Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 01 DICEMBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Sorveglianza Covid. Ecdc: “È ora di cambiare. Troppi test asintomatici e poi serve sistema unico integrato con monitoraggio influenza”


“I paesi dovrebbero concentrarsi sulla segnalazione di casi sintomatici, ovvero casi che sono stati testati a causa di sintomi compatibili con COVID-19, per migliorare la comparabilità della situazione tra Paesi” Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha redatto una guida per incoraggiare i Paesi europei a passare dalla sorveglianza di emergenza per il Covid a sistemi di monitoraggio più sostenibili e integrati con quelli di controllo di altre malattie dell’apparato respiratorio. LA GUIDA.

19 OTT - La maggior parte dei paesi dell'Unione europea/Spazio economico europeo (UE/SEE) ha istituito sistemi di sorveglianza completi per COVID-19 con un'ampia percentuale di segnalazione di tutti i casi positivi indipendentemente dall'indicazione per il test. Inoltre, le politiche di test sono state diverse tra i paesi, influenzando così la comparabilità dei dati a livello UE/SEE.
 
Partendo da queste premesse l’Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) ha messo a punto una guida metodologica per incoraggiare i paesi europei a passare dalla sorveglianza di emergenza a sistemi di sorveglianza più sostenibili e basati su obiettivi secondo i seguenti punti chiave:
• I sistemi dovrebbero consentire la sorveglianza integrata di COVID-19, influenza e altri agenti patogeni respiratori che potrebbero co-circolare nella popolazione.
 
• Gli attuali sistemi di sorveglianza dell'influenza non sono sufficientemente sensibili e rappresentativi per consentire la sorveglianza congiunta di COVID-19, pertanto i paesi dovrebbero considerare di espandere la copertura dei soggetti sentinella per migliorare la sensibilità e raccogliere campioni sufficienti per un'ulteriore caratterizzazione.

 
• I paesi dovrebbero concentrarsi sulla segnalazione di casi sintomatici, ovvero casi che sono stati testati a causa di sintomi compatibili con COVID-19, poiché ciò migliorerà la comparabilità.
 
• Se non è possibile eseguire un test completo di tutti coloro che presentano sintomi, dovrebbe essere testato un sottoinsieme rappresentativo di casi sintomatici, preferibilmente mediante PCR.
 
• È necessario sequenziare un sottoinsieme rappresentativo di campioni positivi per SARS-CoV-2. La sorveglianza genomica di campioni rappresentativi dovrebbe essere associata a un campionamento completo mirato in ambienti o popolazioni speciali.
 
• Il monitoraggio dell'efficacia del vaccino dovrebbe essere effettuato attraverso studi ad hoc, possibilmente integrati in sistemi di sorveglianza.
 
• I paesi dovrebbero continuare il monitoraggio della mortalità e prendere in considerazione indagini siero-epidemiologiche tra sistemi complementari che aiuteranno a raggiungere i principali obiettivi di sorveglianza.

19 ottobre 2021
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer La guida Ecdc

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy