Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 16 GIUGNO 2021
Cronache
segui quotidianosanita.it

Fials: “Solidarietà a medici e infermieri aggrediti, Speranza convochi Osservatorio previsto da legge 113/2020. Subito presidi polizia e aziende parte civile”


Il sindacato commenta due recenti fatti di cronaca che hanno visto due aggressioni in 24 ore al Cardarelli e un medico fiscale nel veneziano insultato e minacciato per il colore della sua pelle.

08 GIU - “Gli odiosi episodi di violenza, vandalismo e discriminazione razziale contro i sanitari che si stanno verificando negli ultimi giorni e attraversano il Paese da Napoli a Chioggia, sono il segno di un disagio preoccupante e diffuso che condanniamo con forza, a cui va subito opposta una campagna di sensibilizzazione e di contrasto, onde evitare la ripresa del fenomeno e mettere in sicurezza medici e infermieri a rischio aggressioni ogni giorno. Non è pensabile lasciare i professionisti senza presidi delle forze dell'ordine negli ospedali sperando che non succeda nulla o assistere inermi al susseguirsi di attacchi e minacce”. Così Giuseppe Carbone, segretario generale della Fials, sui recenti fatti di cronaca che hanno visto due aggressioni in 24 ore al Cardarelli e un medico fiscale nel veneziano insultato e minacciato per il colore della sua pelle.
 
In attesa che venga fatta luce sulle rispettive vicende e si prendano provvedimenti tempestivi affinché non si ripetano, la Fials esprime massima solidarietà ai colleghi colpiti e auspica che venga applicata la legge n. 113 sulle aggressioni al personale sanitario per quanto riguarda la perseguibilità d'ufficio e non più a querela, nei casi di percosse (art. 581 codice penale) e di lesioni non gravi (art. 582 codice penale) a danno di un operatore sanitario.
 
Secondo tale norma, le lesioni personali cagionate in servizio “sono punite con la reclusione da quattro a dieci anni; le lesioni gravissime, con la reclusione da otto a sedici anni”, aggiungendo una circostanza aggravante all’art. 61 del codice penale: “l’avere agito, nei delitti commessi con violenza o minaccia, in danno degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nonché di chiunque svolga attività ausiliarie di cura, assistenza sanitaria o soccorso, funzionali allo svolgimento di dette professioni, a causa o nell’esercizio di tali professioni o attività”.
 
Entrata in vigore da settembre 2020, dopo un lungo e sofferto iter, la legge 'Disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell'esercizio delle loro funzioni', prevede che le aziende vengano impegnate a stipulare specifici protocolli operativi con le forze di polizia per garantirne il tempestivo intervento, e prescrive sanzioni pecuniarie da 500 a 5.000 euro a “chiunque tenga condotte violente, ingiuriose, offensive o moleste nei confronti di personale esercente una professione sanitaria o socio-sanitaria o di chiunque svolga attività ausiliarie di cura, assistenza sanitaria o soccorso funzionali allo svolgimento di dette professioni”.
 
 
“Invitiamo come organizzazione sindacale le autorità preposte a potenziare le misure organizzative e di prevenzione nelle strutture sanitarie - sottolinea Carbone - soprattutto in vista dell'estate e del conseguente rischio per mancanza di personale di lasciare scoperti gli operatori sui luoghi di lavoro”. Allo scopo “sollecitiamo il ministro della Salute Roberto Speranza - conclude - a convocare con urgenza l'Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie, previsto dalla legge 113/2020 e di cui la Fials fa parte”.
 

08 giugno 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy