Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 OTTOBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Consumo di frutta e verdura: Italiani al top in Ue. Ma sull’attività fisica siamo tra gli ultimi

Lo rivela Eurostat. Per quanto riguarda il consumo di frutta l’85% degli italiani la consuma quotidianamente (primi nella Ue). Bene anche per quanto riguarda l’assunzione di verdure (lo fa l’80%, un dato che ci vede terzi in Europa). Male invece la percentuale di chi svolge attività fisica nel tempo libero: lo fa appena il 57%, un dato che ci colloca al 17° posto nell’Unione.

12 APR - Italiani grandi consumatori di frutta e verdura ma pigri. È questo quanto emerge dai dati Eurostat che hanno analizzato a livello europeo questi due parametri.
 
Consumo frutta. Italiani primi in Europa. Nel 2017, circa 1 su 4 persone (27%) hanno mangiato frutta almeno due volte al giorno, secondo un sondaggio della popolazione dell'Unione europea (UE). Un altro 37% della popolazione dell'UE mangiava frutta una volta al giorno e il restante 36% mangiava frutta meno frequentemente o per niente durante una settimana tipo.
 
Rispetto al consumo di frutta, una proporzione leggermente più ridotta (23%) della popolazione dell'UE mangiava verdure almeno due volte al giorno e una percentuale leggermente superiore (40%) mangiava verdure una volta al giorno.
 
Tra gli Stati membri dell'UE, l'assunzione giornaliera di frutta era più diffusa in Italia (85% della popolazione) e in Portogallo (81%). Per contro, in tre Stati membri meno del 40% della popolazione ha mangiato frutta ogni giorno: Lettonia (35%), Bulgaria e Lituania (entrambe il 37%).

 
Consumo di verdura. Italiani al 3° posto. Per quanto riguarda il consumo di verdure negli Stati membri, l'Irlanda e il Belgio hanno avuto la percentuale più alta di persone che hanno mangiato verdure almeno una volta al giorno (entrambe con l'84%). Italia al terzo posto con l’80%. Mentre nella maggior parte degli Stati membri tra il 50% e l'80% della popolazione ha dichiarato di consumare verdura ogni giorno, vi erano cinque Stati membri in cui la percentuale era inferiore al 50%: Ungheria (30%), Romania (41%), Lettonia (44% ), Lituania e Bulgaria (entrambi al 45%).

 
Attività fisica. Italiani tra i più ‘pigri’. Circa il 28% della popolazione dell'Unione europea (UE) di età pari o superiore a 16 anni non ha svolto alcun esercizio al di fuori dell'orario di lavoro nel 2017, contrariamente al resto della popolazione dell'UE, che ha svolto alcune attività sportive, di fitness o ricreative nel proprio tempo libero tempo.
 
In una settimana tipica, poco più di un quarto (27%) della popolazione dell'UE è stato esercitato per un massimo di 3 ore, il 17% tra 3 e 5 ore e il 28% per 5 ore o più.
 
Nella maggior parte degli Stati membri dell'UE la maggior parte della popolazione ha svolto qualche forma di esercizio nel tempo libero, con la percentuale più alta in Romania (96%). Al contrario, c'erano due Stati membri in cui meno del 50% della popolazione era fisicamente attivo al di fuori del lavoro: Portogallo (45%) e Croazia (36%). Italia al 17° posto con il 57%.


12 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy