Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 02 AGOSTO 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Cure primarie. Preiti (Cgil): “Di male in peggio”


11 OTT - “Non era facile, eppure il Governo è riuscito nell’impresa di peggiorare la precedente stesura dell’Art.1 sulle cure primarie. Travolto da critiche ed emendamenti, tanto da essere stralciato dal Decreto, è stato riscritto persino peggio di prima: risorse zero, anzi in contemporanea si taglia ancora almeno 1 miliardo sul fondo sanitario; l’assistenza continua h 24 e 7 giorni su 7 rimane una chimera; si parla ancora di medici di guardia medica accanto al ruolo unico che non si capisce a chi si riferisca. Si propone poi di far fare l’assistenza primaria nelle RSA ai medici dipendenti, i medici di 118 non sono neanche presi in considerazione, e di ristrutturazione del compenso non c’è traccia”. Questo il commento di Nicola Preiti, coordinatore nazionale della Fp-Cgil Medici Medicina convenzionata sul nuovo testo dell’art. 1 del Decreto Balduzzi.

“Insomma – prosegue Preiti - le Regioni hanno le stesse possibilità normative ma con risorse ancora più ridotte. Quindi non c’è nessuna speranza che l’assetto assistenziale territoriale si possa così modificare. In più abbiamo una finta definizione dei tempi: 180 giorni per adeguare le norme della convenzione alle apparenti modifiche del decreto, e 90 giorni per poi fare gli accordi regionali.

E registriamo una “Prima” assoluta: il Ministro, scaduti i 180 giorni, adegua direttamente gli accordi nazionali. Ma la nuova stesura accentua anche la spinta alla privatizzazione delle cure primarie che in molti abbiamo contestato: si mantiene la previsione di budget e strumentazione da assegnare direttamente a forme organizzative non definite”.

E si va oltre. “Si aggiunge – sottolinea Preiti - un inquietante punto F)bis che consente direttamente alle aziende la possibilità di stipulare accordi per l’erogazione di specifiche attività assistenziali, in particolare ai pazienti cronici. Non si dice con chi e a che titolo. Non essendoci risorse aggiuntive, a chi vengono sottratte? Non è la gestione delle patologie croniche l’attività fondamentale dei medici di medicina generale?”.

“Riteniamo – conclude il coordinatore nazionale della Fp-Cgil Medici Medicina convenzionata -questa previsione un incredibile colpo al servizio pubblico e ai medici che curano i pazienti cronici, un cedimento a quelle regioni, come la Lombardia con i suoi CREG, che vogliono privatizzare anche l’assistenza territoriale”.
 

11 ottobre 2012
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy