Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 GENNNAIO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Istat. Sempre meno assistenza domiciliare e sempre più emigrazione ospedaliera

Pubblicati i valori medi a livello provinciale e regionale relativi ai servizi di cura, contenuti nella "Banca dati indicatori territoriali per le politiche di sviluppo": 324 indicatori (268 + 56 di genere) disponibili a livello regionale e sub regionale, per macroarea e per le aree obiettivo dei diversi cicli delle politiche di sviluppo rilasciati nell’ambito della rete Sistan. Tra questi uno riguarda i "Servizi di cura".

21 NOV - Sul territorio solo l’1,2% di anziani (over 65) in Italia ha usufruito dell’assistenza domiciliare integrata nel 2015: -06% rispetto a dieci anni prima, nel 2005, quando erano l’1,9 per cento.

Ad aumentare invece in dieci anni, tra il 2006 e il 2016, è l’emigrazione ospedaliera che cresce del +0.6%, dall’8,1% dei ricoveri per acuti nel 2006 all’8,7% di quelli 2016.

Un andamento confermato in parte dalle giornate di degenza dei due anni a confronto: quelle fuori Regione calano a livello di media provinciale del -17,4% (da 29.141 a 24.083) mentre si riducono di più quelle nelle Regione di appartenenza – confermando il calo dei ricoveri già indicato nelle Sdo – che scendono del -22,1% (da 438.217 a 341.399).

Sono i valori medi a livello provinciale relativi ai servizi di cura che l’Istat ha diffuso assieme a quelli regionali nella "Banca dati indicatori territoriali per le politiche di sviluppo": 324 indicatori (268 + 56 di genere) disponibili a livello regionale e sub regionale, per macroarea e per le aree obiettivo dei diversi cicli delle politiche di sviluppo rilasciati nell’ambito della rete Sistan.

Gli indicatori dei servizi di cura analizzano due livelli: quello regionale e, per la prima volta, quello provinciale.

Il livello regionale

A livello regionale le medie totali sono ovviamente analoghe a quelle del livello provinciale, ma si nota ad esempio che tra il 2006 e il 2016 tutte le Regioni hanno ridotto la percentuale di over 65 – che pure sono aumentati – assistiti in ADI.

La riduzione maggiore è in Sicilia (-2,3%), quella minore in Puglia (-0,1%). A livello di area geografica, rispetto a una media italiana di -0,8% la riduzione maggiore è nel Mezzogiorno (-0.9%) con il Sud a -0,7% e le Isole a -1,4 per cento. Dove va meglio (ma pure sempre in riduzione) è il Nord (-0,2%).

I dati forniscono anche una misura della spesa per l’ADI sotto forma di incidenza percentuale sulla spesa sanitaria totale, ma i valori si fermano al 2012. Comunque, tra il 2002 e il 2012 (sempre su dieci anni quindi, la spesa per ADI è calata del -1,4% solo nelle Isole (in Sicilia -2,4%; in Sardegna +1,8%), mentre risulta aumentata in tutte le altre Regioni, dal massimo del +4.7% in Emilia-Romagna, al minimo del +0,3% nel Lazio e in Valle d’Aosta.

Per quanto riguarda l’emigrazione ospedaliera, la differenza 2006-2016 registra cali e aumenti. Il maggior calo si ha a Trento (-4,2%), il minore in Campania (-0,2%). L’aumento maggiore invece è in Molise (+5%), quello minore (ma pur sempre aumento) a Bolzano (+0,2%).

Per quanto riguarda le giornate di degenza, quelle nella Regione di residenza si riducono del -19,3%, quelle in Regioni diverse da quella di residenza del -15,5 per cento.
 


Il livello provinciale

A livello provinciale la percentuale maggiore di anziani assistiti in ADI nel 2015 è stata a Bolzano (4,9%), seguita da Aosta (4,7%), Belluno (3,8%) e quindi una provincia del Sud, Ogliastra in Sardegna con 3,6 per cento.

Per quanto riguarda le differenze 2005-2015 nell’ADI per gli anziani, il calo maggiore nell’assistenza si registra a Isernia (-5,3%) mentre l’aumento più consistente è ad Aosta (+2.3%).

Sul fronte dell’emigrazione ospedaliera le Province dove questa nel 2016 è al top sono Isernia (27,6%, più di un quarto dei ricoverati acuti), seguita da Reggio Calabria (22,6%), Matera (22,5%) e Cosenza 22,2%). Bisogna arrivare al settimo posto per trovare una città del Nord, La Spezia, con il 19,6%, mentre per trovarne una del Centro al nono posto c’è Rieti con il 19,3 per cento.

Dal punto di vista della differenza decennale (2006-2016) la percentuale maggiore col segno meno (dove quindi si è ridotta la migrazione) spetta a Mantova con il -5,1% mentre quella col segno più (dove questa quindi è aumentata è Isernia con il +7,4 per cento.

Per le giornate di degenza, essendo i valori assoluti legati anche alla dimensione della Provincia (in testa ci sono sempre Roma e Milano o Roma e Napoli rispettivamente per ricoveri in Regioni diverse o nella Regione di residenza), le differenze maggiori in calo a livello percentuale si rilevano tra i ricoveri in Regioni non di residenza a Milano (-47,1%) seguita da Brescia (-42,9%) e da Mantova (-40,9%). A onor del vero al quarto posto per riduzione c’è una Provincia del Sud, Foggia, dove i ricoveri fuori Regione sono calati nel periodo del -40 per cento.

Sul versante opposto le percentuali sono ben più elevate. La “fuga maggiore tra il 2006 e il 2016 è stata da Carbonia Iglesias (+69,7%), seguita da Verona (+62,1%), Olbia Tempio Pausania (+46,5%) e Rieti (+44,2%).

Per i ricoveri nella Regione di residenza invece tutti i valori tranne quelli di Pistoia, Perugia e Piacenza che aumentano rispettivamente del + 13,5%, +3,5% e +1,9%, tutte le Province registrano un calo. Quella con il valore maggiore è Ascoli Piceno (-54,7%), seguita da Cosenza (-44,7%), Ogliastra (-41,8%) e Bari (-41,5%), mentre dove il calo è stato minore è Cremona, che riposta lo stesso dato di dieci anni prima (-0%), seguita da Rimini (-2,9%), Bergamo (-4,5%) e Gorizia (-5,3%).
 
     
      

21 novembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy