Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 06 GIUGNO 2023
Emilia Romagna
segui quotidianosanita.it

Covid. A Parma uno studio con Oxford per capire le conseguenze sui minori

Partecipare all’indagine è semplice: è sufficiente compilare un’intervista di valutazione dei sintomi e della qualità della vita. Da queste premesse prende il via lo studio “Isaric”, promosso dall’Università di Oxford in collaborazione con l’Oms e coordinato in Italia dall’unità operativa clinica pediatrica dell’Aou Parma. Adesione internazionale da molti paesi. Si punta a coinvolgere 500 famiglie.

11 GEN - Un questionario rivolto ai genitori per capire quali sono le conseguenze a lungo termine del Covid nei bambini e negli adolescenti. Cefalea, affaticamento, problemi del sonno e difficoltà di concentrazione sono i disturbi più ricorrenti lamentati.

Partecipare all’indagine è semplice: è sufficiente compilare un’intervista di valutazione dei sintomi e della qualità della vita. Da queste
premesse prende il via lo studio Isaric, promosso dall’Università di Oxford in collaborazione con l’Oms e coordinato in Italia dall’unità operativa clinica pediatrica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, diretta da Susanna Esposito. Al progetto internazionale aderiscono molti Paesi tra cui Spagna, Russia, Regno Unito, Canada, America Latina, India e Israele.

“Ad oggi sono stati segnalati meno casi di infezione da Covid in età pediatrica rispetto agli adulti, generalmente i bambini sviluppano la malattia in modo più lieve e i sintomi scompaiono entro pochi giorni dalla diagnosi - sottolinea la coordinatrice del progetto, Esposito - in alcuni casi, però, anche i ragazzi e i bambini possono manifestare la sindrome post-Covid con problematiche di salute che persistono nelle settimane successive alla diagnosi oppure ricompaiono con sintomi diversi”.

Possono partecipare all’indagine tutti i bambini e adolescenti di età inferiore ai 18 anni che negli ultimi tre mesi siano risultati positivi al tampone per la ricerca del virus Sars-CoV-2, anche se con sintomi lievi, curati a casa oppure ricoverati in ospedale. Le famiglie con le caratteristiche indicate saranno contattate dal personale dell’Azienda Usl di Parma.

“Grazie alla collaborazione con i pediatri di libera scelta prevediamo di coinvolgere nell’indagine circa 500 famiglie a Parma e provincia”, ha
spiegato infine Rosanna Giordano, referente per l’Area epidemiologica del dipartimento di Sanità Pubblica.

11 gennaio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Emilia Romagna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy