Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 15 NOVEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Morbillo. Allarme Oms in Europa: già 90mila casi nel 2019. Arretrano Regno Unito, Grecia, Albania e Repubblica Ceca

Le infezioni di morbillo nei primi sei mesi del 2019 avrebbero già superato quelle registrate in tutti i 12 mesi del 2018 (84 462). In Europa 35 Paesi, a fine 2018, hanno raggiunto lo stato di “eliminazione” della malattia o sono sulla strada per raggiungerlo, ma sono ben 4 i Paesi che, negli anni, si sono invece allontanati da questo traguardo. In 12 Paesi il morbillo resta una malattia endemica. Richiamo al vaccino per garantire l’immunità di gregge. Buone notizie, invece, sul fronte rosolia: 39 Paesi hanno raggiunto lo “stato di eliminazione” rispetto ai 37 del 2017. I DATI

29 AGO - L’Europa arretra nella battaglia per eradicare il morbillo e dopo i progressi registrati negli anni passati, l’Oms torna a lanciare l'allarme alla luce dei dati elaborati dalla Commissione europea di verifica regionale per l'eliminazione del morbillo e della rosolia (RVC) e riferiti alle infezioni nel 2018 e ai quelli sui primi mesi del 2019. I casi tra gennaio e giugno 2019 risultano infatti circa 90.000, già oltre quelli registrati in tutti i 12 mesi del 2918(84 462).

In particolare la Commissione ha evidenziato come, per la prima volta da quando è iniziato il processo di monitoraggio in Europa (era il 2012), ben 4 paesi (Albania, Repubblica Ceca, Grecia e Regno Unito) hanno perso il loro status di “eliminazione del morbillo”. Buone notizie arrivano solo dall’Austria e dalla Svizzera, che hanno raggiunto lo stato di eliminazione in quanto non hanno registrato alcuna trasmissione endemica per almeno 36 mesi.
In generale, secondo quanto riportato in una nota dell’Oms, si ritiene che a fine 2018 fossero 35 i paesi dove era stata raggiunta raggiunta l'eliminazione del morbillo o si andasse in quella direzione (rispetto ai 37 del 2017), 2 i Paesi in cui si era interrotta la trasmissione endemica del morbillo (per 12–35 mesi), 12 quelli che rimanevano endemici per il morbillo.

“Se un'elevata copertura immunitaria non sarà raggiunta e sostenuta in ogni area della regione, bambini e adulti soffriranno inutilmente e alcuni moriranno tragicamente ”, è il richiamo di Günter Pfaff, presidente della RVC.

Buone notizie, invece, sul fronte della rosolia: 39 Paesi hanno raggiunto lo stato di eliminazione della malattia, rispetto ai 37 del 2017.

29 agosto 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy