Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 30 SETTEMBRE 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Cannabis. La legalizzazione illustrata a sostegno del referendum radicale. Il video


Ultime settimane di raccolta firme per i 12 referendum radicali. Il comitato promotore lancia sui social network un cartone animato a sostegno del referendum che mira a legalizzare la cannabis. “Se lo stato la legalizzasse – dicono – incasserebbe 8 miliardi, il corrispettivo per costruire trenta nuovi ospedali”. IL VIDEO

30 AGO - La legalizzazione illustrata, agli adulti. È questo il titolo del cartoon a sostegno di queste ultime settimane di raccolta firme per il referendum radicale contro il carcere per i fatti di lieve entità connessi al consumo delle sostanze stupefacenti. Uno dei 12 quesiti.
 
Il cartone animato è promosso sui social network. Il video, di Flavio Avy Candeli e Giovanni di Modica, illustra in 3 minuti una serie di vantaggi economici e considerazioni medico sociali a sostegno della legalizzazione. 


 
“Un italiano su tre – dice il cartone – ha fumato cannabis almeno una volta nella vita. I consumatori abituali sono oltre 3 milioni”. Il proibizionismo, prosegue il video animato fa “incassare alla malavita decine di miliardi di euro in nero ogni anno”. Mentre “se lo stato legalizzasse la cannabis come i tabacchi incasserebbe circa 8 miliardi in più”. Ovvero “Come due Imu sulla prima casa, il corrispettivo per costruire trenta nuovi ospedali”.
 
In più “ogni anno si risparmierebbero i due miliardi della repressione per fare seimila asili nido per 180mila bambini, creando 40 mila posti di lavoro”.
 
Sempre secondo il comitato promotore dei referendum “la proposta di legalizzazione, la trasformazione delle tossicodipendenze in farmacodipendenze avrebbero un effetto stupefacente sulla giustizia, sulla sicurezza, sull’economia e sulla sanità”.
 
Inoltre, aggiungono i radicali “la cannabis si è anche verificata una straordinaria terapia naturale un aiuto per chi soffre di cancro, glaucoma, parkinson, sclerosi multipla e di Sla”.
 
Il referendum, spiegano i promotori “vuole eliminare quelle norme della legge Fini-Giovanardi che riempiono le carceri di consumatori di sostanze proibite. Se vincesse il referendum radicale la detenzione verrebbe eliminata per tutte le violazioni che riguardano fatti di lieve entità, mentre rimarrebbero le sanzioni amministrative da 3mila a 26 mila euro.
 

30 agosto 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy