Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 16 NOVEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Copertura sanitaria universale: i parlamentari di 179 Paesi hanno votato una risoluzione per il suo raggiungimento entro il 2030

La risoluzione è stata votata all'unanimità dall'Unione interparlamentare (IPU) e segue quella adottatata dalle Nazioni Unite lo scorso settembre. Tedros Adhanom Ghebreyesus (DG Oms): "Ora è il momento di trasformare questi impegni in risultati sulla salute". La risoluzione termina con una richiesta all'Oms di collaborare con l'IPU e altri partner per sostenere l'attuazione della risoluzione a livello globale, regionale e nazionale e per monitorare i progressi.

22 OTT - L’UHC, l’assistenza sanitaria universale globale, prevede di investire ulteriori 200 miliardi di dollari all'anno nel potenziamento dell'assistenza sanitaria di base nei paesi a basso e medio reddito potrebbe potenzialmente salvare 60 milioni di vite, aumentare l'aspettativa di vita media di 3,7 anni entro il 2030 e contribuire in modo significativo allo sviluppo socioeconomico. Il rapporto stima che ciò rappresenterebbe un aumento di circa il 3% sui 7,5 trilioni di dollari già spesi per la salute a livello globale ogni anno.

E con una nuova risoluzione l'Unione interparlamentare (IPU, Inter-Parliamentary Union) ha votato all’unanimità il raggiungimento della copertura sanitaria universale (UHC) entro il 2030.

 

La risoluzione, adottata dall'Assemblea dell'IPU a Belgrado, in Serbia, arriva un mese dopo che i capi di stato hanno concordato un Dichiarazione politica delle Nazioni Unite sull'UHC a New York.

 

L’ Unione interparlamentare  dal 1921 ha sede a Ginevra ed è l’organizzazione internazionale dei Parlamenti. Istituita nel 1889, è la più vecchia delle istituzioni internazionali di tipo politico.

 

L’IPU ha come obiettivi:

- favorire i contatti, il coordinamento e lo scambio d’esperienze tra i Parlamenti e i parlamentari di tutti i Paesi;

- esaminare e prendere posizione su questioni d’interesse internazionale (pace e sicurezza, sviluppo sostenibile, donne in politica, educazione, scienza e cultura) per un’azione da parte dei Parlamenti e dei parlamentari;

- contribuire alla difesa e alla promozione dei diritti umani  e del diritto umanitario, e in particolare alla protezione dei diritti umani dei parlamentari;

- contribuire a una migliore conoscenza del funzionamento delle istituzioni rappresentative e al rafforzamento dello sviluppo dei loro mezzi d’azione.

 

L'UHC, quindi, è sempre più considerata una pietra miliare per uno sviluppo globale sostenibile in quanto leader e comunità riconoscono che la salute è sia un diritto umano che essenziale per la crescita economica.

 

“La copertura sanitaria universale è una scelta politica. Il mese scorso, i leader mondiali hanno dichiarato di essere pronti a fare questa scelta. Ora è il momento di trasformare questi impegni in risultati sulla salute ", ha affermato  Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms.

 

Ha aggiunto: “I parlamentari hanno un ruolo vitale da svolgere per far sì che ciò accada. Perché sono i parlamentari che approvano le leggi e assegnano finanziamenti. Sono i parlamenti che mantengono il governo responsabile degli impegni assunti e forgiano i partenariati che aiutano i paesi a trasformare in realtà la copertura sanitaria universale”.

 

La risoluzione invita i parlamenti e i parlamentari a "prendere tutte le misure possibili per raggiungere l'UHC", sottolineando la necessità di solidi quadri giuridici e la necessità di assegnare risorse adeguate.

 

Come la dichiarazione delle Nazioni Unite, sottolinea l'importanza di garantire un'assistenza sanitaria di base forte - la fornitura di servizi sanitari essenziali a livello comunitario - e il rafforzamento dei sistemi sanitari. 

 

Sottolinea inoltre il ruolo che i forti sistemi e servizi sanitari svolgono nel garantire la sicurezza sanitaria globale. Solo quando i gruppi più vulnerabili possono ottenere assistenza sanitaria, un paese può proteggere la sua gente e garantire che le epidemie non degenerino e si diffondano ulteriormente.

 

La risoluzione include una forte attenzione alla salute delle donne, dei bambini e degli adolescenti, inclusa la salute sessuale e riproduttiva come componente chiave di UHC.

 

La risoluzione termina con una richiesta all'Oms di collaborare con l'IPU e altri partner per sostenere l'attuazione della risoluzione a livello globale, regionale e nazionale e per monitorare i progressi.

 

"La risoluzione evidenzia il potere della collaborazione tra IPU e Oms e si basa sul protocollo d'intesa che entrambi abbiamo firmato nell'ottobre 2018", ha aggiunto Tedros.

 

A settembre 2019 durante l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, l'Oms e 11 organizzazioni partner hanno lanciato, una 'collaborazione più forte, una migliore salute : piano d'azione globale per una vita sana e un benessere per tutti' . Il piano d'azione globale delinea i modi in cui le 12 agenzie lavoreranno insieme per supportare meglio i paesi accelerando i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile relativi alla salute.

 

Il Rapporto sul monitoraggio globale dell'UHC , pubblicato dall'Oms e dai partner sempre a settembre, ha evidenziato la necessità di raddoppiare la copertura sanitaria tra oggi e il 2030. Avverte che se le attuali tendenze dovessero continuare, fino a 5 miliardi di persone non saranno ancora in grado di accedere all'assistenza sanitaria nel 2030, la scadenza che i leader mondiali hanno fissato per raggiungere una copertura sanitaria universale. La maggior parte di queste persone è povera e non ha accesso ai servizi sanitari di base.

22 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy