Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 16 OTTOBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Rapporto UNAIDS: “Decessi (770 mila) e nuovi casi (1,7 milioni) diminuiscono ma calano anche i finanziamenti”. E il rischio è quello di una nuova impennata, anche nell’Europa dell’Est

L'Africa orientale e meridionale, continua a essere la regione più colpita dall'HIV, e ci sono stati aumenti preoccupanti delle nuove infezioni da HIV nell'Europa orientale e nell'Asia centrale (29%), nel Medio Oriente e nel Nord Africa (10%) e in America Latina (7%). Ad oggi sono quasi 38 milioni le persone che convivono con Hiv e oltre 23 mln che hanno avuto accesso alle terapie antiretrovirali. "Abbiamo urgentemente bisogno di una maggiore leadership politica per porre fine all'AIDS" ha dichiarato Gunilla Carlsson, Direttore esecutivo di UNAIDS. IL RAPPORTO

16 LUG - “Il ritmo dei progressi nella riduzione delle nuove infezioni da HIV, nell'aumento dell'accesso alle cure e della fine della mortalità correlata all'AIDS è in rallentamento”. A dirlo è il nuovo rapporto pubblicato oggi da UNAIDS. L'aggiornamento, mostra un quadro variegato con alcuni paesi che stanno facendo notevoli progressi, mentre altri stanno vivendo un nuovo balzo delle nuove infezioni da HIV e dei decessi correlati all'AIDS.
 
"Abbiamo urgentemente bisogno di una maggiore leadership politica per porre fine all'AIDS", ha dichiarato Gunilla Carlsson, Direttore esecutivo di UNAIDS. "Ciò lo si potrà realizzare investendo adeguatamente e in modo intelligente e osservando ciò che sta producendo successi in alcuni paesi. La fine dell'AIDS è possibile se ci concentriamo sulle persone, non sulle malattie, creiamo mappe stradali per le persone e le località che vengono lasciate indietro e adottiamo un approccio basato sui diritti umani per raggiungere le persone più colpite dall'HIV ".
 
Il rapporto mostra che le ‘popolazioni chiave’ (Kei Population) e i loro partner sessuali rappresentano oltre la metà (54%) delle nuove infezioni da HIV a livello globale. Nel 2018, popolazioni chiave - tra cui persone che fanno uso di droghe, gay e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, transgender, prostitute e detenuti - rappresentano circa il 95% delle nuove infezioni da HIV nell'Europa orientale e nell'Asia centrale e nel Medio Oriente Africa orientale e settentrionale.

 
Tuttavia, il rapporto mostra anche che meno del 50% delle popolazioni chiave sono state raggiunte con servizi combinati di prevenzione dell'HIV in più della metà dei paesi segnalati. Ciò evidenzia che le popolazioni chiave sono ancora marginalizzate e lasciate indietro nella risposta all'HIV.
 
Globalmente, nel 2018 circa 1,7 milioni di persone sono state contagiate dall'HIV, una diminuzione del 16% dal 2010, un risultato dovuto principalmente ai progressi costanti registrati in gran parte dell'Africa orientale e meridionale. Il Sudafrica, ad esempio, ha compiuto enormi progressi e ha ridotto con successo le nuove infezioni da HIV di oltre il 40% e i decessi correlati all'AIDS di circa il 40% dal 2010.
 
Tuttavia, c'è ancora molta strada da fare nell'Africa orientale e meridionale, la regione più colpita dall'HIV, e ci sono stati aumenti preoccupanti delle nuove infezioni da HIV nell'Europa orientale e nell'Asia centrale (29%), nel Medio Oriente e nel Nord Africa (10%) e in America Latina (7%).
 
Finanziamenti in calo
Il rapporto mostra che il divario tra i bisogni di risorse e la disponibilità delle stesse si sta allargando. Per la prima volta, le risorse globali disponibili per la risposta all'AIDS sono diminuite significativamente, di quasi 1 miliardo di dollari, in quanto i donatori hanno sborsato meno e gli investimenti interni non sono cresciuti abbastanza velocemente da compensare l'inflazione. Nel 2018, per la risposta all'AIDS sono stati disponibili 19 miliardi di dollari, 7,2 miliardi di dollari USA rispetto ai 26,2 miliardi di dollari stimati necessari entro il 2020.
 
Per continuare a progredire verso la fine dell'AIDS, UNAIDS esorta quindi tutti i partner a “intensificare l'azione e a investire, anche attraverso il finanziamento completo del Fondo globale per la lotta all'AIDS, alla tubercolosi e alla malaria con almeno 14 miliardi di dollari al reintegro in ottobre e attraverso l'aumento finanziamenti bilaterali e nazionali per l'HIV”.
 
Trattamento e obiettivo 90-90-90
I progressi continuano verso l’obiettivo 90-90-90. Circa il 79% delle persone che vivono con l'HIV conoscono il loro stato nel 2018, il 78% che sapeva che il proprio stato di HIV stava accedendo al trattamento e l'86% delle persone che avevano accesso al trattamento erano soppresse viralmente, mantenendole vive e bene e prevenendo la trasmissione di il virus.
 
Le comunità al centro mostrano tuttavia che i progressi verso gli obiettivi 90-90-90 variano molto per regione e per paese. Nell'Europa orientale e nell'Asia centrale, ad esempio, il 201% delle persone con HIV ha conosciuto il proprio stato di HIV nel 2018, ma solo il 53% delle persone che conoscevano il proprio stato di HIV avevano accesso al trattamento.
 
"Sono stato in terapia per 16 anni, sono stato represso virilmente e sta facendo bene", ha detto Sthandwa Buthelezi, fondatore di Shine, un'organizzazione di Eshowe che si occupa dello stigma e della discriminazione nella comunità. "Ma la stigmatizzazione e la discriminazione sono ancora diffuse, in particolare nelle strutture sanitarie. Come attivista, incoraggio tutti, compresi i leader della comunità, a parlare apertamente dell'HIV in modo che le persone possano vivere positivamente e brillare ".
 
Decessi correlati all'AIDS
I decessi correlati all'AIDS continuano a diminuire mentre l'accesso alle cure continua ad espandersi e si fanno maggiori progressi nel migliorare l'offerta di servizi per l'HIV / tubercolosi. Dal 2010, i decessi legati all'AIDS sono diminuiti del 33%, a 770.000 nel 2018.
 
Il progresso varia tra le regioni. Il declino globale delle morti legate all'AIDS è stato in gran parte determinato dai progressi nell'Africa orientale e meridionale. Nell'Europa orientale e nell'Asia centrale, tuttavia, i decessi correlati all'AIDS sono aumentati del 5% e in Medio Oriente e Nord Africa del 9% dal 2010.
 
Bambini
Circa l'82% delle donne incinte che vivono con l'HIV hanno ora accesso ai farmaci antiretrovirali, con un aumento di oltre il 90% dal 2010. Ciò ha comportato una riduzione del 41% delle nuove infezioni da HIV tra i bambini, con riduzioni notevoli raggiunte in Botswana (85% ), Ruanda (83%), Malawi (76%), Namibia (71%), Zimbabwe (69%) e Uganda (65%) dal 2010. Eppure c'erano circa 160 000 nuove infezioni da HIV tra i bambini di tutto il mondo, lontane da l'obiettivo globale di ridurre le nuove infezioni da HIV tra i bambini a meno di 40.000 entro il 2018.
 
“È necessario fare di più per ampliare l'accesso alle cure per i bambini”. Secondo le stime, 940.000 bambini (di età compresa tra 0 e 14 anni) che vivono con HIV a livello mondiale in terapia antiretrovirale nel 2018 è quasi il doppio del numero di trattamento nel 2010. Tuttavia, è molto lontano dall'obiettivo del 2018 di 1,6 milioni.
 
Donne e ragazze adolescenti
Sebbene esistano ancora forti disparità tra giovani donne e giovani uomini, con le giovani donne che hanno il 60% in più di probabilità di contrarre l'infezione da HIV rispetto ai giovani della stessa età, c'è stato un successo nel ridurre le nuove infezioni da HIV. A livello globale, le nuove infezioni da HIV tra le giovani donne (15-24 anni) sono state ridotte del 25% tra il 2010 e il 2018, rispetto a una riduzione del 10% tra le donne anziane (di età compresa tra 25 anni e oltre). “Ma rimane inaccettabile – rileva il rapporto - che ogni settimana 6200 ragazze adolescenti e giovani donne vengano infettate dall'HIV. I programmi sulla salute e sui diritti sessuali e riproduttivi per le giovani donne devono essere ampliati e ampliati al fine di raggiungere più posizioni ad alta incidenza e massimizzare l'impatto”.
 
Prevenzione dell'HIV
Le comunità al centro mostrano che l'intera gamma di opzioni disponibili per prevenire nuove infezioni da HIV non viene utilizzata per un impatto ottimale. Ad esempio, la profilassi pre-esposizione (PrEP), medicina per la prevenzione dell'HIV, è stata utilizzata solo da circa 300.000 persone nel 2018, di cui 130.000 negli Stati Uniti d'America. In Kenya, uno dei primi paesi dell'Africa sub-sahariana a lanciare PrEP come programma nazionale nel settore pubblico, circa 30.000 persone hanno avuto accesso ai farmaci preventivi nel 2018.
 
Il rapporto mostra che sebbene la “riduzione del danno sia una soluzione chiara per le persone che fanno uso di droghe, il cambiamento è stato lento. Le persone che hanno iniettato droghe hanno rappresentato il 41% delle nuove infezioni da HIV nell'Europa orientale e nell'Asia centrale e il 27% delle nuove infezioni da HIV in Medio Oriente e Nord Africa, entrambe le regioni che non hanno programmi di riduzione del danno adeguati”.
 
Gli uomini rimangono difficili da raggiungere. La soppressione virale tra gli uomini che convivono con l'HIV tra i 25 ei 34 anni è molto bassa, meno del 40% in alcuni paesi ad alto carico con recenti indagini, il che contribuisce a rallentare i progressi nel fermare nuove infezioni da HIV tra i loro partner.
 
Stigma e discriminazione
Sono stati fatti molti progressi contro lo stigma e la discriminazione legati all'HIV in molti paesi, ma gli atteggiamenti discriminatori verso le persone che vivono con l'HIV rimangono estremamente alti. “Esiste l'urgenza di affrontare i fattori strutturali alla base delle disuguaglianze e degli ostacoli alla prevenzione e al trattamento dell'HIV, in particolare per quanto riguarda le norme e le norme sociali dannose, lo stigma e la discriminazione e la violenza di genere”.
 
Le leggi penali, l'applicazione della legge aggressiva, le molestie e la violenza “continuano a spingere le popolazioni chiave ai margini della società e negano loro l'accesso ai servizi sanitari e sociali di base. Gli atteggiamenti discriminatori nei confronti delle persone che vivono con l'HIV rimangono estremamente elevati in troppi paesi. In 26 paesi, più della metà degli intervistati ha espresso atteggiamenti discriminatori nei confronti delle persone affette da HIV”.
 
L’appello Unaids
L'UNAIDS esorta “i paesi a tener fede all'impegno assunto nella Dichiarazione politica delle Nazioni Unite del 2016 sulla fine dell'AIDS affinché l'erogazione dei servizi a livello di comunità sia estesa per coprire almeno il 30% di tutta la fornitura di servizi entro il 2030. È necessario investire adeguatamente nella costruzione del capacità delle organizzazioni della società civile di fornire servizi di prevenzione e trattamento dell'HIV non discriminatori, basati sui diritti umani e centrati sulla persona nelle comunità più colpite dall'HIV”.
 
I numeri 2018:
- 37,9 milioni di persone vivevano con l'HIV a livello globale
 
- 23,3 milioni hanno avuto accesso alla terapia antiretrovirale
 
- 1,7 milioni di persone sono state recentemente contagiate dall'HIV
 
- 770 000 persone sono morte per malattie legate all'AIDS

16 luglio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy