Quotidiano on line
di informazione sanitaria
05 FEBBRAIO 2023
Calabria
segui quotidianosanita.it

Medici cubani in Calabria. Una scelta “estemporanea” ma giusta, ecco perché

l commissario Occhiuto ha ritenuto cogliere, tra tutte, anche questa occasione utile all’estemporaneo. Ovviamente senza escludere tutte le altre, indispensabili a fare ripartire organicamente gli ospedali “chiusi per abbandono” da decenni da una politica nazionale che non programma dal 2006 e che ricorre a penosi provvedimenti speciali per la Calabria, pieni zeppi di adempimenti ma non del personale occorrente

24 AGO -

La Calabria e i medici cubani costituisce la notizia del momento. Chi è d’accordo e chi no. Chi ne discute tecnicamente e chi “politicamente”. Sta di fatto che è stato perfezionato un accordo preliminare firmato tra la Regione Calabria (rectius, dal commissario governativo ad acta) e una società cubana di intermediazione di lavoro, nello specifico di operatori sanitari. Sta di fatto che 500 medici potranno approdare in Calabria per essere ivi utilizzati per dare vita ad una sanità che, come l’isola di Bennato, non c’è.

Come funzionerà il tutto
Perché tali medici divengano professionalmente attivi, ci vorrà il tempo utile per abilitarli all’esercizio. A proposito della vicenda, vorrei mettere in risalto due diverse sfaccettature che la caratterizzano.

Da una parte, c’è la passione e l’impeto del Commissario ad acta Occhiuto, che è bene ricordare è esponente del Governo, chiamato a sostituire nell’esercizio istituzionale se stesso e i suoi organi collegiali, ritenuti incapaci da 14 anni (e non 12, perché a questi occorrerebbe aggiungere il commissariamento di protezione civile del 2007/2010, cui è succeduto quello attuale), nell’assunzione degli adempimenti.

Dicevo una passione e un impeto che ne determinano i comportamenti che riguardano la sanità. Essi sono quei sentimenti che ciascuno di noi impiegherebbe nell’approccio ad una sanità come la nostra, gravemente malata, afflitta da mali strutturali, concepita male, mai corretta e lasciata in mano ad una burocrazia e ad un management non all’altezza dei suoi compiti, peraltro non assistiti dalla necessaria formazione.

Due elementi che, associati alla paura dei danni alle persone, caratterizzano i comportamenti di chi deve comunque provvedere a fronte di un disastro; di una rete ospedaliera esasperata e deserta; di uno stuolo di medici, ai quali non si finirà mai di chiedere scusa per averli ridotti in queste condizioni di lavoro disperato; di una utenza che non sa neppure cosa sia il diritto alla salute.

In questi casi, quindi, il commissario Occhiuto ha ritenuto cogliere, tra tutte, anche questa occasione utile all’estemporaneo. Ovviamente senza escludere tutte le altre, tutt’altro, indispensabili a fare ripartire organicamente gli ospedali “chiusi per abbandono” da decenni da una politica nazionale che non programma dal 2006 e che ricorre a penosi provvedimenti speciali per la Calabria, pieni zeppi di adempimenti ma non del personale occorrente. Le procedure di assunzione ordinaria per i calabresi sono al primo posto dell’agenda commissariale, attenta a misure strutturali.

… la seconda sfaccettatura

È la regola. Non più quella ascrivibile al solito espediente della lex specialis pro Calabria bensì a quella che è da rivedere per semplificare il soccorso umano a quella parte della Nazione (noi tutti) che è trascurata da sempre. Insomma, una regola che finalmente produca e non prometta.

Una regola che tuteli il cittadino calabrese comune nel godimento dei servizi essenziali, attraverso il ricorso a procedure facilitate indispensabili per garantirgli strutturalmente la salute attraverso l’occupazione degli operatori sanitari occorrenti, soprattutto calabresi, tutelati nella ricerca del loro lavoro e di ogni prosieguo utile.

Tanti i diti contro a deprecare l’iniziativa
La critica è sempre sulla linea di partenza di ogni iniziativa. Le parti istituzionali, al di là di qualche giusta considerazione negativa, hanno annuito. Per esempio, gli Ordini dei medici, che ho molto apprezzato, hanno fatto due cose: hanno giustamente preteso il riconoscimento dell’utilità della loro collaborazione nel decidere le politiche regionali salutari e hanno chiarito il percorso amministrativo da perfezionare perché i loro colleghi cubani possano divenire e comportarsi come tali in Calabria (e ovunque), agendo legittimamente nel nostro SSR.

I sindacati fanno il loro mestiere. Alcuni meglio di altri. Io ne apprezzo le pretese occupazionali perché sono cresciuto nel concretizzarsi, tra gli altri, del diritto dei lavoratori. Meglio se fossero più concretamente propositivi.

Relativamente alle associazioni padronali, fanno ciò che devono per “contratto” agli aderenti: potere utilizzare una tale species di mano d’opera professionale, con una retribuzione anche più favorevole per il datore di lavoro.

La procedura
La Regione è chiamata a sostituire, improrogabilmente sino a fine anno, il Ministero della salute nel procedimento di riconoscimento della laurea acquisita a Cuba, secondo i dettami del DM n. 268/2010. Dovrà farlo comparando i piani di studio svolti con quelli in vigore in Italia e ricorrendo, al termine, ad una Conferenza dei servizi, cui dovrà partecipare anche il MIUR. Sarà compito, poi, degli Ordini interessati acquisire, unitamente alle istanze d’iscrizione dei medici in possesso dei titoli di studio riconosciuti, una idonea certificazione di superamento di un esame di lingua italiana e di conoscenza delle norme regolatrici della professione.

Fatto ciò, ogni medico extra-UE ha diritto, vigenti le ulteriori condizioni, a vedersi perfezionata l’iscrizione senza la quale verrebbe interdetto ai medesimi l’esercizio medico. Ciò non solo per i medici, ma  per tutti gli operatori sanitari stranieri con titolo conseguito nell’UE (esonerato ovviamente dal primo step preliminare) ed extra UE.

Perché la scelta della società somministrante lavoro
La società esercita, di fatto, una legittima intermediazione nella ricerca di mano d’opera professionale. In quanto tale seleziona a Cuba le disponibilità degli operatori sanitari disposti a lavorare all’estero. Ne verifica i titoli posseduti e l’idoneità psico-fisica e, quindi, ne propone l’utilizzo nelle aree bisognose. Un sistema utilizzato in Lombardia e a Torino con risultati ottenuti in piena pandemia. L’emergenza rimane, a detta del Governo che lo ha implicitamente reiterato con il DL 105/2021, sino al 31 dicembre 2022 e, con essa, ne consente il ricorso ai calabresi. Gli accordi stipulati di somministrazione di mano d’opera medicale la renderebbero, tuttavia, datore di lavoro con obbligo di assunzione dei professionisti dati poi in affitto sulla base di una selezione perfezionata unilateralmente.

Però si sa, i rapporti professionali sono ad intuitu personae, così come testimoniato dall’obbligo degli esami e dalla iscrizione ad un Ordine. Ed è qui che va sottolineata la necessità di un percorso che porti alla scelta dei medici migliori e più garanti della prestazione sanitaria occorrente, individuata con apposito fabbisogno specifico.

Medici calabresi cercansi disperatamente
Il commissario sta rivendicando in lungo e in largo l’esercizio della potestas di attribuire incentivi ai medici calabresi disposti a tornare in Calabria. Quanto ai nostri giovani (bravissimi!), medici e non,  ci sarà a breve spazio per tutti, indistintamente. Nelle more, si stanno valutando misure forti che ne facilitino l’assunzione a tempo indeterminato, magari attraverso facilitazioni assunzionali adattate alla più utile regola delle procedure concorsuali standard.

Ettore Jorio
Università della Calabria



24 agosto 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Calabria

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy