Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 22 LUGLIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Legge di stabilità. Domani il voto di fiducia alla Camera. Lunedì il testo torna al Senato

di Giovanni Rodriquez

E' quanto hanno stabilito le conferenze dei capigruppo di Montecitorio e Palazzo Madama. Domani è fissata per le 12,10 la prima chiama delle operazioni di voto sulla fiducia per l'approvazione, senza emendamenti ed articoli aggiuntivi, del testo già approvato dalla Commissione Bilancio. IL TESTO

19 DIC - Arriva a Montecitorio la fiducia sulla legge di stabilità ma senza maxiemendamento. Domani, alle 10,30, cominceranno le dichiarazioni di voto sulla fiducia posta dal Governo per l'approvazione, senza emendamenti ed articoli aggiuntivi, dell'articolo unico del disegno di legge di stabilità, nel testo già approvato dalla Commissione Bilancio che conteneva quelle norme sulla sanità da noi già anticipate nella giornata di ieri. Il testo approderà poi lunedì 23 dicembre in Senato, alle ore 15. Questo l'ordone dei lavori stabilito dalle conferenze dei capigruppo di Montecitorio e Palazzo Madama.
Domani, dunque, a partire dalle 12,10, prenderà il via la prima chiama delle operazioni di voto sulla fiducia. A seguire, si esamineranno gli ordini del giorno e ci saranno le dichiarazioni di voto, per poi concludere con il voto finale sul ddl stabilità. Le dichiarazioni di voto sul ddl bilancio, invece, sono state fissate per sabato alle 12.

Nel corso mattinata, prima che il ministro per i rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini (Pd), annunciasse la questione della fiducia posta da parte del Governo, le opposizioni, ovvero Lega Nord, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Sel e Movimento Cinque Stelle, si erano resi disponibili a ritirare gran parte degli emendamenti a patto che il governo non ponesse la fiducia 'blindando' il testo.

In particolare, la Lega Nord aveva rivendicato un’incompatibilità rispetto alla normativa che prevede la stesura della legge di stabilità e ha annunciato che scriverà al Capo dello Stato “perché sia lui a verificare la compatibilità della legge alla normativa”. Un punto su cui aveva insistito anche Fratelli d'Italia, che aveva minacciato di impugnare la legittimità della legge. 
 
Giovanni Rodriquez

19 dicembre 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy