Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 09 AGOSTO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Decreto Calabria. Ecco perché si concretizzerà presto il fallimento di questa improvvida iniziativa

di Ettore Jorio

Nessuno dei commissari riuscirà a concepire la programmazione necessaria, perché ignaro dei suoi abitanti, del territorio che la caratterizza, della povertà che la contraddistingue. Si concretizzerà presto il fallimento di questa improvvida iniziativa, con la speranza che ciò non produca morti innocenti. Anche lo sblocco delle assunzioni si tradurrà in un bluff, dal momento che si traduce in un mero differimento temporale

22 GIU - l Dl (ironicamente) denominato salva-Calabria è divenuto legge dello Stato, con il voto favorevole del Senato. Il suo percorso, dalla sua ideazione sino alla sua approvazione parlamentare, dimostra che a valere sono sempre le solite storie. A contare è ciò che fa rumore, a prescindere se produttivo o meno di cambiamenti in melius. E' quanto accadrà in Calabria con le novità (si fa per dire!) proposte dalla ministra Grillo.

In una tale sfortunata regione occorrono più che una "sanità impropria, inappropriata ed estemporanea" - tale è quella che propone il Governo in carica, divenuta legge per la mera prepotenza dei numeri e senza tenere conto delle giuste istanze contrarie che hanno affollato il suo iter, soprattutto fuori dal Parlamento - le basi per un servizio della salute normale. Un Servizio sanitario regionale che assicuri alle persone tutto ciò che altrove hanno tutti, e che ivi non si riesce a rintracciare "neppure a pagarlo", nonostante la disponibilità di un popolo di eroi. Tali sono gli operatori sanitari che si spendono come se fossero "medici di frontiera", con qualche eccellenza in più tra le loro file, e con uno spirito di abnegazione del tipo quello dei vigili del fuoco americani. Eh si, perché nella sanità calabrese è tutti giorni 11 settembre!

Ma si sa, la Calabria è da sempre considerata la bestia nera, da tenere segregata nella torre del peggio.

Ciò è avvenuto forse perché i calabresi lo hanno meritato eleggendo, sempre, la peggiore classe dirigente.

Quella che - a fronte degli ingenti finanziamenti goduti (basti pensare a quelli, ex art. 20 L. 67/88, utilizzati per edificare strutture concesse in locazione a prezzi di liquidazione a privati sulle quali i Commissari dovrebbero puntare il dito!) sprecate in assurde duplicazioni ospedaliere, in piante organiche gonfiate generatrici di primariati di comodo e in giochi di prestigio effettuati in sede di riparto dei budget - non è stata in grado di programmare nulla e, quindi, di realizzare alcunché. Quella che ha trattato il fabbisogno calabrese come "esca viva" per pescare il consenso fine a se stesso, riposto a tonnellate nel retino dei peggiori che hanno indebitamente goduto dei ben noti privilegi.

Si è così venuta a determinare una sanità costantemente grigia che rischia di divenire sempre più nera a causa della politica sanitaria inadeguata della ministra Grillo che grida di avere individuato nel suo Dl lo "strumento vero per curare il Servizio sanitario calabrese da troppo tempo malato".
I risultati non tarderanno a smentirla, si concretizzerà presto il fallimento dell'improvvida iniziativa, con la speranza che ciò non produca morti innocenti così come avvenuto nel 2007, con tre giovani calabresi che non sono più tra noi.

Prescindendo dalle motivazioni giuridiche che rendono il DL convertito contrario a numerosi principi costituzionali, a leggi fondamentali dello Stato e di dettaglio della Regione che, fino a quando ci sarà la legislazione concorrente in Costituzione, non possono essere lese da illegittime attrazioni di esercizio di potere da parte del Governo, occorre ricordare alla ministra che la buona sanità si fa con l'altrettanto buona programmazione e con i quattrini per attuarla.

Nel suo provvedimento, non v'è traccia né dell'una né degli altri. Contiene solo atti di arroganza istituzionale che offendono l'autonomia della Regione e ledono una collezione di principi costituzionali (artt. 2, 3, 5, 32, 81, 97, 114, 117, 119, 121 e 123 Cost.), sui quali evito di attardarmi per averli sottolineati, su questo stesso Quotidiano, sin dall'esordio del Dl "incriminato".

Alla Calabria (ma anche a tutte le altre regioni del Mezzogiorno) necessita un progetto serio sul da farsi per uscire dal baratro nel quale si trova, e non già ulteriori atti ricognitivi, nei quali si ripropongono, a prezzi fuori mercato, gli attori compartecipi e coprotagonisti del drammatico fallimento in atto. In primis, gli inutili Agenas e advisor che hanno eletto la Calabria a loro albero della cuccagna con milioni di euro all'anno che invece si lesinano alla nuova occupazione.

Quanto al da farsi, nessun gringos (tali sono stati e sono i commissaria ad acta; tali saranno i commissari straordinari dei commissari ad acta!) riuscirà a concepire la programmazione necessaria, perché ignaro dei suoi abitanti, del territorio che la caratterizza, della povertà che la contraddistingue. Essa ha, insomma, bisogno di quel progetto industriale che non c'è mai stato. Anche quello venduto per tale nel 2004, approvato con quell'obbrobrio di legge che era la n. 11/2004, altro non era che un modesto atto ricognitivo fine a se stesso.
Non si arriverà da alcuna parte senza un programma che materializzi una riforma strutturale che trasformi la sanità da un diritto segnatamente teorico ad un diritto finalmente goduto dalla collettività.

A fronte di tutto ciò, che caratterizza il nostro sistema della salute, le "invenzioni" della giovane e ministra - che si lascia condizionare da fantasmi del passato, all'uopo rigenerati per fare ciò che non sono mai stati (esperti di sanità nell'interesse collettivo), nobilitati perché messi, per l'occasione, a collaborare con servitori dello Stato di chiara onestà e abnegazione - servono a poco o nulla.
Da qui, il decreto Grillo venduto per quello che non è.

Finanche lo sblocco delle assunzioni si tradurrà in un bluff, quantomeno nella forma utilizzata nella versione convertita (art. 11, c. 4-ter), dal momento che - piuttosto che essere individuato come misura a regime che accompagnasse la ricostruzione della Calabria della salute fondata su chiaro programma di rinnovamento - si traduce in un mero differimento temporale nel senso di autorizzare a procedere alle assunzioni (quali?) a termine e solo per l'occasione.
La forma adottata potrebbe tra l'altro non abilitare ex se il commissario ad acta a disporre autonomamente sulle assunzioni occorrenti. Lo impedirebbe l'ineludibile principio dell'equilibrio di bilancio e la sua indifferibile sostenibilità.

Al riguardo, la lettera dell'articolato cela, tra l'altro, pericolose contraddizioni. Meglio insidie tali da determinare altrettanti inumani danni alle persone.
Da un lato, vanta la cancellazione del blocco del turnover, ma solo nominalmente; dall'altro, impone un budget di spesa insuperabile, che è pari a quello rendicontato nel 2018. Ciò determinerà non di certo nuove assunzioni bensì, al meglio, la sostituzione in quota percentuale del personale in uscita nell'anno corrente. Insomma, un altro modo intelligente - atteso il record conseguito al riguardo nel 2018 di 320 milioni - di re-incrementare la mobilità passiva con i terribili disagi che i calabresi vivono alla ricerca delle cure e di luoghi ove morire meglio.

Ettore Jorio
Università della Calabria 


22 giugno 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy