Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 21 OTTOBRE 2021
Cronache
segui quotidianosanita.it

Tokyo 2020. Ormai infranta la ‘bolla’ di protezione anti Covid per gli atleti al villaggio olimpico. Già riscontrate 67 positività


Ci sono stati 67 casi rilevati tra atleti e staff accreditati per i Giochi dal 1 luglio, hanno spiegato gli organizzatori. I nuovi casi di Covid-19 a Tokyo hanno raggiunto sabato 1.410, mentre i Giochi dovrebbero iniziare tra soli tre giorni. Gli esperti di salute pubblica hanno avvertito che i fattori stagionali, l'aumento della mobilità e la diffusione della variante Delta potrebbero portare a un'impennata di oltre 2.000 casi al giorno a Tokyo entro il prossimo mese, livello critico per il sistema sanitario.

20 LUG - La cosiddetta bolla per controllare le infezioni da Covid-19 nel villaggio degli atleti olimpici di Tokyo è già "rotta" e rappresenta un rischio di diffusione di infezioni alla popolazione generale. Ad affermarlo è stato un importante esperto di salute pubblica. I funzionari dei giochi domenica hanno segnalato il primo caso Covid-19 tra gli atleti nel villaggio di Tokyo. Ci sono stati 67 casi rilevati tra quelli accreditati per i Giochi dal 1 luglio, hanno spiegato gli organizzatori.
 
"È ovvio che il sistema della bolla è un po' rotto - ha detto Kenji Shibuya, ex direttore dell'Institute for Population Health al King's College di Londra -. La mia più grande preoccupazione è, ovviamente, che ci sarà un gruppo di infezioni nel villaggio o in alcuni degli alloggi e nell'interazione con la popolazione locale. Test insufficienti alla frontiera e l'impossibilità di controllare i movimenti delle persone significano che i Giochi potrebbero esacerbare la diffusione della variante infettiva del virus Delta", ha aggiunto.
 
Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale Thomas Bach ha dichiarato la scorsa settimana che i test e i protocolli di quarantena lascerebbero "zero" il rischio che i partecipanti ai Giochi infettino i residenti in Giappone. 

 
"Dichiarazioni del genere servono solo a confondere e ad arrabbiare le persone - ha detto Shibuya - poiché le condizioni reali sul campo sono totalmente opposte". Ad aprile, Shibuya è stato coautore di un commento sul British Medical Journal secondo cui le Olimpiadi devono essere "riconsiderate" a causa dell'incapacità del Giappone di contenere i casi di coronavirus.
 
I nuovi casi di Covid-19 a Tokyo hanno raggiunto sabato 1.410, un massimo da quasi sei mesi, mentre i Giochi dovrebbero iniziare tra soli tre giorni. Gli esperti di salute pubblica hanno avvertito che i fattori stagionali, l'aumento della mobilità e la diffusione della variante Delta potrebbero portare a un'impennata di oltre 2.000 casi al giorno a Tokyo entro il prossimo mese, livelli che potrebbero portare il sistema sanitario della città al punto di rottura. 

20 luglio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy