Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 08 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Si ricomincia a litigare… Forse stiamo tornando alla normalità…

di Cesare Fassari

Regioni contro il Governo e viceversa. Medici contro i manager di Asl e Ospedali e contro i tecnici responsabili della gestione dell’epidemia. Politici di nuovo l’un contro l’altro armati. Scienziati litigiosi e politica insofferente verso i dubbi della scienza. E i giornalisti, o troppo allarmisti o troppo negazionisti. Insomma la solidarietà anti Covid sembra già finita e si ricomincia come prima (e forse sarà anche peggio)

14 APR - Da qualche giorno, dopo i primi timidi approcci polemici e quasi sottotono in nome della solidarietà nazionale targata Covid, si ricomincia a litigare. Un po’ su tutto. Sulle mascherine, sulle librerie, sulle spiagge e sulle passeggiate.
 
Anche in politica, la tregua (se mai c’è stata…) è finita. E così le Regioni si riscoprono contro il Governo e il Governo contro le Regioni. Ma le Regioni ora ce l’hanno anche con i Comuni e viceversa.
 
E poi i Medici contro i Manager di asl e ospedali ma anche contro Istituzioni scientifiche come l’Iss. Del resto anche gli Scienziati litigano tra loro (ma non è una grande novità) e la Politica, dopo una catarsi pro scienza, comincia a dare i primi segni di insofferenza contro i dubbi della scienza e i tempi immisurabili della ricerca.
 
Dal canto loro i Partiti sembrano gasatissimi per la ripresa del social game a suon di post e video messaggi con il rispolvero di termini soft come “bugiardo, traditore, ecc.”. Anche i Giornalisti sono di nuovo sotto tiro, per le abituali schermaglie politiche, ma anche perché giudicati o troppo allarmisti o troppo negazionisti verso il Covid (un po' come ai tempi dei vaccini).
 
Ultima di giornata, poi, la polemica sul Mes targato Covid e finalizzato alle sole spese sanitarie senza vincoli alla sua utilizzazione. Un'ipotesi che sta spaccando anche la maggioranza di Governo tra i fautori del sì al suo utilizzo e quelli del no e che appare essere fondata più su questioni di principio che di sostanza (in ballo, tanto per ricordarlo, ci sono circa 35/37 miliardi che l'Italia potrebbe usare per l'emergenza sanitaria).
 
Tutto come prima quindi? Pare proprio di sì. La tregua scattata in nome della solidarietà anti Covid sembra già un ricordo e si ricomincia a litigare su tutto (e forse sarà anche peggio quando dovremo fare i conti con la crisi economica devastante che ci aspetta).
 
Cesare Fassari

14 aprile 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy