Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 22 AGOSTO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Consumo di frutta e verdura: Italiani al top in Ue. Ma sull’attività fisica siamo tra gli ultimi

Lo rivela Eurostat. Per quanto riguarda il consumo di frutta l’85% degli italiani la consuma quotidianamente (primi nella Ue). Bene anche per quanto riguarda l’assunzione di verdure (lo fa l’80%, un dato che ci vede terzi in Europa). Male invece la percentuale di chi svolge attività fisica nel tempo libero: lo fa appena il 57%, un dato che ci colloca al 17° posto nell’Unione.

12 APR - Italiani grandi consumatori di frutta e verdura ma pigri. È questo quanto emerge dai dati Eurostat che hanno analizzato a livello europeo questi due parametri.
 
Consumo frutta. Italiani primi in Europa. Nel 2017, circa 1 su 4 persone (27%) hanno mangiato frutta almeno due volte al giorno, secondo un sondaggio della popolazione dell'Unione europea (UE). Un altro 37% della popolazione dell'UE mangiava frutta una volta al giorno e il restante 36% mangiava frutta meno frequentemente o per niente durante una settimana tipo.
 
Rispetto al consumo di frutta, una proporzione leggermente più ridotta (23%) della popolazione dell'UE mangiava verdure almeno due volte al giorno e una percentuale leggermente superiore (40%) mangiava verdure una volta al giorno.
 
Tra gli Stati membri dell'UE, l'assunzione giornaliera di frutta era più diffusa in Italia (85% della popolazione) e in Portogallo (81%). Per contro, in tre Stati membri meno del 40% della popolazione ha mangiato frutta ogni giorno: Lettonia (35%), Bulgaria e Lituania (entrambe il 37%).

 
Consumo di verdura. Italiani al 3° posto. Per quanto riguarda il consumo di verdure negli Stati membri, l'Irlanda e il Belgio hanno avuto la percentuale più alta di persone che hanno mangiato verdure almeno una volta al giorno (entrambe con l'84%). Italia al terzo posto con l’80%. Mentre nella maggior parte degli Stati membri tra il 50% e l'80% della popolazione ha dichiarato di consumare verdura ogni giorno, vi erano cinque Stati membri in cui la percentuale era inferiore al 50%: Ungheria (30%), Romania (41%), Lettonia (44% ), Lituania e Bulgaria (entrambi al 45%).

 
Attività fisica. Italiani tra i più ‘pigri’. Circa il 28% della popolazione dell'Unione europea (UE) di età pari o superiore a 16 anni non ha svolto alcun esercizio al di fuori dell'orario di lavoro nel 2017, contrariamente al resto della popolazione dell'UE, che ha svolto alcune attività sportive, di fitness o ricreative nel proprio tempo libero tempo.
 
In una settimana tipica, poco più di un quarto (27%) della popolazione dell'UE è stato esercitato per un massimo di 3 ore, il 17% tra 3 e 5 ore e il 28% per 5 ore o più.
 
Nella maggior parte degli Stati membri dell'UE la maggior parte della popolazione ha svolto qualche forma di esercizio nel tempo libero, con la percentuale più alta in Romania (96%). Al contrario, c'erano due Stati membri in cui meno del 50% della popolazione era fisicamente attivo al di fuori del lavoro: Portogallo (45%) e Croazia (36%). Italia al 17° posto con il 57%.


12 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy