Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 20 SETTEMBRE 2021
Cronache
segui quotidianosanita.it

Uk. Cresce la protesta di medici e infermieri del Nhs che chiedono aumenti di stipendio “adeguati”

di Grazia Labate

Monta la protesta dopo l'offerta del Governo di aumenti medi dell'1%. “Il SSN è in una crisi esistenziale. Il pubblico britannico si affida a noi per prendersi cura dei loro malati. Quindi voglio che si fidino di noi, ora quando diciamo che se non otteniamo un aumento di stipendio adeguato non ce la potremo fare è perché da molti anni il nostro servizio sanitario nazionale si sta sgretolando e intorno alle macerie gli avvoltoi ne stanno privatizzando i pezzi. Il NHS è sul filo del rasoio", dice uno dei rappresentanti sindacali

07 LUG - A Londra le proteste crescono e pretendono la fine della carenza di fondi e di personale per il NHS. La rabbia cresce e non sembra placarsi anche dopo l'aumento dell'1% di stipendio offerto dal governo. Infermieri e medici sono stremati, stanno valutando di intraprendere una vasta azione sindacale.
 
Sabato 3 luglio decine di proteste hanno chiesto la fine della carenza di fondi e di personale insufficiente nel servizio sanitario nazionale in Inghilterra, Scozia e Galles proprio il giorno della celebrazione del 73° anniversario del servizio sanitario.
 
Fuori dall'University College Hospital di Londra, gli operatori sanitari e gli attivisti del movimento che difende il NHS hanno cantato: "Boris Johnson ci senti gridare, pagaci adeguatamente o a casa devi tornare".
Hanno rivendicato che il NHS sia mantenuto adeguatamente in vita perchè le continue riforme strutturali tentate fin qui, hanno visto di fatto privatizzare alcuni servizi.
 
Un'infermiera di terapia intensiva ha affermato che il personale del SSN era così "malconcio" dalla pandemia che "molti portano ancora cicatrici... Abbiamo visto cose che non dovremmo vedere e molte delle nostre infermiere non ce l’hanno fatta ".

 
Dave Carr, anche lui rappresentante di Unite for NHS, ha detto a Sky News: “Il SSN è in una crisi esistenziale. Il pubblico britannico si affida a noi per prendersi cura dei loro malati. Quindi voglio che si fidino di noi, ora quando diciamo che se non otteniamo un aumento di stipendio adeguato non ce la potremo fare è perché da molti anni il nostro servizio sanitario nazionale si sta sgretolando e intorno alle macerie gli avvoltoi ne stanno privatizzando i pezzi. Il NHS è sul filo del rasoio".
 
C'è stata molta rabbia a marzo quando l'ex segretario alla salute, Matt Hancock ha raccomandato al governo, un aumento dell'1% per infermieri e medici in considerazione di quello che hanno affrontato durante tutto il lock down. Ma la verità è che le risorse umane sono scarse e che noi affrontiamo ogni giorno il calvario dei pronto soccorso affollati.
 
Venerdi scorso, la British Medical Association ha dichiarato di voler chiedere a tutti i suoi iscritti di intraprendere un'azione sindacale e di sospendere gli straordinari pagati e non pagati se l'offerta salariale del governo non si avvicina al 4% o al 5%, dopo anni di tagli alle condizioni reali.
Il Royal College of Nursing ha anche affermato che stava valutando la possibilità di votare contro la proposta del governo che si rivela "uno schiaffo in faccia".
 
Prima delle proteste, il co-presidente di Keep Our NHS Public Tony O'Sullivan, ha affermato che i principi fondanti del NHS, per istituire un'assistenza sanitaria gratuita universale, sono stati minati dal sottofinanziamento del governo sul NHS in tutti questi anni.
 
“Il servizio sanitario nazionale indebolito è stato portato al punto di rottura da Covid e la popolazione ne ha sofferto”, ha affermato. “Il personale è sottopagato, oberato di lavoro e la sua salute è in pericolo. Il nuovo disegno di legge sulla salute minaccia ulteriori appalti privati su larga scala”.
 
Holly Turner, un'infermiera del NHS e membro fondatore del gruppo della campagna NHS Workers Say No, ha dichiarato: "Ho ricevuto per oltre un decennio tagli reali alla mia paga nonostante il mio carico di lavoro continui ad aumentare. Il personale è stato vittima di morti e malattie evitabili, mentre i contratti di parentela e il profitto sono stati posti al di sopra della sicurezza dei lavoratori. Stiamo lottando per mantenere i nostri pazienti al sicuro a causa della carenza cronica di personale e delle liste di attesa ingestibili".
 
John McDonnell, ex cancelliere ombra laburista, ha dichiarato a una manifestazione fuori Downing Street: "Abbiamo tutti conosciuto persone che si sono perse nel servizio sanitario nazionale a causa di ciò, nel mio ospedale locale abbiamo perso una delle caposala più brave nelle prime fasi della pandemia. Non possiamo lasciare che le loro vite siano vane; hanno dato la vita per salvare i loro pazienti... Dobbiamo assicurarci di salvare il servizio sanitario nazionale in loro onore".
 
Quasi 800.000 persone hanno firmato una petizione organizzata da Merthyr Tydfil, una infermiera molto nota nel Galles, che afferma che gli applausi nazionali settimanali, trasmessi con immagini di ministri che applaudono, sono "un bel gesto" ma che ciò che desiderano di più i lavoratori del SSN è ricevere un aumento di stipendio del 15%.
 
Le proteste arrivano proprio il giorno in cui il SSN compie 73 anni. Più di 70 punti di riferimento in tutta l' Inghilterra sono stati illuminati di blu sabato, per ringraziare il personale per il loro lavoro durante la pandemia e commemorare le centinaia di lavoratori del SSN morti di Covid.
 
Il chief people officer del SSN, Prerana Issar, ha dichiarato: “Ciascuno dei colleghi che purtroppo sono morti mentre si prendevano cura e proteggevano i pazienti rappresentano un ricordo insostituibile in una famiglia e in un luogo di lavoro, come quello del NHS.
 
“Non è esagerato affermare che il personale del servizio sanitario ha contribuito a far andare avanti il Paese durante la pandemia, e mentre il personale del SSN è stato giustamente celebrato per il suo contributo, sappiamo che il ruolo svolto da altri lavoratori chiave – le persone che tengono aperti i supermercati, i netturbini, il personale degli asili nido e di altri servizi pubblici, così come la resilienza del pubblico in generale, hanno contribuito a garantire che possiamo iniziare ad andare avanti”.
 
Ora occorre rispettare più di prima le regole la variante Delta non ci lascia per niente tranquilli, ma non giochiamo con il fuoco il personale è esausto.
 
Grazia Labate
Ricercatrice in economia sanitaria, già sottosegretaria alla sanità

07 luglio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy