Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 15 AGOSTO 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Pagamenti Pa. CdM ha dato il via libera alla direttiva “taglia-ritardi"


Il termine per il recepimento della direttiva è fissato al 16 marzo 2013, ma il Governo italiano ha deciso di anticipare la sua attuazione al 1° gennaio 2013 "vista l'importanza della normativa”. Pagamenti entro 30 giorni. Ma per la sanità deroga a 60.

02 NOV - I tempi di pagamento della Pubblica amministrazione italiana sono tra i più lunghi in Europa, con i crediti vengono saldati in media entro sei mesi, con punte maggiori a seconda delle zone del Paese. E per la sanità è ancora peggio, basti pensare che in certe Regioni i ritardi arrivano anche a oltre 1000 giorni, con una media nazionale di 315 giorni. Ma pure tra le stesse imprese i tempi non sono sempre rapidi. Ecco perché lo schema di decreto legislativo approvato dal Cdm  lo scorso 31 ottobre che recepisce la direttiva Ue sui tempi di pagamento e fissa il limite a 30 giorni può rappresentare una vera e propria rivoluzione sia per i rapporti tra imprese e Pa e tra le stesse imprese.

Nonostante il termine per il recepimento della direttiva sia fissato al 16 marzo 2013, il Governo ha voluto provvedere ad una sua attuazione anticipata dal 1° gennaio 2013 in considerazione della importanza della normativa nonché dell’opportunità peculiare di garantire, in questo momento, le imprese e più specificatamente le piccole e medie imprese.
Il decreto approvato recepisce la direttiva 2011/7/UE sui ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali tra imprese, e tra Pubbliche Amministrazioni e imprese, e attua così la delega conferita al Governo con l’articolo 10 della legge n. 180 del 2011 (Statuto delle imprese).
 
“L’Italia è il primo grande Paese europeo a dare attuazione alla direttiva – si legge nel comunicato stampa . – Il decreto legislativo è il frutto di una intensa attività di coordinamento del Ministro per gli Affari Europei con il Ministro co-proponente della Giustizia”.
 
L’Italia si dota, così, in anticipo sui tempi europei di una più rigorosa disciplina per contrastare i ritardi di pagamento, in particolare per quanto riguarda le Pubbliche Amministrazioni. Sono così assicurati termini certi di pagamento: di norma trenta giorni, che non possono comunque superare i sessanta, consentiti solo in casi eccezionali. E quest’ultimo timing vale soprattutto per le strutture sanitarie.
 
Il decreto prevede, inoltre, una maggiorazione del tasso degli interessi legali moratori, che passa dal 7% all’8% in più rispetto al tasso fissato dalla BCE per le operazioni di rifinanziamento.
 
Per quanto riguarda poi i rapporti tra imprese, il decreto legislativo dispone un regime rigoroso stabilendo che il termine di pagamento legale sia di trenta giorni e che termini superiori a sessanta giorni possano essere previsti solo in casi particolari e in presenza di obiettive giustificazioni.
 
La disciplina del decreto legislativo si applicherà ai contratti conclusi a partire dal 1° gennaio 2013. Le Pubbliche Amministrazioni e le imprese avranno così il tempo per adeguarsi alle nuove norme e per adottare procedure operative e contabili più funzionali a prassi di pagamento rapido.

02 novembre 2012
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy