Quotidiano on line
di informazione sanitaria
28 NOVEMBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Oms: “Il mondo non ha imparato la lezione dalle altre pandemie. Ora evitiamo lo stesso errore”. Ecco le 7 raccomandazioni per non farci trovare più impreparati


Presentato oggi un nuovo documento contenente per rafforzare la resilienza dei sistemi sanitari di fronte al rischio pandemie e non solo. Il Dg Oms: “La preparazione, la prevenzione, l'individuazione e la risposta rapida alle epidemie iniziano con un'assistenza sanitaria di base e sistemi sanitari pubblici solidi, operatori sanitari qualificati e comunità autorizzate e abilitate a prendersi cura della propria salute”. IL DOCUMENTO.

20 OTT - “Il COVID-19 ha avuto un impatto ad ampio raggio su tutte le aree della società, portando a battute d'arresto nei progressi in termini di salute e negli sforzi per raggiungere la copertura sanitaria universale (UHC). Il dirottamento delle risorse del sistema sanitario per affrontare l'assistenza COVID-19 ha portato a una prolungata interruzione dei servizi sanitari essenziali. Nuove barriere all'accesso all'assistenza sanitaria, dalla limitazione nei movimenti alla paura dell'infezione, hanno posto sfide aggiuntive e senza precedenti in molti paesi. Ma il mondo non ha imparato dalle precedenti epidemie”, con questa premessa l’Oms ha presentato oggi un suo nuovo documento contenente 7 raccomandazioni per rafforzare la resilienza dei sistemi sanitari di fronte al rischio pandemie e non solo.
 
“Reagire agli eventi nel momento in cui si verificano – osserva l’Oms - senza rafforzare adeguatamente la prevenzione e la preparazione, ha fatto sì che i paesi si trovassero impreparati a una pandemia di questa velocità e portata”.
 
"La pandemia è stata una battuta d'arresto significativa nei nostri sforzi per sostenere gli Stati membri a progredire verso la copertura sanitaria universale", ha affermato il direttore generale dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus che ha sottolineato come “non possiamo costruire un mondo più sicuro dall'alto verso il basso; dobbiamo costruire da zero. La preparazione, la prevenzione, l'individuazione e la risposta rapida alle epidemie iniziano con un'assistenza sanitaria di base e sistemi sanitari pubblici solidi, operatori sanitari qualificati e comunità autorizzate e abilitate a prendersi cura della propria salute. Questo deve essere al centro della nostra attenzione e del nostro investimento”.

 
Per l’Oms serve comunque un approccio integrato alla costruzione e alla ricostruzione di sistemi sanitari che soddisfino i bisogni della popolazione, prima, durante e dopo le emergenze di salute pubblica.
 
E questo attraverso la capacità di:
• esercitare funzioni essenziali di sanità pubblica che migliorino, promuovano, proteggono e ripristinino la salute di tutte le persone;
• costruire un'assistenza sanitaria di base solida come presupposto per avvicinare i servizi sanitari alle comunità;
• gestione del rischio di emergenza rafforzando la capacità dei paesi di prevenire e affrontare le emergenze sanitarie essendo in grado di soddisfare le ulteriori esigenze di sicurezza sanitaria imposte dalle emergenze sanitarie;
• coinvolgere l'intera società in modo che tutti i settori lavorino insieme verso un obiettivo comune di salute.
 
Queste in sintesi le 7 raccomandazioni politiche dell'OMS sulla costruzione di sistemi sanitari resilienti basati sull'assistenza sanitaria di base:
1. Sfruttare l'attuale risposta per rafforzare sia la preparazione alla pandemia che i sistemi sanitari
2. Investire nelle funzioni essenziali della sanità pubblica, comprese quelle necessarie per la gestione del rischio di emergenza di tutti i rischi
3. Costruire una solida base per l'assistenza sanitaria di base
4. Investire in meccanismi istituzionalizzati per il coinvolgimento dell'intera società
5. Creare e promuovere ambienti abilitanti per la ricerca, l'innovazione e l'apprendimento
6. Aumentare gli investimenti nazionali e globali nelle basi del sistema sanitario e nella gestione dei rischi di emergenza
7. Affrontare le disuguaglianze preesistenti e l'impatto sproporzionato di COVID-19 sulle popolazioni emarginate e vulnerabili

20 ottobre 2021
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il documento

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy