Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Meloni vs Schlein. Il dibattito alla vigilia delle europee è sulla sanità. La premier: “Su liste d’attesa ci abbiamo messo faccia”. La segretaria del Pd: “Decreto è solo fuffa”


La presidente del Consiglio rivendica gli investimenti sul settore: “Questo è il governo che ha messo sul fondo sanitario più soldi in assoluto”. La leader dem: “C'è bisogno di mettere molte più risorse sulla sanità pubblica e universalistica perché i tagli di Giorgia Meloni la stanno smantellando”.

07 GIU -

Alla vigilia delle elezioni europee lo scontro politico tra la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni e la segretaria del Partito democratico Elly Schlein si è acceso sulla sanità

“C'è bisogno di mettere molte più risorse sulla sanità pubblica e universalistica perché i tagli di Giorgia Meloni la stanno smantellando: i reparti si stanno svuotando e le liste di attesa si allungano all'infinito. È impressionante vedere come questo governo negli ultimi giorni della campagna elettorale decida di prendere in giro gli italiani con dei provvedimenti vuoti, provvedimenti farsa, come è stato il decreto `fuffa´ sulle liste d'attesa dove raccontano di poter accorciare le liste d'attesa senza mettere un euro aggiuntivo. Chi pensano di prendere in giro?”. Ha detto la segretaria nazionale del Pd a margine di una manifestazione elettorale a Firenze.

“Meloni dice il falso – ha aggiunto - io ho sempre spiegato dove trovare le risorse. Hanno messo 4 miliardi sulla riforma dell'Irpef, che si tradurrà in uno sconto di 15 euro al mese sulle tasse. E non abbiamo chiesto noi di sottoscrivere il cinico accordo con l'Albania per trasferire lì i migranti, un'operazione che non serve a niente e già costa 800 milioni. Non ho scelto io di alzare bandiera bianca sulla lotta all'evasione fiscale, rinunciando a recuperare soldi da lì. E non dimentichiamo i 14 miliardi stanziati su un progetto dannoso e pericoloso come il ponte sullo Stretto di Messina”.

“Loro sono all'opposizione e noi siamo al governo, c'è un governo che si è occupato di questa materia non mi pare sia stato fatto in passato con la scusa che la competenza è delle regioni e forse perché non è facile ma una politica seria deve metterci la faccia”, ha affermato la presidente del Consiglio a `5 minuti´ su Rai1.

E poi al Tg La7: “Le opposizioni fanno il loro lavoro» ma «per quanto riguarda le risorse non è vero: questo è il governo che ha messo sul fondo sanitario più soldi in assoluto, 134 miliardi non erano mai stati messi da nessuno, in più 500 milioni per le liste di attesa, altri 750 milioni con la revisione del Pnrr» e «abbiamo stanziato altri 500 milioni con questo decreto nelle regioni del Sud per comprare i macchinari”.


“Io non aiuto la sanità privata” come dicono le opposizioni «ma aiuto i malati”, ha rimarcato la presidente del Consiglio. “Io mi occupo di questo, le polemiche le lascio agli altri”, ha concluso.



07 giugno 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy