Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 08 DICEMBRE 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Deroga iscrizione Ordine. M5S: “Tuteliamo operatori sanitari a rischio licenziamento”


23 DIC - "Nel nostro Paese ci sono persone che da decenni esercitano delle professioni all’interno del Servizio sanitario nazionale con competenza e dedizione, ma con l’entrata in vigore della legge Lorenzin, che prevede tra l’altro anche l’istituzione del nuovo ordine ultrapluriprofessionale, adesso rischiano la perdita dell’attività professionale o il licenziamento. Per questo si è reso necessario un intervento urgente, perché quel professionista per poter continuare ad esercitare deve iscriversi obbligatoriamente all'albo, altrimenti incorre nel reato di esercizio abusivo della professione e rischia il licenziamento”.
 
E’ quanto affermano, in una nota congiunta, i senatori Elisa Pirro, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Bilancio di Palazzo Madama, e Fabrizio Trentacoste, e la deputata Marialucia Lorefice, presidente della commissione Affari Sociali della Camera dei deputati.
 
“Nella legge di Bilancio - proseguono - poniamo rimedio a una situazione molto complessa, ma ciò non comporterà l’equiparazione ai titoli per i quali è prevista l’iscrizione ai relativi albi professionali, bensì eviterà che professionisti di riconosciuta competenza perdano il posto di lavoro. Nello specifico, riconosciamo a coloro che attualmente esercitano una professione in assenza di titolo idoneo perché non obbligatorio prima dell'entrata in vigore della legge Lorenzin, la possibilità di continuare a svolgere la propria attività, sia nel caso di lavoro dipendente sia autonomo, purché abbiano svolto un’attività professionale per un periodo minimo di 36 mesi, anche non continuativi, negli ultimi 10 anni. Questi lavoratori dovranno essere iscritti, entro ‪il 31 dicembre 2019‬, in elenchi speciali a esaurimento. Inoltre resta salva per il lavoratore in possesso di un titolo conseguito prima dell’entrata in vigore della legge 42 del 1999 la possibilità di regolarizzare la propria situazione partecipando alle procedure per il riconoscimento delle equivalenze, da attivarsi a cura delle Regioni".

 
Infine, concludono, "a tutela dell’evoluzione del percorso formativo di chi opera nella sanità, si stabilisce che non potranno essere attivati corsi di formazione regionale per il rilascio di titoli ai fini dell’esercizio delle professioni sanitarie. Siamo riusciti a individuare una soluzione che permette di superare l’indeterminatezza del quadro giuridico normativo creato dai precedenti governi, ascoltando tutti gli attori coinvolti e mantenendo un’interlocuzione costante con il ministero della Salute. In questo modo tuteleremo tutte quelle persone che lavorano da decenni con professionalità e che ora rischiano di perdere il lavoro e allo stesso tempo vogliamo impedire che in futuro situazioni analoghe, frutto di norme che l’hanno permesso, non si ripetano più”.  

23 dicembre 2018
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy