Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 12 AGOSTO 2022
Friuli Venezia Giulia
segui quotidianosanita.it

Difficile assumere medici se gli stipendi sono bassi. Il caso del Friuli Venezia Giulia

03 MAG -

Gentile Direttore,
da un articolo apparso il 30 aprile u.s. su “Il Gazzettino” si apprende che il Friuli Venezia Giulia è la regione dove gli stipendi medi dei medici ospedalieri sono i più bassi d’Italia (ultimo report del Ministero dell’Economia).

E ci si sorprende se non si trovano medici da assumere?

Quando ero segretario regionale ANAAO del Friuli Venezia Giulia avevo più volte segnalato il rischio di un progressivo degrado della sanità pubblica nella nostra regione, dovuto soprattutto ai ripetuti tagli, che avevano raggiunto il culmine con la riforma Serracchiani.

La riduzione di reparti e servizi è stata accompagnata da un progressivo svilimento del lavoro e fin dell’immagine dei professionisti, i primari ospedalieri dei reparti e servizi da chiudere (ne sono stati chiusi un’ottantina in tutto il FVG) erano stati definiti da Serracchiani e dall’allora assessore Telesca “poltrone” “manifestamente inutili”, collusi con la politica e detentori di baronie.

Già allora, era il 2015, era stato facile prevedere che con il clima ostile ai medici ospedalieri che si era instaurato e soprattutto con l’azzeramento delle possibilità di carriera, e quindi di migliori retribuzioni, vi sarebbe stata la fuga dei professionisti dal Servizio sanitario regionale.

I tagli agli ospedali operati dalla Giunta precedente sono stati in pratica tutti confermati e le condizioni di lavoro e di carriera per i medici forse sono anche peggiorate, e non solo a causa della pandemia. Basti pensare, per esempio, a quante direzioni di strutture complesse (i vecchi “primariati”) rimangono vacanti perché, dopo la cessazione del titolare, non si procede al concorso, e il reparto rimane in un limbo, diretto da un “facente funzioni”, ovviamente molto meno retribuito.

E si precipita in un circolo vizioso: le carenze di personale peggiorano le condizioni di lavoro, rendono i turni più pesanti, e così i professionisti sono ancor più restii a trovare impiego nel servizio sanitario pubblico. Questo accade certamente anche in altre regioni, perché le condizioni di lavoro e retributive non sono attrattive per i medici un po’ ovunque in Italia, soprattutto se si fa il paragone con altri Paesi europei.

Ma i dati parlano chiaro: in Friuli Venezia Giulia le retribuzioni dei medici sono (in media) le più basse in Italia. Questo basterà a indurre la Giunta regionale a una riflessione, e a iniziare una svolta?

 

Laura Stabile

Senatrice di Forza Italia



03 maggio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Friuli Venezia Giulia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy