Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 16 OTTOBRE 2019
Veneto
segui quotidianosanita.it

Tecnica innovativa in otorinolaringoiatria presso la Ulss 3

Stiamo parlando della tecnologia coblation che sfrutta l’ablazione dei tessuti al posto del classico taglio con il bisturi: questa tecnica permette di asportare il tessuto molle con il minimo danno all'area circostante. Ad eseguirla Roberto Spinato presso gli ospedali di Mirano, Mestre e Chioggia.

23 GIU - Negli Ospedali di Mirano, Mestre e, recentemente, di Chioggia, Roberto Spinato, della Uls 3 Serenissima, assieme ai suoi collaboratori, stanno sostituendo i bisturi con una tecnica innovativa che rivoluziona l’Otorinolaringoiatria. Stiamo parlando della tecnologia coblation che sfrutta l’ablazione dei tessuti al posto del classico taglio con il bisturi: questa tecnica permette di asportare il tessuto molle con il minimo danno all'area circostante.
 
“Il Coblator è un macchinario che usa la radiofrequenza bipolare” - spiega il professor Spinato Roberto, primo chirurgo in Veneto ad usare questa tecnica – “e sostituisce così il bisturi, sviluppando sulla estremità una temperatura di 50/70 gradi che permette di intervenire per ablazione e, allo stesso tempo, favorisce una immediata coagulazione della zona interessata. La tecnica coblation viene usata in chirurgia per gli interventi che interessano tonsille, adenoidi, turbinati ecc. ma, grazie alla versatilità della tecnica” - continua il Prof. Spinato – “il coblator viene usato anche per le neoplasie quando il carcinoma da aggredire non è sufficientemente esposto per intervenire con altra tecnica e/o altri metodi”.

 
Oltre a queste innovazioni, vi sono altri aspetti che meritano di essere evidenziati. “Il dolore post operatorio è quasi nullo, proprio perché non c’è stato il taglio con il bisturi e dai dati in possesso della Ulss 3 – conferma il Professore - il rischio di emorragia con la tecnica coblation è praticamente sceso del 90%. In poco più di 5/6 giorni, un paziente a cui sono state asportate le tonsille può tornare al lavoro, inoltre se si conosce bene il coblator, l’operazione può essere fatta da un monooperatore in quanto lo strumento è dotato di aspirazione , lavaggio campo operatorio, taglio e coagulo. La settimana scorsa nella Ulss 3, sono state asportate le tonsille in un paio di ragazzi che dopo un giorno di ricovero sono stati dimessi”.
 
Roberto Spinato è coordinatore del progetto per il dipartimento funzionale di chirurgia del distretto cranio cervicale della Ulss 3 Serenissima, un pioniere di questa tecnica nella sanità Veneta.
 
Endrius Salvalaggio

23 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Veneto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy