Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 SETTEMBRE 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Stabilità. Presentate 3.551 proposte emendative in commissione Bilancio alla Camera. Ecco le prime 'bocciature'

di Giovanni Rodriquez

Dal finanziamento di borse di studio per gli specializzandi non medici al conferimento all'Inps delle competenze in materia di accertamenti medico-legali, dalla responsabilità professionale medica all'ampliamento delle esenzioni per il pagamento del ticket, fino alla trasformazione dei rapporti di lavoro atipici nelle strutture sanitarie. I primi emendamenti respinti dalla V commissione di Montecitorio

12 NOV - In tutto sono state presentate alla commissione Bilancio della Camera 3.551 proposte emendative riferite al disegno di legge di stabilità 2015. Nel corso dei lavori, come spiegato dal presidente Francesco Boccia, sono dichiarati inammissibili tutti quegli emendamenti e articoli aggiuntivi che concernono materie estranee all'oggetto proprio della legge di stabilità e di bilancio, o che contrastano con i criteri per l'introduzione di nuove o maggiori spese o minori entrate, così come definiti dalla legislazione vigente sul bilancio e sulla contabilità dello Stato.

Questi i primi emendamenti, riguardanti la sanità a vario titolo, giudicati inammissibili dalla V commissione di Montecitorio:
 

- Benedetti 7.14, che istituisce un Fondo per il sostegno delle imprese agricole che fanno uso di prodotti fitosanitari consentiti in agricoltura biologica, con una dotazione di 3 milioni di euro a decorrere dal 2015;

- Sandra Savino 11.30, che autorizza l'Aran ad aprire un tavolo di contrattazione integrativo per il comparto sanità al fine di stabilire i criteri di finanziamento degli istituti della contrattazione aziendale;

- Nicchi 11.011, volto a consentire il riconoscimento dell'anzianità di servizio, ai fini previdenziali, al personale già titolare di rapporto convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale che sia stato successivamente inquadrato in ruolo in via straordinaria;
 
- Agostinelli 15.011, 15.012, 15.013 e 15.014, che intendono esentare in tutto o in parte dal pagamento della bolletta per la fornitura di energia elettrica soggetti nel cui nucleo familiare sono presenti persone che versano in gravi condizioni di salute tali da richiedere l'utilizzo di specifiche apparecchiature medico terapeutiche necessarie per l'esistenza in vita;

- Nicchi 17.166, che stanzia 60 milioni dal 2015 per consentire il finanziamento di contratti/borse di studio da destinare agli specializzandi non medici iscritti alle scuole di specializzazione di area sanitaria;

- XIII Commissione 17.6, che autorizza una spesa di 5 milioni per il potenziamento del servizio fitosanitario;

- Mariano 17.450, che destina 3 milioni di euro ad indagini da effettuare da parte dell'Istituto superiore di Sanità in Puglia;

- Pagano 21.181 e Baroni 21.04, che autorizzano l'Aran ad aprire un nuovo tavolo di contrattazione integrativo per il Comparto sanità;

- Cozzolino 21.115 volto ad autorizzare la spesa di 10 milioni di euro per la distribuzione alle questure del materiale sanitario volto a prevenire il contagio di malattie trasmissibili agli agenti di Polizia;

- Saltamartini 21.166 e Palese 21.172, che aggiungono la categoria degli ingegneri clinici tra quelli oggetto di ricognizione ai fini della determinazione del fabbisogno sanitario;

- Cirielli 21.247, volto ad estendere ai paramedici le deroghe, riferite ai medici militari, circa le incompatibilità inerenti l'esercizio delle attività libero-professionali;

- Capodicasa 21.63, che reca una disposizione di interpretazione autentica relativa all'anzianità di servizio e di esperienza di alcune categorie mediche;

- Iacono 21.65, che proroga i contratti a tempo determinato e atipici stipulati con soggetti che hanno maturato determinati requisiti in enti del servizio sanitario regionale;
 
- Grassi 21.164, che prevede una disposizione di interpretazione autentica per cui le prerogative dei medici del Ssn s'intendono riferite anche ai medici degli enti previdenziali;
 
- Migliore 21.217, che rimette in via prioritaria all'Inps le competenze in materia di accertamenti medico-legali relativi all'assenza per malattia dei dipendenti; 
 
- Censore 21.33, in quanto rimette all'Inps le competenze in materia di accertamenti medico-legali relativi all'assenza per malattia dei dipendenti pubblici e privati; 

- Censore 26.28, che integra le commissioni per le certificazioni di invalidità includendovi i medici inseriti nelle liste speciali ad esaurimento, ancorché non in possesso del titolo di specializzazione; 

- Grillo 26.54, Fucci 26.64, Dorina Bianchi 26.71 e Vargiu 26.80, concernenti la ridefinizione della natura giuridica del rapporto di collaborazione dei medici inseriti nelle liste ad esaurimento;

- Lenzi 26.63, in quanto rimette all'Inps tutte le competenze in materia di accertamenti medico-legali relativi all'assenza per malattia dei dipendenti pubblici; 

- Vargiu 26.78, che estende ai medici degli enti previdenziali tutte le prerogative di carattere generale che ineriscono alla professione medica, anche laddove la normativa vigente faccia riferimento a medici del Servizio sanitario nazionale;

- Grillo 28.51, Fucci 28.80, Vargiu 28.65 e Bianchi Dorina 28.92, che prevedono disposizioni volte a modificare la disciplina delle visite medico-legali per personale delle scuole assente per malattia;

- Russo 28.89, che interviene sulle graduatorie di accesso alle scuole di specializzazione in medicina e chirurgia; 

- Palese 28.90, che prevede la corresponsione di una borsa di studio per i medici ammessi alle scuole di specializzazione universitarie in medicina dall'anno accademico 1982/1983 all'anno accademico 1990/1991; 

- Palese 28.96, che prevede, dall'anno accademico 2015/2016, l'applicazione del trattamento contrattuale di formazione specialistica ai laureati appartenenti alle categorie sanitarie non rientranti nell'area medica, ammessi alle scuole di specializzazione dell'area sanitaria;

- Sbrollini 39.11, diretto ad autorizzare l'Aran ad aprire un tavolo di contrattazione integrativa per il Comparto sanità e l'area della dirigenza III e IV;

- Abrignani 39.20 e Sottanelli 39.60, che intervengono sulla disciplina della responsabilità professionale dell'esercente la professione sanitaria;

- Grillo 39.23, in tema di trasformazione dei rapporti di lavoro atipici in essere con le strutture sanitarie pubbliche;

- Palmieri 39.39, riguardante l'attuazione delle linee di indirizzo per la telemedicina; 

- Vargiu 39.54, riguardante le modalità di trasformazione dei rapporti di lavori atipici in rapporti di lavoro a tempo determinato (o indeterminato) presso le strutture sanitarie pubbliche;

- Sberna 39.67, diretto ad ampliare la platea degli esentati dalla partecipazione alla spesa sanitaria;

- Grillo 39.0.13 e 39.0.14, riguardanti la dotazione di automobili di servizio spettante agli enti del Servizio sanitario nazionale;

- Centemero 39.71 e Crimì 39.73, che recano un'autorizzazione di spesa per la formazione dei medici specialisti; 

- Castiello 44.234, che destina un contributo di 2 milioni di euro in favore dell'Istituto superiore di sanità per lo studio epidemiologico denominato "Sentieri".  
 
Giovanni Rodriquez

12 novembre 2014
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy