Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 OTTOBRE 2019
Toscana
segui quotidianosanita.it

Influenza. Parte il 29 ottobre la campagna di vaccinazione

Quasi 800.000 le dosi a disposizione, per una spesa complessiva di 4.379.000 euro. Quest'anno la vaccinazione viene offerta gratuitamente anche ai donatori di sangue per evitare il calo delle donazioni. Saccardi: “La vaccinazione antinfluenzale è lo strumento più efficace per prevenire le malattie e per ridurre in modo significativo complicanze, ospedalizzazioni e decessi. Nella scorsa stagione la copertura ha appena superato il 55%. Dobbiamo fare meglio”. DATI INFLUENZA IN TOSCANA

26 OTT - Parte da lunedì 29 ottobre, in Toscana, la campagna di vaccinazione antinfluenzale della Regione, che come ogni anno ha l'obiettivo di vaccinare gratuitamente il maggior numero possibile di ultrasessantacinquenni, le persone appartenenti alle categorie a rischio e gli operatori della sanità. Quest'anno la vaccinazione viene offerta gratuitamente anche a tutti i donatori di sangue.

Le dosi acquistate dalla Regione per la stagione 2018-2019 sono 777.340, per una spesa complessiva di 4.379.000 euro (più 416.682 dosi di colecalciferolo, la vitamina D che agli anziani viene offerta contestualmente alla vaccinazione antinfluenzale). Dal 16 ottobre Estar (Ente di supporto tecnico amministrativo regionale) ha avviato le consegne dei vaccini alle aziende sanitarie. Le consegne si concludono oggi, 26 ottobre.

Stamani l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi ha presentato la nuova campagna, assieme al dottor Alessio Nastruzzi, segretario regionale della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale), e alla professoressa Maria Luisa Brandi, endocrinologa dell'Aou di Careggi.


“La vaccinazione antinfluenzale è lo strumento più efficace per prevenire la malattie e per ridurre in modo significativo complicanze, ospedalizzazioni e decessi ed è fortemente raccomandata dall'Oms e dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-2019 – afferma in una nota l'assessore Stefania Saccardi - Nella scorsa stagione la copertura ha appena superato il 55%, e si sono registrati 63 casi gravi e ben 15 decessi. I dati ci dicono che quando la copertura è stata più alta, intorno al 70%, le morti sono molto calate o addirittura si sono azzerate, come nel 2011-12. L'obiettivo è dunque di aumentare la copertura vaccinale di anziani e soggetti a rischio. Invito quindi tutte le persone comprese in queste categorie a fare il vaccino, dal proprio medico curante o negli ambulatori delle Asl”.

“Negli ultimi anni in Italia e anche nella nostra regione - osserva il dottor Nastruzzi - abbiamo purtroppo assistito a un calo generale nel tasso vaccinale e nello specifico anche lo scorso anno le percentuali raggiunte nella nostra regione nei riguardi dei vaccinati contro l'influenza over 65, anche se lievemente superiori a quelle della stagione precedente, non sono state adeguate. Quest'anno l'impegno della medicina generale, supportato dalla nostra Regione, è quello di aumentare questa percentuale, nella speranza di raggiungere tassi vaccinali che competono a una regione ai vertici del sistema sanitario come è la Toscana”.

“Un ulteriore impegno per la medicina generale - aggiunge Nastruzzi - è quello della registrazione, nel sistema informativo regionale, dei dati delle persone vaccinate, al fine di ottenere un quadro più completo della situazione vaccinale nella nostra regione. Questo sistema infatti non riguarderà solo la vaccinazione per l'influenza, ma anche quella anti-pneumococcica e anti-Herpes Zoster: ma il dato più saliente dell'accordo siglato è l'impegno tra assessorato e i medici di medicina generale di concordare, entro la metà di dicembre, modalità e obiettivi per consentire ai cittadini toscani la possibilità di effettuare le vaccinazioni previste nei LEA (PSNV 2017-19) anche nell'ambulatorio del proprio medico di famiglia”.

Principali destinatari dell'offerta attiva e gratuita della vaccinazione antinfluenzale sono le persone di età pari o superiore a 65 anni, persone con patologie che aumentano il rischio di complicanze in caso di influenza, operatori sanitari. “L'Organizzazione Mondiale della Sanità – evidenzia inoltre la nota - recentemente ha inoltre evidenziato l'importanza della vaccinazione antinfluenzale nelle donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, ritenendole il più importante dei gruppi a rischio per se stesse e per il feto”.

Ci si può vaccinare dal proprio medico curante o negli ambulatori delle Asl. Guarda sul sito della Regione le pagine dedicate alla vaccinazione antinfluenzale

A partire da quest'anno, le vaccinazioni effettuate dai medici di famiglia saranno inserite nel sistema informativo regionale dedicato alle vaccinazioni: questo consentirà di avere una visione completa dello stato vaccinale dei cittadini toscani. Questo è il risultato di un accordo concluso di recente tra Regione e medici di medicina generale.

Quest'anno la vaccinazione viene offerta gratuitamente anche ai donatori di sangue. La Toscana lo ha già fatto anche l'anno scorso, ma quest'anno il vaccino gratuito per i donatori è previsto dalla Circolare ministeriale “Prevenzione e controllo dell'influenza: raccomandazioni per la stagione 2018-2019”.

“I mesi invernali, quelli del picco della stagione influenzale - chiarisce Simona Carli, responsabile del Centro Regionale Sangue -, sono infatti mesi in cui le donazioni calano, e il vaccino è l'unico strumento di cui disponiamo per la prevenzione. Offrire la vaccinazione anche ai donatori permette di aumentare le coperture vaccinali e la consapevolezza dei cittadini sul tema della prevenzione; e consente inoltre di mettere in sicurezza una risorsa come il sangue, che è essenziale per l'erogazione dei LEA di medicina trasfusionale e che è impossibile erogare senza l'apporto fondamentale dei donatori”.

In Toscana ci sono 120.863 donatori periodici di sangue e plasma, che assicurano al sistema sanitario 207.413 donazioni l'anno. I pazienti trasfusi in un anno sono 47.885, per un totale di 175.921 trasfusioni.

La Regione ricorda infine che già da alcuni anni è stata introdotta l'offerta gratuita della vaccinazione anti-pneumococcica ai soggetti a rischio e ai sessantacinquenni, a partire dalla coorte dei nati nel 1950 che mantengono, con i nati nel 1951 e nel 1952, il diritto alla gratuità. Quest'anno, è offerta gratuitamente anche ai nati nel 1953.

La vaccinazione anti-pneumococcica può essere somministrata in qualsiasi stagione dell'anno, tuttavia, la campagna vaccinale antinfluenzale rappresenta una opportuna occasione per offrire, nella stessa seduta, ambedue le vaccinazioni. A differenza dell'influenza, la vaccinazione antipneumococcica non dovrà essere ripetuta ogni anno.

A partire dal 2017, il Piano nazionale di prevenzione vaccinale ha introdotto anche la vaccinazione anti-Herpes Zoster, che quest'anno sarà offerta gratuitamente alla coorte dei nati nel 1953. I nati nel 1952 mantengono comunque il diritto alla gratuità.

Sia la vaccinazione anti-pneumococcica che quella anti-Herpes Zoster possono esser somministrate sia nelle strutture aziendali che dal proprio medico curante, non solo durante la campagna stagionale, ma in tutti i periodi dell'anno.

26 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Toscana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy