Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 04 OTTOBRE 2022
Toscana
segui quotidianosanita.it

Farmaci biologici. Le polemiche su “switch e originator” non servono

29 GEN - Gentile Direttore,
le scrivo in merito all’articolo dell’Anmar comparso su QS. Non sono proprio d’accordo con quanto riportato e vi spiegherò perché. Le motivazioni mi si sono chiarite attraverso il dialogo con Anmar, un dialogo aperto e sincero senza alcuna ombra di influenze o di fattori esterni confondenti: questo ci ha permesso di capire le rispettive posizioni ed esigenze, quelle dei malati reumatici e quello di un sistema che deve prendersi cura di tutti i malati e che deve garantire a loro le migliori terapie disponibili. Anche a quelli che di terapie non ne hanno o ne hanno veramente poche.
 
In fondo credo che il reale significato di “continuità terapeutica” sia proprio quello che ci comunica la parola, cioè continuare a prendersi cura del paziente garantendogli una terapia che, come ci insegnano i farmacologi, non ha un nome registrato, ma ha il nome di una molecola e questo rappresenta un linguaggio universale.
Universale perché in tutto il mondo quel nome non cambia, ha lo stesso valore terapeutico e le stesse indicazioni.
 
Di questo ne abbiamo parlato recentemente con Anmar e quello che abbiamo condiviso è che non si può avere una visione solo farmaco-centrica; abbiamo condiviso che la cosa importante è essere liberi da queste polemiche che ci coinvolgono o in cui veniamo coinvolti da altri attori ed interessi; l’obiettivo è ragionare, insieme, su quello che è importante per il paziente, cioè il percorso del malato reumatico.
E il percorso deve essere semplice, non deve scontrarsi con liste di attesa di mesi o con poche ore di disponibilità di ambulatorio o ancora con ambulatori difficilmente raggiungibili.
 
Paradossalmente il farmaco è la cosa più facile e veloce da ottenere, ma il suo valore terapeutico, qualunque sia il suo nome, può venire annullato se non viene messo a disposizione in tempi brevi, quando sia effettivamente necessario, e se non viene inserito in un percorso assistenziale strutturato, in grado di fornire prestazioni, visite e diagnosi precoce.
 
Abbiamo condiviso il concetto che una diagnosi precoce è in grado anche di influire sul consumo di farmaci e di ottimizzarlo, a volte di ridurlo.  Infatti i farmaci non sono gli unici “modificanti la malattia”: anche una diagnosi precoce può farlo.  Credo inoltre che dovremmo parlare anche di immunologia, di monitoraggio del farmaco e della risposta, di anticorpi anti-farmaco: allora su queste basi possiamo ripartire con un dialogo nuovo, costruttivo, ricco di nuove idee, nuove   parole e nuovi progetti,  non basato solo sulle due solite parole “switch e originator”.
 
Roberto Banfi
Responsabile Settore Politiche del Farmaco e Dispositivi medici regione Toscana

29 gennaio 2019
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Toscana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy