Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Denucia Oms. In alcuni Paesi africani e asiatici il 42% delle donne subisce abusi e maltrattamenti durante il parto

Lo studio, condotto in Ghana, Guinea, Myanmar e Nigeria, ha rilevato che 838 (42%) su 2.016 donne hanno subito abusi, stigmi o discriminazioni fisiche o verbali. Il 14% ha subito abusi fisici (schiaffi e pugni). RACCOMANDAZIONI OMS: CURE INTRAPARTUM PER UN'ESPERIENZA DI PARTO POSITIVA.

10 OTT - Uno studio-denuncia dell'Oms appena pubblicato su Lancet, mostra che oltre un terzo delle donne in quattro paesi a basso reddito ha subito maltrattamenti durante il parto in strutture sanitarie. Le donne più giovani e meno istruite sono risultate le più a rischio di maltrattamenti, che possono includere abusi fisici e verbali, stigmatizzazione e discriminazione, procedure mediche condotte senza il loro consenso, uso della forza durante le procedure e abbandono o abbandono da parte degli operatori sanitari.
 

 

Lo studio, condotto in Ghana, Guinea, Myanmar e Nigeria, ha rilevato che 838 (42%) su 2.016 donne hanno subito abusi, stigmi o discriminazioni fisiche o verbali. Il 14% ha subito abusi fisici (schiaffi e pugni). C'erano anche alti tassi di taglio cesareo non consensuale, episiotomie (tagli chirurgici effettuati all'apertura della vagina durante il parto) ed esami vaginali.

 

Le linee guida dell'Oms promuovono un'assistenza alla maternità rispettosa per tutte le donne, che è cura che mantiene "la dignità, la privacy e la riservatezza, garantisce la libertà da danni e maltrattamenti e consente una scelta informata e un sostegno continuo durante il travaglio e il parto".

Tra le donne osservate dai ricercatori, 35 (13%) part cesarei sono stati effettuati senza il consenso della donna, così come 190 su 253 episiotomie (75%). Gli esami vaginali si sono verificati senza consenso nel 59% dei casi (2611 su 4393 esami).

 

Oltre all'abuso fisico, 752 (38%) sulle donne sono state osservati livelli elevati di abuso verbale - il più delle volte vengono sgridate e derise. Undici donne hanno subito stigmatizzazione o discriminazione, in genere per quanto riguarda la loro razza o etnia.

 

Per affrontare i maltrattamenti durante il parto, i sistemi sanitari secondo l’Oms devono essere ritenuti responsabili e devono essere messe a punto risorse sufficienti per fornire assistenza sanitaria materna di qualità, accessibile e politiche chiare sui diritti delle donne. Anche gli operatori sanitari richiedono supporto e formazione per garantire che le donne siano trattate con compassione e dignità.

 

Le possibili strategie includono:

- riprogettare i reparti del lavoro per soddisfare le esigenze delle donne, anche tenendo conto della privacy e della compagnia del lavoro;

- migliorare il processo di consenso informato su tutti gli interventi medici;

- fornire tutoraggio e supporto sufficienti agli operatori sanitari per aiutarli a fornire cure di qualità migliore;

- consentire a tutte le donne che lo vogliono di avere una compagnia di loro scelta con loro durante il travaglio e il parto;

- sviluppare la domanda pubblica di servizi di maternità di alta qualità che forniscono assistenza incentrata sulle donne e non tollerano alcuna forma di maltrattamento.

 

Le associazioni professionali possono anche svolgere un ruolo cruciale nel promuovere e sostenere un'assistenza rispettosa tra le ostetriche, gli ostetrici e salvaguardare i loro diritti. L'Oms invita queste figure a collaborare per garantire che i maltrattamenti durante il parto siano identificati e segnalati in modo coerente e che vengano implementate misure localmente appropriate.

 

I risultati dello studio dovrebbero essere utilizzati per sviluppare politiche e programmi per garantire che tutte le donne abbiano esperienze positive di gravidanza e parto, supportate da operatori sanitari abilitati all'interno di sistemi sanitari ben funzionanti.

 

Questa ricerca è stata resa possibile dal sostegno dell'Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) e il Programma speciale UNDP / UNFPA/UNICEF/OMS/Banca mondiale di ricerca, sviluppo e formazione alla ricerca sulla riproduzione umana (HRP) Dipartimento di salute riproduttiva e ricerca, Oms.

 

Nel 2014, l'Oms ha diffuso una dichiarazione sulla prevenzione e l'eliminazione della mancanza di rispetto e degli abusi durante il parto in struttura. La dichiarazione dell'Oms ha posizionato i maltrattamenti durante il parto come una violazione dei diritti e della fiducia tra le donne e i loro fornitori di assistenza sanitaria. Ha inoltre richiesto maggiore azione, dialogo, ricerca e sostegno.

 

Le raccomandazioni dell'Oms  2018 sull'assistenza intrapartum per un'esperienza di parto positiva evidenziano l'importanza dell'assistenza incentrata sulla donna per ottimizzare le esperienze di lavoro e parto delle donne attraverso un approccio olistico e basato sui diritti umani. Ciò include la fornitura di cure di maternità rispettose che mantengano la dignità, la privacy e la riservatezza delle donne, consentano una scelta informata e un sostegno continuo durante il travaglio e il parto e assicurano la libertà dal maltrattamento.

10 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy