Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 20 AGOSTO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

In Europa in media sette persone su dieci si dichiarano in buona salute. Italia al terzo posto con il 77% che si dichiara soddisfatto del proprio stato di salute

Secondo l'analisi Eurostat tra gli Stati membri dell'Ue, la percentuale più alta della popolazione di età pari o superiore a 16 anni che ha percepito la propria salute come buona o molto buona è stata registrata in Irlanda (83%), davanti a Cipro (78%), Italia e Svezia (entrambi 77%), Paesi Bassi (76%) e Malta (75%). Più soddisfatti gli uomini delle donne.

05 APR - In media sette persone su dieci di età pari o superiore a 16 anni che vivono nell'Unione Europea hanno valutato il loro stato di salute buono o molto buono nel 2017 (70%). 

Al contrario, meno di uno su dieci (8%) hanno valutato il proprio livello di salute come cattivo o molto cattivo nello stesso anno.

La classificazione comprende cinque livelli di stato di salute auto-percepito: molto buono, buono, giusto, cattivo e molto cattivo.

Tra gli Stati membri dell'Ue, la percentuale più alta della popolazione di età pari o superiore a 16 anni che ha percepito la propria salute come buona o molto buona è stata registrata in Irlanda (83%), davanti a Cipro (78%), Italia e Svezia (entrambi 77%), Paesi Bassi (76%) e Malta (75%).
 



Analizzando le risposte a livello di aree geografiche, l’Italia è un po’ più indietro nella valutazione “buono e molto buono” del proprio stato di salute nelle città, dove scende al sesto posto dopo Irlanda, Svezia, Cipro, Danimarca e Svezia, risale al quarto posto (dopo Irlanda, Cipro e Paesi Bassi) se con le città si considerano anche le periferie  ed è ancora al quarto posto per le zone rurali dopo Irlanda, Regno Unito e Paesi Bassi.  

 

 
A livello generale, nella parte inferiore della scala, la quota più bassa è stata registrata in Lituania e Lettonia (44%), Portogallo (49%), Estonia (53%), Polonia e Ungheria (entrambi al 59%).
 
Nell'Ue, più uomini che donne hanno percepito di essere in buona salute: il 72% degli uomini di età pari o superiore a 16 anni ha valutato la propria salute come molto buona o buona nel 2017, rispetto al 67% delle donne. 

La disparità nella valutazione tra uomini e donne può essere vista attraverso le varie fasce d'età. Il divario più grande è per quelli di 65 anni o più, in cui il 45% degli uomini percepiva il loro stato di salute buono o molto buono rispetto al 39% delle donne.

La percentuale della popolazione che ha valutato la propria salute come buona o molto buona tende a diminuire con l'età. Oltre l'88% della popolazione maschile di età compresa tra 16 e 44 anni percepiva la propria salute come buona o molto buona. La proporzione è scesa al 69% per gli uomini tra i 45 ei 64 anni e diminuita ulteriormente al 45% per gli uomini di età superiore ai 65 anni.

Una tendenza simile può essere vista con le donne. La percentuale di donne di età compresa tra 16 e 44 anni che hanno percepito la propria salute come buona o molto buona è stata dell'87%, rispetto al 65% delle persone tra i 46 ei 64 anni e il 39% delle persone di età pari o superiore ai 65 anni.

 

 

05 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy