Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 16 SETTEMBRE 2021
Cronache
segui quotidianosanita.it

Amici di sesso. Per 7 giovani su 10 è meglio dell’amore


Come nel sexting, anche nella ricerca di un amico con cui fare sesso emerge l’urgente desiderio dei giovani di esplorare la sessualità pur in assenza di una relazione solida. Ma a differenza dalle altre forme di sesso occasionale, tra gli amici di sesso c’è un legame affettivo. Con i suoi pro e contro.

08 NOV - I legami stretti fanno paura. Infatti, secondo una recente ricerca dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) su  affettività e sessualità, per 7 giovani su 10 è meglio parlare di “amici di sesso” piuttosto che di amore. Ma è possibile vivere una relazione senza scottarsi? Di questo si parlerà oggi nel nuovo video-chat di ‘Se sso è meglio” sul portale Diregiovani.it.

Come nel sexting – neologismo utilizzato per indicare l’invio di  messaggi e immagini a sfondo sessuale – anche nella ricerca del  trombamico, o amico di letto, l’adolescente “si trova alle prese con  il desiderio di sperimentare ed esplorare la propria sessualità emergente evitando d’incontrare in modo decisivo la realtà delle proprie emozioni e dei propri sentimenti”, spiegano gli esperti dell’Ido che curano la rubrica ‘Se sso è meglio!’ e rispondono alle domande che arrivano allo spazio di consulenza on line ‘Chiedilo agli Esperti’ sul sito Diregiovani.it.

“Vivere la sessualità all’interno di una relazione priva di impegno verso l’altro - hanno proseguito gli esperti - come avviene appunto tra gli amici di letto, può rappresentare per molti ragazzi un modo di tenere a bada e controllare i normali timori di un'apertura all'altro più profonda”. Sexting e gli amici di sesso sono quindi due argomenti “molto complessi, soprattutto perché le ripercussioni sui vissuti dei più giovani non sono immediatamente percettibili, ma si evidenziano nel tempo. Se ad esempio pensiamo al sexting - hanno precisato - diventa importante far notare ai più giovani che una foto una volta inviata non può essere più gestita né recuperata. Le foto, se anche condivise con una persona di fiducia, si possono diffondere in modo incontrollabile, passando dal gruppo di amici all’intera scuola e se postate sul web diventano potenzialmente visibili in tutto il mondo”.


Inoltre, “è doveroso chiarire che la l’amicizia per sesso si differenzia dalle altre forme di sesso occasionale perché i due amici tendono a confidarsi sulle proprie relazioni e conquiste e spesso si coinvolgono in discussioni sul bisogno di darsi una definizione ponendosi domande come ‘cosa stiamo facendo?, ‘quali sono i confini?’, ‘ma è la cosa giusta?’ Tutti quesiti che fanno pensare ad una certa complicità e confidenza, come a segnalare un primo e rudimentale approccio ai sentimenti”.

Tuttavia gli amici coinvolti in una relazione sessuale possono vivere in equilibrio “solo se c’è corrispondenza tra i bisogni di entrambi, poiché nel tempo malumori o gelosie potrebbero compromettere l’amicizia o comunque la serenità”.

Insomma, tenere separata la sfera sessuale da quella sentimentale è davvero molto difficile. E l’amicizia di sesso può “finire quando uno dei due trova un’altra storia spesso più accattivante, oppure può in alcuni casi trasformarsi in un vero rapporto sentimentale che potrà essere reso pubblico. Comunque resta il rischio che con queste modalità relazionali la parte più emotiva e affettiva dei rapporti - ha concluso l’équipe di psicoterapeuti e medici dell’IdO - possa passare in secondo piano, senza essere sufficientemente ascoltata e compresa”.

Per chi oggi volesse parlare direttamente con un esperto, ‘Se sso è meglio!’ proporrà la possibilità di interagire in tempo reale con un servizio di chat live di un’ora e fruibile dalle 15 alle 16.
 

08 novembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy