Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 10 DICEMBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

La risposta della Polytech Health & Aesthetics: “La decisione dell'Ansm non si basa su alcuna evidenza scientifica”

04 APR - La Polytech Health & Aesthetics, azienda leader internazionale e unica in Germania nella produzione di protesi mammarie ha rilasciato oggi la sua risposta ufficiale sulla decisione dell'Ansm, l'Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari, di vietare le protesi macrotesturizzate e quelle ricoperte di poliuterano nel mercato francese. La decisione dell'Ansm riguarda diverse aziende produttrici di protesi mammarie, tra cui la Polytech.
 
"La decisione - si legge nella nota - deriva dalla possibile correlazione tra le protesi mammarie testurizzate e l'insorgenza del linfoma anaplastico a grandi cellule. La nuova direttiva prevede che d'ora in poi in Francia si poranno utilizzare solo le protesi lisce e quelle che l'Ansm stessa classifica come 'micro-testurizzate'. L'azienda continuerà quindi a vendere le sue protesi POLYsmooth (lisce) e MEMOsensitive (micro-testurizzate) in Francia".

 
"La Polytech - prosegue la nota - ha espresso ufficialmente le sue obiezioni rispetto alle conclusioni raggiunte dall'Ansm, nonostante le protesi lisce e micro-testurizzate siano parte integrante della produzione dell'azienda. La decisione dell'Ansm non si basa su alcuna evidenza scientifica e i chirurghi e le loro pazienti in Francia si troveranno davanti a un numero ridotto di opzioni, il che potrebbe impedirgli di raggiungere risutati chirurgici ottimali e sicuri. L'azienda è in totale accordo con le dichiarazioni e le osservazioni delle 22 Plastic & Aesthetics European Societies di oltre 20 paesi".
 
"In quanto azienda leader nella produzione di protesi mammarie, è nostro obbligo informare chirurghi e pazienti sul tema del linfoma anaplastico a grandi cellule, basandoci sull'evidenza scientifica, sulle più recenti pubblicazioni mediche e sulle nostre conoscenze", ha dichiarato Wolfgang Steimel, ceo della Polytech in occasione dell'audizione ufficiale dell'Ansm.
 
"Nonostante si tratti di una complicazione molto rara - aggiunge Steimel -, prendiamo molto sul serio la possibilità di insorgenza del linfoma anaplastico a grandi cellule. Tuttavia, crediamo che il divieto delle protesi testurizzate e di quelle rivestite di poliuretano sia una 'falsa decisione' in termini di protezione e sicurezza delle pazienti, poiché si basa sui dati attualmente a disposizione".
 
"Dopo aver effettuato un'analisi dei dati disponibili ad oggi, non c'è chiara evidenza scientifica sull'associazione tra il linfoma anaplastico a grandi cellule e una specifica tipologia di superficie della protesi", prosegue Steimel. "In base alle informazioni disponibili - conclude - è impossibile escludere qualsiasi tipo di protesi, incluse quelle lisce, da una possibile associazione con l'insorgenza del linfoma". 
 
"Questo dato è stato confermato dall'Fda, in una lettera di aggiornamento agli operatori sanitari datata 6 febbraio 2019 - precisa la nota -, che ha rilevato alcuni casi di linfoma anaplastico a grandi cellule in associazione all'uso di protesi lisce".

04 aprile 2019
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy