Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 01 APRILE 2020
Toscana
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Obbligo di isolamento per chi torna dalla Cina? Scoppia il caso Toscana. E l’Ausl Centro scrive a Borrelli

"L'Ausl Toscana Centro ha attivato tempestivamente, in base alle circolari del Ministero della Salute, l'Unità Sanitaria di Crisi direttamente collegato con la task force della Regione Toscana". Così il direttore generale Paolo Morello Marchese in una lettera al commissario straordinario. Visto il rientro di diverse persone dal capodanno cinese, a Firenze è stato predisposto dedicato a chi accusa sintomi dal rientro dal viaggio. Ma a seguiro delle polemiche via social e stampa sulla necessità di "obbligare" all'isolamento chi rientra dalla Cina, nella lettera si chiedono delucidazioni e Borrelli.

19 FEB - È necessario “obbligare” in isolamento tutta la popolazione di rientro dal capodanno in Cina? Questo il quesito che il direttore generale della Ausl Toscana Centro, Paolo Morello Marchese, ha inviato al commissario straordinario nazionale Angelo Borrelli in relazione ai provvedimenti adottati per l'emergenza Coronavirus.
 
Nella lettera a Borrelli il direttore generale ricorda come l'Ausl Toscana Centro "ha attivato tempestivamente, in base alle circolari del Ministero della Salute, l'Unità Sanitaria di Crisi direttamente collegato con la task force della Regione Toscana".
 
Queste le azioni messe in essere dalla Ausl:
- Disposizioni generali per tutti gli operatori sanitari dell'azienda, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, in particolare:
procedure per le centrali operative 118 ed Emergenza Sanitaria Territoriale, disposizioni inerenti ricovero ospedaliero dei casi sospetti, disposizione per l'uso dei dispositivi di protezione individuale in emergenza sanitaria territoriale e pronto soccorso, indicazioni per la Medicina Generale e Pediatri di Famiglia, raccomandazioni per il monitoraggio autogestito a domicilio con schede informative in inglese, italiano e cinese, raccomandazioni in caso di isolamento fiduciario.

 
- In riferimento alla circolare del Ministero della pubblica istruzione sono stati identificati circa 300 bambini cinesi che sono rientrati dal capodanno cinese in toscana, è stato concordato con i rispettivi genitori di effettuare una permanenza volontaria fiduciaria a domicilio.
Conseguentemente sono, ad oggi, sotto monitoraggio giornaliero relativamente alla condizioni cliniche circa 1300 persone che stanno stazionando volontariamente presso il proprio domicilio.
 
- In questi giorni si sta completando il rientro dal capodanno cinese di un numero imprecisato di cittadini (il Consolato Generale Cinese di Firenze ritiene che possa trattarsi di circa 2500 persone). Non potendo procedere alla identificazione puntuale di ciascuna persona, la Regione Toscana ha predisposto, in accordo con il consolato generale cinese in Firenze, un ambulatorio rivolto a soggetti che rispondono al criterio epidemiologico sopra descritto e che presentano blandi sintomi clinici simil infuenzali (rinite, tosse e lieve stato febbrile), a cui si accede, da parte di persone che sono di rientro dalla Cina, tramite numero telefonico del Cup dedicato e provvisto di supporto in lingua cinese. Attraverso la prenotazione viene dato un appuntamento. Durante la visita viene compilata la scheda anagrafica, anamnnestica, misurazione della temperatura e tampone orofaringeo. Tale prelievo viene inviato presso il laboratorio di microbiologia e virologia dell'Aou Careggi.
 
"Riteniamo pertanto di aver messo in essere quanto previsto dalle vostre disposizioni e da quelle del Ministero della Salute", sottolinea Paolo Morello Marchese.
 
Ma, a seguito di delle continue polemiche riguardanti comunicazioni a mezzo stampa e social sulla necessità di “obbligare” in isolamento tutta la popolazione di rientro dalla Cina, cinese e non, l'Ausl Toscana Centro chiede al commissario Borrelli delucidazioni su come dover intervenire.

19 febbraio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Toscana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy