Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 22 SETTEMBRE 2023
Cronache
segui quotidianosanita.it

Nucleare: sì al decreto per costruire nuovi centrali, ma solo nelle Regioni favorevoli


16 MAR - Le Commissioni Attività produttive e Ambiente della Camera e la commissione Ambiente del Senato hanno dato parere favorevole allo schema di decreto per la localizzazione dei siti e la costruzione di centrali nucleari in Italia. Ma il sottosegretario alle Attività produttive, Stefano Saglia, nel corso della seduta delle commissioni riunite, ha sottolineato che le centrali nucleari non verranno costruite nelle Regioni che negheranno l'assenso. Allo stesso modo, però, Saglia ha sostenuto “l'inopportunità di una modifica da parte del Governo delle decisioni già assunte sul piano energetico sull'onda emotiva degli eventi catastrofici del Giappone”.
Il sottosegretario si è così soffermato su un aspetto, quello delle Regioni, che era stato già al centro di un acceso dibattito e anche di una serie di ricorsi presentati da alcune Regioni e accolti dalla Corte Costituzionale nei confronti della prima versione dello schema di decreto, che non prevedeva il coinvolgimento delle Regioni dove si dovrebbero costruire i siti. Quella votata dalle commissioni è infatti la seconda versione del decreto, che recepisce la pronuncia della Consulta che, pur considerando la materia “di preminente interesse statale” e per questo soggetta “ad autorizzazione unica” rilasciata con decreto dei ministeri competenti (su richiesta dell’ operatore e previa intesa con la Conferenza Unificata), sottolinea che questo deve avvenire solo dopo l’acquisizione del parere "obbligatorio e non vincolante" della Regione interessata. Con le sue parole, Saglia ha quindi aggiunto un elemento ulteriore, assicurando che “non si potranno realizzare le centrali nucleari nelle regioni che si esprimeranno negativamente sulla localizzazione degli impianti nel loro territorio e che il programma energetico nucleare non potrà essere realizzato in assenza di una totale condivisione delle comunità territoriali coinvolte”.

“Ne prendo atto” e “sottolineo che non mi risulta ci sia alcuna Regione italiana disposta a ospitare una centrale nucleare sul proprio territorio”, è stato il commento del presidente dell'Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni Vasco Errani rispetto alle parole del sottosegretario Saglia. “La Regione Emilia Romagna sul nucleare ha preso, già da tempo, una posizione netta e chiara. Siamo  contrari a questo nucleare pericoloso e anti economico”, ha  inoltre evidenziato Errani  rispondendo alla lettera inviata da Legambiente ai presidenti di Regioni che chiedeva di “prendere atto della oggettiva  irragionevolezza di qualsiasi prospettiva di localizzazione di centrali nel nostro territorio".
Altra questione sollevata da Saglia è stata “la necessità di un maggior coordinamento delle Autorità nazionali di sicurezza che, anche alla luce delle decisioni del Consiglio dell'Unione europea convocato per il prossimo lunedì 21 marzo, dovrà riguardare anche la fissazione di requisiti di sicurezza degli impianti europei”.
 

16 marzo 2011
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy