Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 28 NOVEMBRE 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Covid. Agenzia europea per la sicurezza area e Ecdc concordi: “Via l’obbligo mascherine su aerei e in aeroporto dal 16 maggio”. Ma in Italia obbligo resta fino a metà giugno salvo ripensamenti


Pubblicato dall’Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie un aggiornamento sulle misure di sicurezza sanitaria per i viaggi aerei, in cui si elimina la raccomandazione di indossare obbligatoriamente le mascherine negli aeroporti e a bordo di un volo, pur rilevando che la mascherina è ancora una delle migliori protezioni contro la trasmissione del COVID-19. Ma in Italia al momento l'obbligo resta, come prevedono l’ordinanza di Speranza e il decreto legge all'esame finale del Senato. IL DOCUMENTO

11 MAG -

Via l’obbligo di mascherina a bordo degli aerei e negli aeroporti. È quanto prescrivono l’Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea (EASA) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) che hanno pubblicato un aggiornamento sulle misure di sicurezza sanitaria per i viaggi aerei. Ovviamente fino a nuovi provvedimenti in Italia le mascherine continueranno ad essere obbligatorie fino al 15 giugno come prevede l'ordinanza del 28 aprile scorso del ministro Speranza e come stabilito dal decreto legge riaperture all'esame finale del Senato.

L'aggiornamento del protocollo congiunto sulla sicurezza sanitaria dell'aviazione tiene conto degli ultimi sviluppi della pandemia, in particolare dei livelli di vaccinazione e dell'immunità acquisita naturalmente, e della conseguente revoca delle restrizioni in un numero crescente di paesi europei. Oltre alle modifiche relative alle mascherine, le raccomandazioni includono un allentamento delle misure più rigorose sulle operazioni aeree, che contribuirà ad alleviare l'onere per l'industria pur mantenendo le misure appropriate.

"Dalla prossima settimana, le maschere per il viso non dovranno più essere obbligatorie nei viaggi aerei in tutti i casi, in linea con i mutevoli requisiti delle autorità nazionali in tutta Europa per il trasporto pubblico", ha affermato il direttore esecutivo dell'EASA Patrick Ky. "Per i passeggeri e il personale di volo, questo è un grande passo avanti nella normalizzazione del trasporto aereo. I passeggeri devono comunque comportarsi in modo responsabile e rispettare le scelte degli altri che li circondano. E un passeggero che tossisce e starnutisce dovrebbe prendere in seria considerazione l'idea di indossare una maschera per il viso, per rassicurare coloro che sono seduti nelle vicinanze".

Il direttore dell'ECDC Andrea Ammon ha dichiarato: “Lo sviluppo e i continui aggiornamenti del protocollo sulla sicurezza sanitaria dell'aviazione alla luce della pandemia di COVID-19 in corso hanno fornito ai viaggiatori e al personale dell'aviazione una migliore conoscenza dei rischi di trasmissione di SARS-CoV-2 e delle sue varianti. Sebbene i rischi permangano, abbiamo visto che gli interventi e i vaccini non farmaceutici hanno permesso alle nostre vite di tornare alla normalità. Sebbene l'uso obbligatorio della mascherina in tutte le situazioni non sia più raccomandato, è importante tenere presente che, insieme al distanziamento fisico e a una buona igiene delle mani, è uno dei metodi migliori per ridurre la trasmissione. Le regole e i requisiti degli Stati di partenza e di destinazione dovrebbero essere rispettati e applicati in modo coerente e gli operatori di viaggio dovrebbero avere cura di informare i passeggeri di tutte le misure richieste in modo tempestivo. L'importanza di queste misure dovrebbe continuare a essere comunicata in modo efficace ai passeggeri per la loro sicurezza e l'ECDC continuerà a lavorare con i nostri colleghi dell'EASA per valutare e modificare regolarmente le raccomandazioni, se necessario".

Le nuove raccomandazioni sull'uso delle mascherine entreranno in vigore dal 16 maggio 2022. Tuttavia, le regole per le mascherine in particolare continueranno a variare in base alla compagnia aerea oltre tale data. Ad esempio, i voli da o verso una destinazione in cui è ancora richiesto l'uso della maschera sui trasporti pubblici dovrebbero continuare a incoraggiare l'uso della maschera, secondo le raccomandazioni. I passeggeri vulnerabili dovrebbero continuare a indossare una maschera facciale indipendentemente dalle regole, idealmente una maschera di tipo FFP2/N95/KN95 che offre un livello di protezione superiore rispetto a una maschera chirurgica standard.

I passeggeri sono inoltre incoraggiati a osservare le misure di distanziamento nelle aree interne, anche in aeroporto, ove possibile. Ma gli operatori aeroportuali dovrebbero adottare un approccio pragmatico al riguardo: ad esempio, dovrebbero evitare di imporre requisiti di distanziamento se questi molto probabilmente porteranno a un collo di bottiglia in un'altra località del viaggio passeggeri, soprattutto se non sono richiesti a livello nazionale o regionale in altri impostazioni simili.

Sebbene molti stati non richiedano più ai passeggeri di inviare dati tramite un modulo di localizzazione dei passeggeri, le compagnie aeree dovrebbero mantenere i loro sistemi di raccolta dati in standby in modo da poter mettere queste informazioni a disposizione delle autorità sanitarie pubbliche se necessario, ad esempio nel caso in cui una nuova variante preoccupante (VOC) che è stato identificato come potenzialmente più pericoloso.



11 maggio 2022
© Riproduzione riservata
Allegati:

spacer Il documento

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy