Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 DICEMBRE 2018
Umbria
segui quotidianosanita.it

Personale sanità. Marini (Umbria): “Con l’autonomia si potranno superare i tetti e programmare meglio il fabbisogno”

La presidente della Regione ha annunciato la stabilizzazione per 500 unità, poi ha evidenziato i vantaggi della trattativa per una maggiore autonomia intrapresa con il Governo. Parlando di fondi ha precisato come sia necessario un equilibrio tra contri e servizi efficienti. “Un risultato che si raggiunge anche grazie al comportamento corretto di chi opera in sanità e si occupa anche della spesa per la farmaceutica”. Da Marini un “grazie” ai Nas “per il lavoro di controllo che svolgono”.

08 OTT - Catiuscia Marini a tutto campo sulla sanità in occasione dell’inaugurazione del nuovo servizio di endoscopia digestiva dell’Ospedale di Città di Castello. Fondi, personale, qualità dei servizi, farmaceutica e anche il problema delle truffe che tolgono risorse al sistema le questioni toccate dalla presidente. Con un occhio attento, ovviamente, anche alla struttura in cui si trovava a parlare. “L’ospedale di Città di Castello nella rete regionale rappresenta uno dei 4 presidi di punta che ci permettono di coprire il fabbisogno della popolazione regionale per le tutte le prestazioni sanitarie medio-alte, favorendo quindi le cure nell’ambito del servizio sanitario regionale con pochissima mobilità verso altre regioni”, ha detto Marini.

“L’Asl sta facendo un lavoro articolato – ha detto la presidente Marini - che concorre ad ammodernare il servizio sanitario che, se da una parte deve garantire l’efficienza nella gestione quotidiana, dall’altra si deve muovere in base ad una programmazione. Il servizio sanitario infatti, se paragonato alla rete delle garanzie sociali, deve avere un adattamento più veloce e rispondente alle tecnologie e alle nuove cure, nonché alla ricerca scientifica applicata alla farmaceutica e anche alla formazione permanente del personale. Tutto ciò – ha aggiunto – trova motivazione nel fatto che si interviene in una sfera delicata del cittadino come appunto la salute che richiede il lavoro di una macchina complessa che lavori per l’erogazione di servizi di qualità in tempi congrui e contemporaneamente punti all’innovazione, e all’anticipazione di alcuni servizi attraverso la programmazione”.


“Questa – ha proseguito - è la sfida più alta che la Regione e i circa 12 mila dipendenti del Servizio sanitario regionale sono chiamati ad affrontare e realizzare. L’Umbria, grazie all’innovazione e al lavoro di squadra portato avanti negli anni e grazie all’impegno dei professionisti, è stata capace di raggiungere alti risultati e dai dati del Ministero della Salute emerge che siamo la regione del Centro Italia che ha più innovato le tecnologie e le strumentazioni, anche grazie al lavoro oculato e attento delle aziende che investono le risorse”.

Facendo riferimento ai fondi per la sanità la presidente ha precisato che “bisogna tener sotto controllo due fattori e cioè l’equilibrio economico e la garanzia di servizi efficienti. Un risultato questo che si raggiunge anche grazie al comportamento corretto di chi opera in sanità e si occupa anche della spesa per la farmaceutica. Per questo, devo dire grazie alle professionalità che operano nella sanità umbra che ci hanno permesso di raggiungere grandi risultati e di mantenere, come poche regioni, i conti in ordine senza mai aver dovuto approntare piani di rientro, raggiungendo quasi il massimo nella classifica dei punteggi (199) dei livelli essenziali di assistenza”.

Concludendo la presidente ha affrontato il tema delle riforme: “Dobbiamo lavorare su 4 punti – ha precisato - e cioè sul personale, le strutture, i farmaci e le tecnologie. In particolare sulla farmaceutica voglio ringraziare i Nas per il lavoro di controllo che svolgono perché il sistema sanitario è di tutti e ciascuno di noi è cosciente di spendere soldi dei cittadini, quindi tutti dobbiamo fare in modo che ogni risorsa utilizzata vada investita per estendere i servizi e per fare ciò che serve per la salute dei cittadini. Sui farmaci abbiamo raccolto una grande sfida – ha aggiunto - garantendo i farmaci per l’epatite C e introducendo tutti i farmaci oncologici come garantito dalle linee guida del Ministero della Salute e questo ha comportato scelte ben precise”.

Infine, in riferimento al personale la presidente ha ricordato che “saranno portati alla stabilizzazione in 500 e che è stato avviato con un piccolo gruppo di Regioni un lavoro per l’autonomia in alcuni materie compresa la sanità, che consentirebbe di superare i tetti per la stabilizzazione e fare una programmazione più attenta ai bisogni anche garantendo il turn over dei medici e dei professionisti”.

Alla cerimonia è intervenuto anche l’assessore alla Salute Luca Barberini, che ha evidenziato “il forte gap tra il numero degli specializzandi e la richiesta di medici e questo è un problema che diventerà sempre più evidente andando in avanti negli anni e sul quale occorre intervenire. Così come bisognerà ridare carburante al sistema sanitario attraverso nuove risorse evitando il rischio di avere nel nostro paese meno poveri e più malati”.

L’assessore, ha quindi detto che la sanità umbra è in movimento e che la Regione “continua ad investire per dare risposte sempre più idonee alla domanda di salute dei cittadini anche grazie alla competenza delle professionalità che vi operano. Siamo convinti però di voler migliorare ancora di più l’attività programmata e stiamo lavorando a un nuovo piano per la riduzione delle liste di attesa”.

Relativamente all’ospedale di Città di Castello l’assessore ha detto che “c’è una vera attenzione verso il presidio ospedaliero che ha un ruolo strategico all’interno della rete emergenza-urgenza regionale e lo dimostra anche il fatto che, oltre agli investimenti per la strumentazione e per migliorare i servizi, in questi giorni la giunta ha approvato un atto per la sistemazione della struttura compresa l’area parcheggi”.

I lavori per il servizio di endoscopia digestiva, conclusi nei giorni scorsi, sono durati circa 5 mesi ed hanno portato alla completa ristrutturazione dei 300 m2 dedicati al nuovo servizio. L’investimento complessivo è stato di circa 580 mila euro, 350 mila per i lavori di adeguamento dei locali e 230 mila per le tecnologie.

08 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Umbria

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy