Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 12 NOVEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Copertura sanitaria universale. Oms: “Investire almeno l’1% del Pil nell’assistenza sanitaria di base o entro il 2030 rischiano di rimanere senza cure 5 miliardi di persone”

Mentre la copertura sanitaria complessiva è aumentata costantemente dal 2000, il rapporto mostra grandi lacune nei servizi sanitari nei paesi più poveri e in quelli colpiti da conflitti. Le aree rurali tendono a soffrire di una copertura inferiore, a causa della mancanza di infrastrutture, carenza di operatori sanitari e cure di scarsa qualità. IL RAPPORTO

22 SET - I paesi devono aumentare la spesa per l'assistenza sanitaria di base di almeno l'1% del loro prodotto interno lordo (PIL) se il mondo deve colmare lacune di copertura evidenti e raggiungere gli obiettivi sanitari concordati nel 2015”. È quanto si afferma il nuovo rapporto di monitoraggio della copertura sanitaria universale dell'Organizzazione mondiale della sanità alla vigilia di una riunione di alto livello dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sul tema.
 
“Devono anche intensificare gli sforzi – si sottolinea – per espandere i servizi a livello nazionale”. “Il mondo dovrà raddoppiare la copertura sanitaria tra oggi e il 2030” secondo il Rapporto in cui si sottolinea come se le attuali tendenze continueranno, “fino a 5 miliardi di persone non saranno ancora in grado di accedere all’assistenza sanitaria nel 2030 – la scadenza che i leader mondiali hanno fissato per raggiungere la copertura sanitaria universale. La maggior parte di quelle persone sono povere e già svantaggiate”.
 
"Se siamo seriamente intenzionati a raggiungere una copertura sanitaria universale e a migliorare la vita delle persone, dobbiamo prendere sul serio l'assistenza sanitaria di base", afferma il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS. "Ciò significa fornire servizi sanitari essenziali come immunizzazione, cure prenatali, consigli di stile di vita sano il più vicino possibile a casa - e assicurarsi che le persone non debbano pagare per queste cure di tasca propria".

 
Investire ulteriori 200 miliardi di dollari all'anno nel potenziamento dell'assistenza sanitaria di base nei paesi a basso e medio reddito potrebbe potenzialmente salvare 60 milioni di vite, aumentare l'aspettativa di vita media di 3,7 anni entro il 2030 e contribuire in modo significativo allo sviluppo socioeconomico. Rappresenterebbe un aumento di circa il 3% sui 7,5 trilioni di dollari già spesi per la salute a livello globale ogni anno.
 
La maggior parte di quel finanziamento verrebbe dagli stessi paesi. Il rapporto afferma che “la maggior parte dei paesi può aumentare l'assistenza sanitaria di base utilizzando le risorse domestiche - aumentando la spesa pubblica per la salute in generale o riallocando la spesa per l'assistenza sanitaria di base - o facendo entrambe le cose”. Al momento, la maggior parte dei paesi sta investendo poco nella sanità primaria.
 
Ma per i paesi più poveri, compresi molti colpiti da conflitti, questo potrebbe non essere fattibile. “Questi paesi continueranno a richiedere assistenza dall'esterno. Questi finanziamenti devono essere attentamente mirati per ottenere un miglioramento duraturo dei sistemi e dei servizi sanitari, attraverso un rafforzamento sistematico dell'assistenza sanitaria di base in tutto il paese”.
 
Accelerare il potenziamento dei servizi
“I paesi – evidenzia il report - devono anche rinnovare gli sforzi per aumentare la copertura dei servizi in tutto il paese. Sebbene la copertura sia aumentata costantemente dal 2000, i progressi sono rallentati negli ultimi anni. La maggior parte degli aumenti si è verificata nei paesi a basso reddito, ma questi paesi sono ancora in ritardo. Le maggiori carenze nei servizi sanitari si riscontrano nei paesi più poveri e in quelli colpiti da conflitti”.
 
"Troppe donne e bambini continuano a morire per cause facilmente prevenibili e curabili semplicemente perché non riescono a ottenere le cure di cui hanno bisogno per sopravvivere", ha affermato Henrietta Fore, direttore esecutivo dell'UNICEF. "Lavorando con le comunità per fornire assistenza sanitaria di base ai più poveri e ai più vulnerabili, possiamo raggiungere l'ultimo miglio e salvare milioni di vite".
 
La copertura è generalmente inferiore nelle aree rurali rispetto alle città. Il rapporto cita la mancanza di infrastrutture sanitarie, la carenza di operatori sanitari, sistemi di approvvigionamento deboli e cure di scarsa qualità che portano a una scarsa fiducia tra le comunità come ostacoli importanti al raggiungimento dell'UHC.
 
"Il miglioramento e l'espansione dell'assistenza sanitaria di base in tutte le regioni è fondamentale", afferma Natalia Kanem, direttore esecutivo dell'UNFPA. "È il modo migliore per garantire che le persone possano ottenere servizi per coprire la maggior parte delle loro esigenze di salute dalla pre-nascita per tutta la vita."
 
Protezione contro le difficoltà finanziarie
 
Il rapporto evidenzia anche la necessità di proteggere le persone dalle difficoltà finanziarie. 
"L'obiettivo della copertura sanitaria universale rimarrà inafferrabile a meno che i paesi non prendano misure urgenti per proteggere le persone dalla caduta in povertà per pagare le cure sanitarie essenziali", afferma Muhammad Pate, Direttore globale, Salute, Nutrizione e Popolazione presso la Banca mondiale. "L'ampliamento dell'accesso a servizi sanitari primari di qualità salverà più vite e manterrà i costi sanitari accessibili".
 
Più persone stanno soffrendo le conseguenze del pagamento dei servizi di tasca propria rispetto a 15 anni fa. Circa 925 milioni di persone spendono oltre il 10% del loro reddito familiare per l'assistenza sanitaria; 200 milioni di persone spendono oltre il 25% del proprio reddito per la salute. E l'impoverimento dovuto al pagamento dell'assistenza sanitaria è aumentato tranne che tra i estremamente poveri.
 
"È scioccante vedere una parte crescente della popolazione che fatica a sbarcare il lunario perché sta pagando troppo per la propria salute, anche nelle economie avanzate", aggiunge Angel Gurria, segretario generale dell'OCSE. "L'unico posto in cui ciò non accade è nei paesi che investono sempre più efficacemente nella salute".
 
Il 23 settembre, i leader mondiali discuteranno di una dichiarazione di vasta portata sulla copertura sanitaria universale. La Dichiarazione elenca una serie di passi per avanzare verso l'UHC. Questi includono le raccomandazioni dell'OMS relative all'assistenza sanitaria di base, inclusa l'assegnazione di un ulteriore 1% di PIL all'assistenza sanitaria di base attraverso investimenti aggiuntivi o riallocazione.

22 settembre 2019
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il Rapporto

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy