Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 01 DICEMBRE 2022
Emilia Romagna
segui quotidianosanita.it

“Zero alcol in gravidanza”, domani la campagna in camper dell’Ausl Ferrara all’ora dell’aperitivo

Domani la giornata mondiale di sensibilizzazione. Gli operatori di strada del Serd di Ferrara saranno in giro con un camper, in orario di aperitivo o alla sera, recandosi nei luoghi di aggregazione per spiegare quali sono i danni causati dall’abuso di alcol quando si aspetta un bambino. “Non esiste in letteratura una dose oltre la quale il feto può essere danneggiato dall’uso dell’alcol“.

08 SET - Con il camper in giro per locali all’ora dell’aperitivo e di sera per mettere in guardia le donne dal bere alcol in gravidanza. E’ la campagna messa in atto dall’Ausl di Ferrara per combattere la sindrome feto-alcolica in occasione della giornata mondiale di sensibilizzazione in programma domani, venerdì 9 settembre.

L’impegno degli operatori
Gli operatori di strada del Serd di Ferrara saranno quindi in giro con un camper, in orario di aperitivo o alla sera, recandosi nei luoghi di aggregazione per spiegare quali sono i danni causati dall’abuso di alcol quando si aspetta un bambino. “Non esiste in letteratura una dose oltre la quale il feto può essere danneggiato dall’uso dell’alcol- spiega il farmacologo e tossicologo clinico del Serd di Ferrara, Massimo Trombini- per tale motivo è meglio non bere durante la gestazione“.

Le conseguenze sul feto
L’alcol in gravidanza, spiega l’esperto, “genera lesioni cellulari a causa di un metabolita tossico (acetaldeide) che con l’etanolo vanno a creare un danno vascolare alla placenta”. Il feto “non metabolizza l’alcol”, per cui va “in uno stato di ipossia, cioè gli arriva poco ossigeno”. E questo “a sua volta può creare conseguenze anche molto gravi sullo sviluppo dell’embrione“. Quindi, ribadisce il tossicologo dell’Ausl di Ferrara, “non usiamo alcol in gravidanza”.

“Zero alcol”
Lo slogan della campagna contro la sindrome feto-alcolica in fondo è proprio questo: “Zero alcol in gravidanza”. Se la mamma beve mentre è in attesa, il futuro nascituro può presentare diversi problemi come il dismorfismo facciale, il ritardo nella crescita o l’anomalia neuro-comportamentale. Quando ci sono tutti e tre, si ha la sindrome in forma grave.

08 settembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Emilia Romagna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy