Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 06 FEBBRAIO 2023
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Consiglio dei ministri. Anche Renzi alle prese col "Milleproroghe". Slittano scadenze per contratti dirigenti Aifa, riforma Croce Rossa e nuova remunerazione filiera del farmaco


Prorogate molte misure che sarebbero scadute il 31 dicembre. Slittano anche i requisiti minimi per i servizi trasfusionali ed emocomponenti; le modalità di remunerazione delle strutture che erogano assistenza ospedaliera e ambulatoriale e le sanzioni e ulteriori semplificazioni del Sistri. Il Cdm vara anche il primo Dlgs del Jobs Acti e le misure per l'Ilva di Taranto.

25 DIC - Il Consiglio dei Ministri di mercoledì 24 dicembre 2014 ha adottato diversi provvedimenti e in particolare i dlgs di applicazione del Job acts, le misure per il rilancio economico dell’Ilva di Taranto insieme al risanamento ambientale della zona interessata alo stabilimento siderurgico pugliese e l’ormai abituale decreto leggi “Milleproroghe” di fine anno. Ecco il contenuto dei provvedimenti:
 
Milleproroghe
Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente del Consiglio, ha approvato il decreto legge di proroga di termini previsti da disposizioni legislative, che garantiscono la funzionalità in diversi ambiti prorogando la scadenza oltre il 31 dicembre 2014.
 
Ecco i temi di alcune delle principali proroghe di interesse sanitario
Proroghe di termini per i contratti dirigenziali a tempo determinato stipulati dall’Aifa; per i requisiti minimi servizi trasfusionali ed emocomponenti; per la riforma della Croce rossa italiana; per il sistema di remunerazione della filiera distributiva del farmaco; per le modalità di remunerazione delle strutture che erogano assistenza ospedaliera e ambulatoriale; per sanzioni e ulteriori semplificazioni del Sistri.
 
Sviluppo dell’area di Taranto (decreto legge)
Approvato il decreto per lo Sviluppo dell’area di Taranto, che permette misure speciali per Ilva e che intende imprimere una svolta negli interventi di bonifica, riqualificazione e rilancio della città e dell’area di Taranto, con particolare attenzione alle emergenze industriali, storiche e culturali.
 
1) Misure per la riqualificazione dell’area di Taranto
 
· Una unica governance interistituzionale
In considerazione della peculiare situazione dell’area di Taranto, l'attuazione degli interventi che la riguardano è assicurata e disciplinata da uno specifico Contratto Istituzionale di Sviluppo Taranto e da una unica governance interistituzionale.
 
Il CIS Taranto è sottoscritto da un apposito Tavolo istituzionale permanente per l’Area di Taranto, che verrà istituito entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il Tavolo ha il compito di coordinare e concertare le azioni in essere e di definire strategie comuni utili allo sviluppo compatibile e sostenibile del territorio.
 
Il Tavolo è presieduto da un rappresentante della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed è composto da un rappresentante per ciascuno dei Ministeri dello Sviluppo economico, dell'Ambiente della tutela del territorio del mare, delle Infrastrutture e dei trasporti, della Difesa, dei Beni culturali e del turismo, nonché da un rappresentante della Regione Puglia, della Provincia di Taranto, del Comune di Taranto e dei Comuni ricadenti nell’area, dell’Autorità Portuale di Taranto, del Commissario Straordinario per la bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto, del Commissario Straordinario del Porto di Taranto e dell’Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa Invitalia.
Il Tavolo assorbe le funzioni di tutti i tavoli tecnici comunque denominati su Taranto istituiti presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e di quelli costituiti presso le amministrazioni centrali, regionali e locali.
 
· Bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione dell’intera area di Taranto
Il Commissario straordinario per la bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto, già all’opera, metterà a sistema misure per la bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione dell’intera area di Taranto, dichiarata ad elevato rischio di crisi ambientale, attraverso un programma volto a garantire un adeguato livello di sicurezza per le persone e per l’ambiente, nonché a mitigare le relative criticità che ostacolano la competitività delle imprese del territorio Tarantino.
 
· Porto di Taranto, estensione del ruolo del commissario e semplificazione
I poteri del Commissario straordinario del porto di Taranto, già all’opera, sono estesi a tutte le opere ed agli interventi infrastrutturali necessari per l’ampliamento e l’adeguamento del porto, affinché l’infrastruttura risponda agli standard competitivi dell’area mediterranea, con riflessi positivi per la celerità dei trasporti marittimi e per lo sviluppo competitivo dell’intero Paese.
Al fine di garantire una fondamentale accelerazione e semplificazione per la realizzazione di tali opere ed interventi, l'acquisizione degli atti di assenso degli enti locali, regionali, dei ministeri e altri enti competenti, devono essere resi entro 30 giorni dalla richiesta del Commissario straordinario del porto di Taranto. Decorso inutilmente il termine, gli atti si intendono resi in senso favorevole.
 
· Procedure accelerate per il progetto Taranto del ‘Piano nazionale per le Città’
Semplificazione e accelerazione dei tempi per il ‘Piano nazionale per le Città’ nel Comune di Taranto. Anche in questo caso, per l’approvazione e l’attuazione degli interventi previsti, il Comune di Taranto, in applicazione dei generali principi di efficacia dell’attività amministrativa e di semplificazione procedimentale, potrà intendere resi in senso favorevole, atti che non siano resi entro 30 giorni dalla richiesta, da parte degli enti locali, regionali, dei ministeri e degli altri enti competenti.
 
· Valorizzazione culturale e turistica con la riqualificazione dell’Arsenale
È previsto un progetto di valorizzazione culturale e turistica dell’Arsenale militare marittimo di Taranto, da concordare al Tavolo interistituzionale, su proposta dei Ministri dei beni e delle attività culturali e del turismo e della Difesa.
L’Arsenale di Taranto, che occupa un’area di oltre 90 ettari insistente sul demanio dello Stato in uso all’Amministrazione della difesa è, storicamente, un realtà di rilevante importanza sociale, culturale ed economica. Il complesso arsenalizio di Taranto non è dunque solo realtà produttiva, ma un importantissimo patrimonio storico e di archeologia industriale per l’intero Paese, da tutelare e valorizzare, rendendolo fruibile ai cittadini. L’intero progetto è di significativa importanza culturale per il Paese e di notevole interesse turistico, ponendosi anche quale centro di diffusione della cultura del mare.
Vengono confermate la prioritaria destinazione ad arsenale del complesso e le prioritarie esigenze operative e logistiche della Marina Militare e viene avanti il Piano di rilancio industriale e produttivo, di risanamento delle officine e delle banchine.
 
· Disposizioni per Arpa Puglia
Per contrastare fenomeni di degrado ambientale e assicurare adeguati livelli di tutela della salute pubblica, la Regione Puglia, valutata prioritariamente l’assegnazione temporanea di proprio personale, attuate e concluse le procedure volte a ricollocare il personale delle province, può autorizzare l’Arpa Puglia, dopo l’approvazione di uno specifico piano a procedere per l’anno 2015, con esclusivo riferimento all’Area di Taranto, ad assunzioni di personale a tempo indeterminato.
 
2) ILVA (misure per il rilancio meconomico)
Il provvedimento estende le procedure previste dall’amministrazione straordinaria per le imprese operanti nei servizi pubblici essenziali anche alle società che gestiscono almeno uno stabilimento industriale di interesse strategico nazionale. Scopo della misura è di garantire la prosecuzione dell’attività produttiva assicurando che le risorse aziendali siano prioritariamente destinate a tale scopo. Per quanto riguarda in particolare l’ILVA, l’amministrazione straordinaria fa cessare il commissariamento straordinario deliberato nel 2013.
Il decreto attribuisce al commissario straordinario i poteri necessari per attuare le prescrizioni di carattere ambientale previste dall’Autorizzazione integrata ambientale (AIA). Allo stesso commissario saranno destinate le somme sequestrate all’ILVA, che confluiranno in una contabilità speciale. La gestione dell’impresa sarà considerata attività di pubblica utilità e gli interventi previsti dal piano ambientale vengono dichiarati urgenti e indifferibili.
 
Jobs Act – Decreti Attuativi
Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente, Matteo Renzi, e del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha approvato un decreto attuativo (vedi testo) delle legge delega al Governo in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014 (Jobs Act) . Via libera anche alla nuova "Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI)" e per la "Disciplina di prestazioni ulteriori di sostegno al reddito" che prevedono misure per diverse categorie di lavoratori in caso di perdita del posto di lavoro (vedi testo).

25 dicembre 2014
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy