Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 26 SETTEMBRE 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid. Ora, evitiamo di fare “il nulla”

di Ettore Jorio

Prescindendo dagli indici R-T regionali nettamente al di sotto di quello nazionale, molti dei quali per mero regalo della natura, occorre stare molto attenti, anche in considerazione di due elementi: l'estate che è arrivata e la ripresa delle attività scolastiche. Una cautela che occorre praticare ovunque!

20 LUG - L'esperienza del coronavirus ha fatto scoprire che la popolazione italiana è tra le più accorte e disciplinate del Pianeta. Non solo. Ossequiosa delle indicazioni e dei divieti finalizzati a tutelare l'interesse collettivo, specie quanto è inteso come somma di quello dei singoli. Quindi, la preoccupazione di ammalarsi ha generato massa critica nei confronti delle nostre abitudini, tanto da metterle da parte per cinque mesi.
 
Dunque, grande rispetto per le cose che ci sono state propinate, anche maldestramente, da un esercito di virologi, alcuni dei quali indebiti perché tra essi c'erano tanti infiltrati, nel senso di appartenenti a specialistiche simili ma diverse.

Gli indici regionali sottomedia contano poco senza avvedutezza
Da qui, l'ingenuità, la solita che in fondo ci caratterizza, di accettare nei momenti di paura i consigli di chi è più bravo a provocarcela, senza contare le indicazioni che ci vorrebbero più attenti al nostro domani, tutelato dagli investimenti di oggi.
I contagi non si fermano, tutt'altro assumono più dinamicità. L'indice che rappresenta la velocità dei contagi dopo l'applicazione delle misure contenitive dell'infezione, il c.d. R-T, è tornato a superare il coefficiente nazionale di 1 (1,01 per l'esattezza). Ciò vuole dire che si registra nel Paese una media di un nuovo soggetto contagiato per ogni positivo Covid-19.


Il virus non ha confini e mancano le «dogane» politiche e sanitarie
Prescindendo dagli indici R-T regionali nettamente al di sotto di quello nazionale, molti dei quali per mero regalo della natura, occorre stare molto attenti, anche in considerazione di due elementi: l'estate che è arrivata e la ripresa delle attività scolastiche. Una cautela che occorre praticare ovunque!
 
In alcune regioni più che altrove esistono precarietà tali da incutere paura. Due (Calabria e Molise) sono commissariate e male. In tante si registra l'insufficienza di strutture ospedaliere attrezzate ad affrontare una più che eventuale recrudescenza autunnale. In tutte si constatano una assistenza territoriale inesistente, una programmazione delle Usca che definirla scadente è fin troppo generoso, una progressiva desertificazione delle corsie e una medicina di famiglia più assente che altrove.
 
Una difficoltà organizzativa, questa, che non renderebbe possibile porre rimedio alla trasformazione di un Covid che oggi sta progredendo e veicolando «per focolai» ad una trasmissione massiva del coronavirus. Ci troveremmo nei guai seri!

Abitudini giovanili e limiti psicologici
Già i focolai di questi giorni stanno mettendo in difficoltà il sistema della salute ma soprattutto generando una preoccupazione comune e diffusa, per lo più rappresentata da genitori che si accorgono di essere incapaci di limitare e riportare a tutela i comportamenti dei loro figli, restii a praticare quantomeno un divertimento «difensivo». Il rispetto delle distanze, fisiche e dinamiche per dirla alla David Parenzo, l'uso della mascherina non sono, infatti, il piatto forte dei giovani (e non solo). Ed è il caso anche di comprenderne sia le ragioni comunicative che estetiche.

Evitiamo di fare il nulla
Per intanto, occorre fare qualcosa. L'unico rimedio - al di là del perdurare dello stato di emergenza in pectore che non sembra nutrire tanti consensi e, quindi, varrà poco o nulla nell'educare l'esercito di chi è legittimamente attratto dal divertimento estivo festaiolo - è l'investimento in informazione, quella seria. Un po' quello che si è fatto con l'educazione sessuale per combattere preventivamente l'HIV, che ha registrato un importante successo. 
 
Un'ipotesi di lavoro per tutte le istituzioni, Regioni in testa. Dovranno doverosamente impegnare allo scopo risorse dignitosamente consistenti per promuovere attività promozionali costantemente ripetute, magari rappresentate da testimonial noti ma credibili nelle fasce di età giovanili, del tipo qualche noto cantante rap che potrebbe farlo anche gratis considerata la finalità salutare.
 
E ancora. Istituire importanti incentivi economici vincolati da erogare subito in favore delle iniziative dello svago e del tempo libero, peraltro in forte crisi, che assumano la prevenzione a baluardo del loro modo di fare impresa, quasi a stimolarli a partecipare e vincere una sorta di campionato della prudenza, che di questi tempi è il criterio/principio cui doversi assolutamente ispirare.
 
Ma si sa, nei confronti della prevenzione (è questa lo è con la maiuscola) c'è poca sensibilità! Paga poco in termini politici.
 
Ettore Jorio
Università della Calabria
 


20 luglio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy