salute. Italia al terzo posto con il 77% che si dichiara soddisfatto del proprio stato di salute

Secondo l'analisi Eurostat tra gli Stati membri dell'Ue, la percentuale più alta della popolazione di età pari o superiore a 16 anni che ha percepito la propria salute come buona o molto buona è stata registrata in Irlanda (83%), davanti a Cipro (78%), Italia e Svezia (entrambi 77%), Paesi Bassi (76%) e Malta (75%). Più soddisfatti gli uomini delle donne.

05 APR - In media sette persone su dieci di età pari o superiore a 16 anni che vivono nell'Unione Europea hanno valutato il loro stato di salute buono o molto buono nel 2017 (70%). 

Al contrario, meno di uno su dieci (8%) hanno valutato il proprio livello di salute come cattivo o molto cattivo nello stesso anno.

La classificazione comprende cinque livelli di stato di salute auto-percepito: molto buono, buono, giusto, cattivo e molto cattivo.

Tra gli Stati membri dell'Ue, la percentuale più alta della popolazione di età pari o superiore a 16 anni che ha percepito la propria salute come buona o molto buona è stata registrata in Irlanda (83%), davanti a Cipro (78%), Italia e Svezia (entrambi 77%), Paesi Bassi (76%) e Malta (75%).
 



Analizzando le risposte a livello di aree geografiche, l’Italia è un po’ più indietro nella valutazione “buono e molto buono” del proprio stato di salute nelle città, dove scende al sesto posto dopo Irlanda, Svezia, Cipro, Danimarca e Svezia, risale al quarto posto (dopo Irlanda, Cipro e Paesi Bassi) se con le città si considerano anche le periferie  ed è ancora al quarto posto per le zone rurali dopo Irlanda, Regno Unito e Paesi Bassi.  

 

 
A livello generale, nella parte inferiore della scala, la quota più bassa è stata registrata in Lituania e Lettonia (44%), Portogallo (49%), Estonia (53%), Polonia e Ungheria (entrambi al 59%).
 
Nell'Ue, più uomini che donne hanno percepito di essere in buona salute: il 72% degli uomini di età pari o superiore a 16 anni ha valutato la propria salute come molto buona o buona nel 2017, rispetto al 67% delle donne. 

La disparità nella valutazione tra uomini e donne può essere vista attraverso le varie fasce d'età. Il divario più grande è per quelli di 65 anni o più, in cui il 45% degli uomini percepiva il loro stato di salute buono o molto buono rispetto al 39% delle donne.

La percentuale della popolazione che ha valutato la propria salute come buona o molto buona tende a diminuire con l'età. Oltre l'88% della popolazione maschile di età compresa tra 16 e 44 anni percepiva la propria salute come buona o molto buona. La proporzione è scesa al 69% per gli uomini tra i 45 ei 64 anni e diminuita ulteriormente al 45% per gli uomini di età superiore ai 65 anni.

Una tendenza simile può essere vista con le donne. La percentuale di donne di età compresa tra 16 e 44 anni che hanno percepito la propria salute come buona o molto buona è stata dell'87%, rispetto al 65% delle persone tra i 46 ei 64 anni e il 39% delle persone di età pari o superiore ai 65 anni.

 

 

05 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy