Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 28 OTTOBRE 2021
Veneto
segui quotidianosanita.it

Belluno. Zaia inaugura Unità Farmaci antiblastici: “Nessun ospedale chiuderà, investimenti e iperspecializzazione ovunque”

Dopo aver ringraziato il benefattore privato che ha reso possibile l'apertura della nuova unità all'Ospedale San Martino, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha smentito una serie di “leggende metropolitane” sulla sanità bellunese: “Non ridimensioneremo, né tanto meno chiuderemo, nessun ospedale”.

04 MAR - “Con le schede ospedaliere che discenderanno dal Piano Socio Sanitario 2019-2023 in Veneto non ridimensioneremo, né tanto meno chiuderemo, nessun ospedale, nemmeno a Belluno, dove spesso circolano vere e proprie leggende metropolitane su tagli mai esistiti e che mai esisteranno. Il Veneto ha, e avrà, 68 ospedali, ognuno dei quali con qualità e alte professionalità, in un quadro di iperspecializzazione regionale nel quale rientra anche questo gioiello dell’Unità Farmaci Antiblastici di Belluno”. Lo ha detto il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, inaugurando oggi nel capoluogo dolomitico la nuova unità "che autoprodurrà farmaci per le terapie antitumorali in una struttura ricavata all’interno dell’Ospedale San Martino, con una spesa di 553 mila euro, grazie alla donazione di un benefattore privato".
 
Sono qui prima di tutto per rendere omaggio a questa persona - si legge in una nota della Regione Veneto - la cui generosità ha permesso di realizzare una vera e propria eccellenza, che produrrà 15mila allestimenti oncologici e 50mila terapie di supporto all’anno con la centralizzazione delle terapie oncologiche e oncoematologiche orali per un valore di 8 milioni. Il tutto nella totale sicurezza e appropriatezza delle preparazioni, che scaturiscono dalla condivisione dei protocolli, grazie all’informatizzazione e al collegamento in rete di tutta la sanità veneta nella Rete Oncologica Regionale – ROV”.

 
È il futuro dell’iperspecializzazione - ha aggiunto il Governatore - di cui Belluno è protagonista a pieno titolo. Anche qui non si chiudono ospedali, ma si passa oltre la vecchia e sorpassata strategia dei posti letto, e la si sostituisce con le alte specialità, le professionalità spiccate, le nuove tecnologie in tema di macchinari e farmaci, il concetto di rete, che annulla le distanze e migliora le performances ovunque”.
 
Zaia non ha mancato di fare riferimento alle polemiche che spesso coinvolgono la sanità bellunese: “Chiedo alla gente - ha detto - di guardare ai fatti e non farsi condizionare dalle leggende metropolitane messe in giro dagli immancabili catastrofisti. Belluno trascurata dalla sanità regionale? Falso, come si dimostra anche oggi e come dimostrano gli investimenti presenti e futuri e la presenza della sanità bellunese in tutte le reti regionali d’eccellenza. Chiudiamo il Codivilla di Cortina? Falso. Abbiamo chiuso una collaborazione pubblico-privata come imponeva la legge e abbiamo assegnato, con gara pubblica, la gestione a un’entità di caratura internazionale con una progettualità da 207 milioni. A Belluno la Regione non assume medici? Falso. Si tratta di una situazione nazionale, con 56mila medici in meno del necessario (1.300 nel solo Veneto), legata a cattive programmazioni degli anni passati, con il numero chiuso a medicina e la sottostima delle necessità delle borse di specialità. A Pieve di Cadore, tanto per fare un esempio, il direttore generale ha fatto sei scorrimenti di graduatoria, ma gli interessati non hanno risposto”.

04 marzo 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Veneto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy