Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 09 FEBBRAIO 2023
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Medici in servizio fino a 72 anni? Snami: “Proposta inaccettabile”


Il sindacato autonomo boccia l’emendamento al Milleproroghe: “E’ assurdo che una proposta di questo tipo venga avanzata nuovamente dopo che era stata bocciata nel corso della discussione sulla manovra finanziaria, lo scorso autunno avvantaggiando pochi e danneggiando tanti medici, soprattutto quelli delle giovani generazioni”.

23 GEN -

“Tenere i medici al lavoro fino a settantadue anni non è la soluzione. Piuttosto, il governo e la maggioranza dovrebbero pensare ad un sistema sanitario equilibrato che non carichi all’inverosimile i medici, soprattutto quelli di medicina generale, costringendoli a lasciare la professione anticipatamente”. Lo afferma il presidente nazionale Snami Angelo Testa, che senza mezzi termini è assolutamente contrario alla proposta fatta in sede di dibattito sul decreto Milleproroghe in Senato.

“Innalzare – prosegue - a settantadue anni il tetto d’età per mantenere in servizio i medici alle dipendenze delle aziende sanitarie, quelli che svolgono l’attività in convenzione con il Servizio sanitario nazionale , i docenti universitari e i medici di medicina generale , sarebbe una soluzione addirittura peggiore della falla che si intenderebbe sanare”.

“Potrebbe essere una sorta di regalo ai professori universitari e ai primari che di fatto bloccherebbe l'avanzamento di carriera dei medici più giovani e nel contempo un assist alle casse previdenziali che pagherebbero due anni in meno di pensioni incassando due anni in più di contributi.

E’ assurdo che una proposta di questo tipo venga avanzata nuovamente dopo che era stata bocciata nel corso della discussione sulla manovra finanziaria, lo scorso autunno – conclude Testa – avvantaggiando pochi e danneggiando tanti medici, soprattutto quelli delle giovani generazioni. E’ ovvio che la soluzione non è tenere i medici sino ai 72anni, escluso rarissime eccezioni, anni ma trovare soluzioni che permettano a chi lavora di poterlo fare in modo equilibrato senza andare in burnout e quindi lasciare la professione anticipatamente.”



23 gennaio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy