Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 GENNNAIO 2020
Veneto
segui quotidianosanita.it

Inaugurata a Chiuppano la nuova Medicina integrata, Distretto 2 dell’Ulss 7 “territorio guida”

Il nuovo punto di erogazione di servizi sanitari al territorio è il frutto della collaborazione con i comuni Chiuppano, Caltrano, Carrè e Cogollo del Cengio e i Medici di medicina generale. Creata una rete efficace con 10 strutture. Lanzarin. “Un territorio benchmark, dove si è lavorato intensamente all’integrazione ospedale territorio”

03 MAG - Taglio del nastro della nuova Medicina integrata a Chiuppano, in provincia di Vicenza, nella quale opereranno sette medici per un totale di 8 mila pazienti assistiti, residenti nei Comuni di Chiuppano, Caltrano, Carrè e Cogollo del Cengio.
 
Il nuovo punto di erogazione di servizi sanitari al territorio - inaugurato dall’Assessore alla sanità Manuela Lanzarin affiancata dal Dg dell’Ulss 7 PedemontanaBortolo Simoni e da vari Sindaci dell’area - è stato reso possibile dalla collaborazione tra il Comune, che è proprietario dello stabile e ha finanziato i lavori di ristrutturazione, e i Medici di medicina generale, che si faranno carico delle spese di gestione e del canone d’affitto, mettendo anche a disposizione un’infermiera per le piccole urgenze e medicazioni, nonché la presa in carico dei pazienti cronici per i controlli e le attività di routine, evitando loro di doversi recare in ospedale.
 
Con quella di Chiuppano, sono ora dieci le Medicine di Gruppo Integrate attivate nel Distretto 2 dell’Ulss 7 Pedemontana,con un totale di 80 medici aderenti, che assistono 120 mila persone, pari all’80% dell’intera popolazione.

 
“Siamo di fronte – prosegue l’Assessore – a un territorio benchmark, dove si è lavorato intensamente all’integrazione ospedale territorio, e dove i Comuni hanno collaborato fattivamente alla creazione di una rete che è oggi tra le più capillari del Veneto. Dieci strutture con 80 medici e 120 mila assistiti, l’ultima delle quali è questo gioiello di Chiuppano, ne sono la dimostrazione lampante. Si tratta – ha concluso Lanzarin – della trasposizione in concreto di una delle più importanti previsioni del nuovo Piano Sociosanitario 2019-2023, che presta un occhio di riguardo ai servizi sul territorio per la cronicità e alla necessità di tenere il più vicino possibile al cittadino tutta l’assistenza per patologie che non necessitano dell’ospedale per acuti, ma di una rete di risposte territoriali”.

03 maggio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Veneto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy