Quotidiano on line
di informazione sanitaria
28 NOVEMBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Il rapporto sul Covid nel Regno Unito. Nessuno sconto al Governo per la gestione della pandemia (campagna vaccinale esclusa)

di Grazia Labate

Il rapporto è stato reso pubblico in questi giorni ed è stato redatto dall'Health and Social Care and Science and Technology Committees della Camera dei Comuni britannica. Analizzate tutte le fasi della pandemia dai primi blocchi al libera tutti e alla campagna vaccinale. IL RAPPORTO INTEGRALE

20 OTT - Il rapporto Covid del Regno Unito redatto dai Comitati per la salute e la scienza della Camera dei Commons sulle lezioni da trarre dalla risposta del Regno Unito al Covid è pubblico, si compone di 150 pagine ed è diviso in sei capitoli.
 
Pianificare una pandemia
La sezione sulla preparazione alla pandemia si rifà alle preoccupazioni evidenziate già nel maggio 2020 e rileva che il Regno Unito era fiducioso dell'entità della sua pianificazione della pandemia, nonostante la maggior parte di essa fosse basata sull'idea di un'influenza, tipo focolaio.
La pianificazione non ha tenuto adeguatamente conto della trasmissione asintomatica né ha tenuto conto di epidemie precedenti che non sono riuscite a raggiungere il livello di pandemia, come il virus Sars che ha colpito i paesi dell'Asia orientale nel 2002-04, o il virus Mers identificato per la prima volta in Medio Oriente nel 2012.
 
Descrivendo in dettaglio i vari esercizi del governo su ipotetiche pandemie, ha affermato che "un'eccessiva dipendenza dai piani pandemici precedenti si è rivelata essere sbagliata per la peculiarità di questa malattia" .

Forse la prova più vivida in questa sezione è venuta dal professor Dame Sally Davies, l'ex direttore medico inglese del NHS, che ha incolpato quello che ha definito "pensiero di gruppo": "I nostri esperti di malattie infettive non credevano davvero che la Sars, o un'altra Sars, ci sarebbe arrivata dall'Asia.
È una forma di eccezionalismo britannico”.
 
I lockdown e i suoi tempi
Tra i dibattiti più litigiosi nella risposta al coronavirus c'è stato il tempismo dei blocchi dell'Inghilterra, sia quando il primo è stato imposto nel marzo 2020 sia gli apparenti ritardi nel metterne in atto un altro nell'autunno e nell'inverno di quell'anno.
 
Sul primo blocco, il rapporto è chiaro e di condanna: fattori tra cui la mancanza di capacità di test e dubbi sul fatto che i britannici avrebbero accettato un blocco, hanno spinto scienziati e politici ad adottare un "approccio politico fatalista", che avrebbe cercato di gestire, ma non sopprimere la portata di un focolaio.
 
La variante Delta rende "mitica" l'immunità di gregge da Covid: a seguito di quelle che i comitati hanno definito "improvvisazioni simultanee" da parte di ministri e consiglieri sugli effetti catastrofici di questo approccio, il 23 marzo è stato finalmente annunciato un blocco in tutto il Regno Unito.
 
Il rapporto afferma: "Ora è chiaro che la politica seguita fin qui era sbagliata e che ha portato a un bilancio delle vittime iniziale più alto di quello che sarebbe risultato se si fosse realizzata una politica iniziale più adeguata alla gravità della pandemia".
 
Inoltre si aggiunge: “Di conseguenza, le non decisioni sui blocchi e il distanziamento sociale durante le prime settimane della pandemia e i consigli che sono seguiti si classificano come uno dei più importanti fallimenti di salute pubblica che il Regno Unito abbia mai sperimentato”.
 
Il rapporto afferma che i ministri avrebbero dovuto imporre un blocco in Inghilterra alla fine di ottobre 2020, anche se l'emergere della variante più trasmissibile Alpha, o Kent, avrebbe potuto impedire che ciò fosse comunque pienamente efficace.
 
Testa, traccia e isola
La condanna più veemente del rapporto è arrivata da questa sezione, a cominciare da quello che è descritto come un fallimento estremamente serio anche solo nel tentativo di copiare il rapido lancio dei test di massa in luoghi come la Corea del Sud.
Public Health England ha affermato di aver studiato e poi respinto l'approccio sudcoreano, ma non ha potuto fornire alcuna prova per questo, afferma il rapporto, aggiungendo: "Dobbiamo concludere che non ha avuto luogo alcuna valutazione formale, il che equivale a un'omissione straordinaria e negligente".
 
Nessuna prova che lo schema di test and tracing da 22 miliardi di sterline abbia ridotto i tassi di Covid in Inghilterra, affermano i parlamentari. "Di conseguenza il Regno Unito ha sperperato una posizione di leader nella diagnostica e l'ha trasformata in una di crisi permanente. Le conseguenze di questo fallimento iniziale sono state profonde. Per un paese con un'esperienza di livello mondiale nell'analisi dei dati, affrontare il più grande problema sanitario degli ultimi 100 anni senza praticamente dati da analizzare è stata una battuta d'arresto quasi inimmaginabile”.
 
Mentre la capacità di test è stata successivamente aumentata enormemente, il rapporto ha osservato che la retorica del governo era ancora spesso notevolmente più impressionante della realtà. "I ministri hanno iniziato promettendo che il sistema di test e tracciamento sarebbe stato "superiore al mondo" nel maggio 2020, quando la verità era che il budget era assolutamente insufficiente.
 
Il rapporto ha anche evidenziato il basso numero di persone che hanno rispettato le regole di autoisolamento, citando la mancanza di sostegno finanziario e il continuo requisito di autoisolarsi per 10 giorni, molto tempo dopo che i test erano disponibili gratuitamente per dimostrare che non avevano il virus.
 
Oltre all'impatto che questo ritardo ha avuto sull'economia e sulla vita delle persone, afferma il rapporto, "fornendo un potente disincentivo a fare un test Covid e a rivelare tutti i contatti, sembra probabile che avrà anche causato più infezioni e costato vite".
 
Assistenza sociale
Più di 39.000 residenti nelle case di cura sono morti a causa del coronavirus tra il 10 aprile 2020 e il 31 marzo 2021, con il rapporto che ha rilevato che i ministri e il SSN "non sono riusciti a riconoscere adeguatamente i rischi significativi per il settore dell'assistenza sociale all'inizio della pandemia". I comitati concludono: "Il Regno Unito non è stato il solo a subire perdite significative di vite umane nelle case di cura, ma la tragica entità della perdita è stata tra le peggiori in Europa e avrebbe potuto essere mitigata".
 
Alcuni di questi fallimenti erano specifici della pandemia, afferma il rapporto, inclusa la decisione di concentrarsi sul liberare la capacità di assistenza del SSN e quindi rilasciare molti pazienti in case di cura, senza test Covid e con la mancanza di dispositivi di protezione individuale. Altri, come la carenza di personale e le difficoltà di finanziamento, erano "illustrativi di un'incapacità di lunga data di offrire all'assistenza sociale la stessa attenzione del SSN".
 
Disuguaglianze sanitarie più ampie
Il rapporto ha sottolineato che "l'esperienza della pandemia di Covid sottolinea la necessità di una strategia urgente e a lungo termine per affrontare le disuguaglianze sanitarie", un punto evidenziato da politici ed esperti durante la pandemia. Ha rilevato il bilancio particolarmente elevato di Covid sulle persone provenienti da minoranze etniche e sulle persone con difficoltà di apprendimento. "Si dice che i primi 10 membri del personale del NHS a morire di Covid-19 provenissero da ambienti neri, asiatici e di minoranza etnica e da allora le prove hanno confermato che l'impatto di Covid-19 su questa sezione della forza lavoro è stato significativo. "Mentre il NHS ha compiuto progressi negli ultimi anni, l'esperienza delle persone dei gruppi etnici durante la pandemia ha chiarito che le disuguaglianze persistono".
 
Vaccini
Sebbene il rapporto fornisca raccomandazioni sulle lezioni da trarre dallo sviluppo, dall'approvvigionamento e dalla distribuzione dei vaccini, queste rivelano le criticità del Governo, in particolare in tema di flessibilità e velocità della task force sui vaccini guidata da Kate Bingham. Tuttavia il programma di vaccinazione contro il Covid in generale, afferma il rapporto, "è stata una delle iniziative di maggior successo ed efficacia nella storia della scienza e della pubblica amministrazione del Regno Unito".
 
La portata di questo rapporto
Il rapporto pubblicato lunedì da due commissioni parlamentari è una tappa di un processo più lungo di apprendimento e di richiesta di responsabilità per la gestione della pandemia da parte del governo del Regno Unito. Il presidente del comitato per l'assistenza sanitaria e sociale, Jeremy Hunt, e il presidente del comitato per la scienza e la tecnologia, Greg Clark, sono politici seri con un certo grado di indipendenza dall'amministrazione di Boris Johnson.
 
Ma sono anche entrambi ex membri del gabinetto conservatore. Detto questo, l'inviato speciale dell'Organizzazione mondiale della sanità per il Covid, il dottor David Nabarro, ha descritto il processo come un "denso momento di apprendimento". E ha senso apprendere dall'eperienza ciò che è utile, pur riconoscendone i limiti. Molte delle conclusioni non sorprendono (il rapporto si concentra principalmente sull'Inghilterra, commentando solo di tanto in tanto le decisioni prese dalle amministrazioni decentrate).
 
Il pensiero errato che ha portato al ritardo nel blocco iniziale, la mancanza di preparazione generale e l'attuazione lenta e goffa di un programma di test and tracing e isolamento, sono temi noti ai molti critici del governo. Né le parole forti sul modo in cui il settore dell'assistenza sociale è stato escluso e
trascurato dai responsabili delle decisioni non stupiscono nessuno, anche se è positivo che il rapporto colga l'occasione per indicare carenze più ampie, inclusa una continua mancanza di chiarezza sui nuovi finanziamenti. L'“intensa interazione” tra il SSN e l'assistenza sociale è stata un punto trascurato per troppo tempo. Questo fallimento enormemente costoso non era in alcun senso un punto nodale del programma del SSN, come sottolinea il rapporto in una delle sue sezioni più aspre.
 
Viene anche evidenziato il numero sproporzionato delle vittime tra i neri e le minoranze etniche e tra i giovani adulti con difficoltà di apprendimento. In risposta devono essere fornite politiche specifiche per affrontare le disuguaglianze sanitarie. Un'altra scoperta istruttiva è un'apparente riluttanza a imparare dall'esperienza e dalle competenze sulla pandemia dei paesi asiatici.
 
Tra le conclusioni del rapporto c'è che il Regno Unito dovrebbe essere meno insulare quando si tratta di scegliere esperti e che i ministri dovrebbero essere più abili nella capacità di ascolto delle esperienze degli altri paesi e mettersi in discussione. Meno segretezza e più trasparenza fanno parte della lezione Covid. Ma il rapporto non lesina critiche al governo. Il primo ministro non viene risparmiato per la decisione di non ascoltare, fino all'autunno 2020, le richieste di un mini-blocco di "interruzione del circuito". E mentre gli scienziati e il personale medico che per primi hanno sviluppato e poi distribuito trattamenti e vaccini possono essere giustamente addotti come fonti di orgoglio nazionale, in questo contesto il tono di autocelebrazione dell’autorità politica stride.
 
Molto poco viene detto sull'impatto più ampio della pandemia sul SSN, o su ciò che è successo all'interno degli ospedali. La carenza di personale che era già acuta prima del Covid ora è vicina all'emergenza. Manca anche, se non in frammenti, il più ampio contesto politico e sociale. Perché, ad esempio, il governo ha deciso all'inizio (erroneamente) che il pubblico britannico "non avrebbe accettato un blocco per un periodo significativo"? Fin dall'inizio, come ha detto la prof.ssa Devi Sridhar, l'obiettivo avrebbe dovuto essere “ guadagnare tempo senza perdere vite”. Il fatto che i ministri inizialmente si siano rifiutati di farlo è stato un fallimento colpevole. Di gran lunga la cosa migliore ora per il paese, e in particolare per le persone in lutto, è andare avanti .
 
Ma dopo la pubblicazione del rapporto, gli NHS Providers che rappresentano gli ospedali del NHS, le ambulanze, i servizi comunitari e di salute mentale, hanno anche avvertito che il governo deve attivare il suo piano di emergenza per l'inverno.
Saffron Cordery, il suo vice amministratore delegato, ha dichiarato al Guardian: “guardiamo con ansia all'aumento costante del numero di casi di Covid, dei tassi di ricovero ospedaliero e dei pazienti sui ventilatori”.
 
È fondamentale che il governo e i leader nazionali del SSN tengano d'occhio queste cifre e agiscano rapidamente e con decisione per prevenire qualsiasi aumento che potrebbe esercitare una pressione schiacciante sul SSN, in particolare mentre ci dirigiamo verso l'inverno. Ciò dovrebbe includere l'attivazione del "piano di emergenza" nel piano invernale Covid, se necessario.
 
È importante riconoscere che, con l'intensificarsi delle pressioni legate al Covid, ciò potrebbe avere un impatto sulla capacità del SSN di ridurre l'arretrato delle cure. I leader ospedalieri comprendono fin troppo bene l'importanza di ridurre al minimo eventuali ritardi per il trattamento pianificato. Ma se altre pressioni continuano ad aumentare, dovranno prendere decisioni difficili sulle priorità.
 
La Confederazione del NHS, l'altra organizzazione leader per le strutture ospedaliere del NHS, è andata oltre nella dichiarazione rilasciata ieri sera, affermando che ora era assolutamente necessario un "piano B plus".
 
Il governo ha pubblicato un insieme limite di possibili misure del piano B per l'Inghilterra nel piano autunnale e invernale per Covid pubblicato a settembre. Kwasi Kwarteng Segretario di Stato per gli affari economici, l'energia e la strategia industriale del Regno Unito afferma che il governo deve accelerare il lancio dei vaccini di richiamo.
 
Kwarteng, ha ammesso al Guardian che “l'adozione relativamente lenta dei vaccini di richiamo è qualcosa che dobbiamo davvero affrontare tempestivamente". Anche il Sun è d'accordo, e oggi pubblica un editoriale in prima pagina che esorta i suoi lettori a richiedere una dose di richiamo.
 
Viene anche detto che l'introduzione dei vaccini per i giovani dai 12 ai 15 anni deve avvenire più rapidamente. E’ facile dire che le cose non funzionano quando sono appena iniziate o che dobbiamo spingerle in modo più dinamico. Sebbene il governo sia "preoccupato" per l'aumento dei decessi, la situazione è ancora molto migliore di quanto non fosse all'inizio dell'anno ribadisce il Sun . “Ricorderete che all'inizio dell'anno avevamo centinaia, se non migliaia, di decessi al giorno. Per fortuna questo non è più successo e, come ha detto il segretario alla salute, il virus è qualcosa con cui dovremo imparare a convivere”.
 
Dunque la vicenda Covid non è finita nonostante i buoni esiti della vaccinazione. Ora in GB, come nel resto d’Europa, il problema è riattivare il diritto alla salute per tutti, rendere più forti e resilienti i sistemi di protezione della salute, far diventare cultura generale la prevenzione e gli strumenti di protezione dalle malattie infettive, integrare i sistemi salute e quelli di assistenza sociale, superare le disuguaglianze e avviare un potente sistema digitale di flussi di informazione e conoscenza per rendere efficaci e tempestivi gli interventi di accesso e di cura per i cittadini.
Imparare dalla tragedia della Pandemia è un dovere per tutti.
 
Grazia Labate
Ricercatrice in economia sanitaria già sottosegretaria alla salute

20 ottobre 2021
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il rapporto

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy