Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 21 SETTEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Maggiore attenzione alla nutrizione nei servizi sanitari può salvare 3,7 milioni di vite entro il 2025. Nuovo rapporto Oms

Secondo il rapporto, l'assistenza sanitaria di base è il fondamento della copertura sanitaria universale; si tratta di un approccio dell'intera società alla salute e al benessere, incentrato sui bisogni e le preferenze di individui, famiglie e comunità. Scopo principale del rapporto è fornire una raccolta di azioni per affrontare la malnutrizione, di facile utilizzo per aiutare nei processi decisionali per l'integrazione degli interventi nutrizionali nelle politiche, strategie e piani sanitari nazionali basati su esigenze specifiche per paese e priorità globali. IL RAPPORTO OMS.

06 SET - I servizi sanitari devono avere maggiore attenzione nel garantire un'alimentazione ottimale in ogni fase della vita di una persona, secondo un nuovo rapporto  pubblicato dall'Organizzazione mondiale della sanità. 

Si stima che il giusto investimento nella nutrizione potrebbe salvare 3,7 milioni di vite entro il 2025.

Secondo il rapporto, l'assistenza sanitaria di base è il fondamento della copertura sanitaria universale; si tratta di un approccio dell'intera società alla salute e al benessere, incentrato sui bisogni e le preferenze di individui, famiglie e comunità. 

La nutrizione è un fondamento per la salute e il benessere di tutti, senza lasciare nessuno indietro, e una componente fondamentale dell'assistenza sanitaria di base, attraverso la sua promozione e prevenzione, affrontando i suoi determinanti e un approccio centrato sulle persone.

Le popolazioni più sane vengono raggiunte attraverso azioni multisettoriali che non si limitano ai soli sistemi sanitari, anche se spesso utilizzano le funzioni di amministrazione, patrocinio e regolamentazione dei ministeri della salute. 

La nutrizione ottimale per la salute individuale e lo sviluppo collega gli interventi dei sistemi sanitari per migliorare la salute delle popolazioni.

Gli interventi rivolti alla salute nel corso della vita (che copre donne, uomini, neonati, bambini, adolescenti e persone anziane) contribuiscono alla fornitura di assistenza sanitaria di base integrata. 

Lo scopo principale della pubblicazione è fornire una raccolta di azioni per affrontare la malnutrizione in tutte le sue forme, in modo conciso e di facile utilizzo per aiutare nei processi decisionali per l'integrazione degli interventi nutrizionali nelle politiche, strategie e piani sanitari nazionali basati su esigenze specifiche per paese e priorità globali.

Attualmente i numeri della situazione nutrizionale nel mondo - illustrata anche nel recente rapporto Onu di metà luglio- sono:

- numero di persone affamate nel mondo nel 2018: 821,6 milioni (1 su 9 persone: in Asia 513,9 milioni; in Africa 256,1 milioni; in America Latina e Caraibi 42,5 milioni);
- numero di insicurezza alimentare moderata o grave: 2 miliardi (26,4%);
- bambini nati con basso peso alla nascita: 20,5 milioni (uno su sette);
- bambini sotto i 5 anni affetti da arresto della crescita (altezza ridotta per età): 148,9 milioni (21,9%);
- bambini sotto i 5 anni con peso ridotto per altezza: 49,5 milioni (7,3%);
- bambini sotto i 5 anni in sovrappeso (peso elevato per altezza): 40 milioni (5,9%);
- bambini in età scolare e adolescenti in sovrappeso: 338 milioni;
- adulti obesi: 672 milioni (13%, 1 su 8 adulti).

"Per fornire servizi sanitari di qualità e raggiungere la copertura sanitaria universale, la nutrizione dovrebbe essere posizionata come una delle pietre miliari dei pacchetti sanitari essenziali", ha affermato Naoko Yamamoto, vicedirettore generale Oms. "Abbiamo anche bisogno di ambienti alimentari migliori che consentano a tutte le persone di consumare diete sane".

I pacchetti sanitari essenziali in tutti gli ambienti devono contenere solidi componenti nutrizionali, ma i paesi dovranno decidere quali interventi supportano meglio le loro politiche, strategie e piani sanitari nazionali.

Gli interventi chiave includono: fornire integratori di ferro e acido folico nell'ambito dell'assistenza prenatale; ritardare il bloccaggio del cordone ombelicale per garantire che i bambini ricevano importanti nutrienti di cui hanno bisogno dopo la nascita; promuovere, proteggere e sostenere l'allattamento al seno; fornire consigli sulla dieta come limitare l'assunzione di zuccheri liberi negli adulti e nei bambini e limitare l'assunzione di sale per ridurre il rischio di malattie cardiache e ictus.

Gli investimenti nelle azioni nutrizionali aiuteranno i paesi ad avvicinarsi al loro obiettivo di raggiungere una copertura sanitaria universale e gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Può anche aiutare l'economia: ogni dollaro speso in programmi di nutrizione di base ne restituisce 16 all'economia locale. 
 
Il mondo ha fatto progressi sulla nutrizione ma esistono ancora grandi sfide. Tra il 1990 e il 2018, la prevalenza della stadiazione (il rapporto altezza-età) nei bambini di età inferiore ai 5 anni è diminuita dal 39,2% al 21,9%, da 252,5 milioni a 149,0 milioni di bambini, sebbene i progressi siano stati molto più lenti in Africa e nel sud-est asiatico.

L'obesità, tuttavia, è in aumento. La prevalenza di bambini considerati in sovrappeso è passata dal 4,8% al 5,9% tra il 1990 e il 2018, con un aumento di oltre 9 milioni di bambini. Anche il sovrappeso e l'obesità degli adulti sono in aumento in quasi ogni regione e paese, con 1,3 miliardi di persone in sovrappeso nel 2016, di cui 650 milioni (il 13% della popolazione mondiale) sono obesi.

L'obesità è un importante fattore di rischio per il diabete; malattie cardiovascolari (principalmente malattie cardiache e ictus); disturbi muscoloscheletrici (in particolare l'artrosi - una malattia degenerativa altamente invalidante delle articolazioni); e alcuni tumori (inclusi endometriale, mammella, ovaia, prostata, fegato, cistifellea, rene e colon).

Una maggiore attenzione alla nutrizione da parte dei servizi sanitari è la chiave per affrontare entrambi gli aspetti del "doppio onere" della malnutrizione. 

La nuova pubblicazione Oms è una raccolta di azioni nutrizionali per affrontare questo "doppio onere" di sottopeso e sovrappeso e fornire uno strumento ai paesi per integrare gli interventi nutrizionali nelle loro politiche nazionali di salute e sviluppo.
 


06 settembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy