Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 28 NOVEMBRE 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

“Al Merito della Sanità Pubblica”, consegnate 27 medaglie di bronzo


Lo scorso 21 ottobre erano state consegnate 10 medaglie d’oro e 17 medaglie d’argento “Al Merito della Sanità Pubblica”, alla presenza del Capo dello Stato. Oggi il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha concluso l’assegnazione dei riconoscimenti con 27 medaglie di bronzo. Ecco tutti coloro che hanno sfilato sul palco e le storie delle loro vite.

10 APR - Era cominciata ad ottobre e si è conclusa oggi l’assegnazione delle benemerenze sanitarie, con la consegna di 27 medaglie di bronzo. Una giornata che il ministro Beatrice Lorenzin ha definito “di elevato valore civico, un momento di grande orgoglio, ma anche di speranza. Colmo di riconoscenza nei confronti di questi italiani - professionisti della salute, esponenti del mondo Accademico, dei Corpi e delle Forze Armate dello Stato - che svolgono con generosità ed altruismo la propria attività professionale compiendo, sovente, atti di coraggio per proteggere ed aiutare chi soffre o che, con costante lavoro e impegno, consentono il progresso della conoscenza e della scienza medica”.
 
“La sanità italiana, dunque, è una sanità di eccellenza - ha proseguito Beatrice Lorenzin - un’eccellenza che si traduce certamente nel lavoro quotidiano di ogni professionista, ma che raggiunge il suo culmine grazie alle azioni di persone che hanno deciso di dedicare una parte del proprio tempo agli altri, di aiutare i più bisognosi, sia in Italia sia in zone del mondo disagiate o devastate da violenti conflitti o da catastrofici eventi naturali. Persone che, per motivi differenti, con i loro comportamenti e le loro azioni concrete, rappresentano alti esempi di dedizione civile e di altruismo".

Una medaglia di Bronzo al Merito della sanità pubblica è stata conferita al comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Campobasso, per l’intervento sanitario ed umanitario, effettuato presso il poligono di tiro a segno nazionale di Campobasso il 21 giugno 1946, crollato a seguito dell’esplosione di alcuni residui bellici. I Vigili del Fuoco hanno soccorso i feriti e poi recuperato i resti dei 18 corpi degli allievi minatori che si trovavano nel locale didattico.
Riconoscimento conferito anche a Francesco Amato, direttore Unità Operativa Complessa Terapia del Dolore Hub Regionale presso l’Azienda Ospedaliera di Cosenza, che da oltre 10 anni è promotore di campagne d’informazione per la diffusione della cultura e conoscenza del dolore per spiegare alla gente come e dove sia possibile curarsi. Per tali motivi è stato più volte premiato dall’Osservatorio Nazionale Permanente sulla Sicurezza e al Forum Sanità Futura a Cernobbio. Ha scritto il primo manuale di accreditamento dei Centri di terapia del dolore, dove per l’eccellenza nelle prestazioni, l’unità operativa di Cosenza, risulta fra le prime dieci in Italia.

Un’altra medaglia è stata consegnata a Giovanni Berardi. E’ stato Responsabile della Unità Operativa Semplice Dipartimentale dell’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, referente ginecologo delle “embolizzazioni dei miomi uterini” come trattamento conservativo rispetto alla tradizionale terapia chirurgica nonché responsabile del servizio di colposcopia ed isteroscopia per la prevenzione e la cura delle malattie oncologiche in ginecologia, dell’attività ambulatoriale della maternità e del day – hospital ginecologico. E’ stato l’autore del Depliant informativo “Prevenzione in Rosa” della campagna di promozione della salute e prevenzione in campo oncologico per la donna.

Premiato anche Stefano Bottari, specialista in chirurgia generale, sin dagli arbori della sua carriera si è distinto per aver prestato opera di medico missionario in Tanzania centrale ove si è adoperato a favore delle popolazioni bisognose di cure, cercando di creare un necessario rapporto di fiducia tra medico e paziente. E’ stato consulente, in qualità di persona particolarmente esperta nella ricostruzione delle vie urinarie, presso il reparto di urologia dell’Ospedale Fatebenefratelli di Roma nonché responsabile del reparto di chirurgia della clinica Casa di cura San Luca, in cui ha svolto attività di chirurgia e di urologia.

Medaglia di bronzo a Silvana Bruni: a’stata responsabile dell’ambulatorio pneumologico medico legale day service presso l’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini. Si è distinta per la particolare attenzione ai rapporti medico – paziente e l’alta professionalità profusa nello svolgimento delle visite cliniche, qualità confermate dalle numerose lettere di gradimento dei pazienti e dei loro familiari. E’ stata docente della scuola medica ospedaliera di Roma, docente in corsi rivolti a medici, tecnici, infermieri e fisioterapisti e autrice di diverse pubblicazioni scientifiche.
 
Riconoscimento conferito pure a Claudio Alberto Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale nonché medico di medicina generale presso l’Azienda Sanitaria di Firenze, ha contribuito a creare i giusti presupposti per l’importante ruolo che i medici di famiglia da sempre hanno all’interno del Servizio Sanitario Nazionale. E’ stato Presidente dell’Unione Europea dei Medici di Famiglia. Ha svolto attività pubblicistica e scientifica ricoprendo l’incarico di direttore responsabile della rivista “Società Italiana di Medicina Generale” e direttore di progetto e responsabile presso l’Istituto di ricerca Health Search di Firenze.
 
Sul palco, Rodolfo dalla Mora, Disability Manager riconosciuto ed apprezzato da tempo nel territorio trevigiano e veneto per la sensibilità e l’impegno da sempre rivolto al mondo della disabilità e in particolare alla promozione dell’inclusione sociale delle persone con handicap. Si è adoperato per l’apertura di due “Sportelli senza Barriere”, dove viene offerta gratuitamente ai pazienti ricoverati, alle persone disabili, ai loro familiari e alle associazioni di volontariato, consulenza sull’abbattimento delle barriere architettoniche e sull’adeguamento degli spazi domestici e dei mezzi di trasporto. Nel 2003, insieme ad altri professionisti diversamente abili, ha costituito l’Associazione di Progettazione e Ricerca per l’Utenza Ampliata, il cui scopo è quello di promuovere una migliore qualità della vita e una maggiore accessibilità e fruibilità urbanistico – edilizia, con particolare attenzione alle categorie più fragili.
 
Il Dirigente medico responsabile dell’Unità Operativa Semplice di Chirurgia del Piede presso l’ospedale C.T.O. di Roma, Roberto De Santis è stato premiato per essersisempre dedicato al volontariato medico garantendo la propria competenza e la propria professionalità al servizio della comunità. Ha collaborato altresì con strutture di notevole spessore anche all’estero e in particolare presso la clinica oculistica della Praga Charles University, in Polonia presso la clinica ortopedica della Poznan University e in Egitto presso la clinica ortopedica della St. Mariha University Zazig.
 
Medaglia per Giuseppe Evangelista, Professore associato nonché responsabile dell’Unità Operativa Chirurgica Generale e d’Urgenza dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana, particolarmente interessato ai problemi di patologia neoplastica della mammella, è il Presidente del Gruppo Chirurgia d’Urgenza di Pisa Onlus composta da oltre 120 volontari fra medici, infermieri e tecnici e dotata di tutti gli strumenti adatti ad intervenire in Italia o all’estero, anche in condizioni estremamente precarie, a favore di popolazioni colpite da calamità naturali e da eventi bellici. Per la straordinaria esperienza maturata nel campo delle grandi emergenze, il Gruppo è diventato un modello europeo e un esempio di eccellenza, grazie anche al decisivo contributo offerto dal Prof. Evangelista, che ha saputo interpretare la professione di medico come missione a servizio della società.
 
Ancora, Nicola Felici, Direttore dell’Unità Operativa di Chirurgia ricostruttiva degli arti presso l’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, ha eseguito oltre 10.000 interventi chirurgici ed è stato l’autore di una tecnica unica per la riassegnazione chirurgica del sesso. Frequentatore volontario presso l’Unità Operativa di Chirurgia plastica dell’Ospedale Civile di Legnano e presso la Divisione di chirurgia plastica dell’Università di Bordeaux, ha perfezionato le sue conoscenze sulle tecniche di microchirurgia ricostruttiva, chirurgia del plesso brachiale e chirurgia della mano, eseguendo numerosi interventi, nel solo corso di un biennio, sia come primo che come secondo operatore.

Luog.te Renzo Ferrante, in servizio quale addetto al NAS Carabinieri di Firenze, ha contribuito con ferma determinazione e vivo senso del dovere, a tutelare la salute pubblica nel settore della sanità pubblica e privata e nella lotta al Doping. In virtù della sua ultradecennale esperienza accumulata e del consenso unanime raccolto dalle investigazioni svolte, ha sviluppato numerose collaborazioni in ambito internazionale con le principali istituzioni che si occupano di antidoping, rappresentando l’Italia e l’Arma dei Carabinieri. Ha partecipato a diversi seminari in materia di legislazione sul doping ed è stato docente di corsi di specializzazione organizzati dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero del Lavoro.

Dirigente medico di 1° livello del reparto di chirurgia d’urgenza dell’Azienda Ospedaliera San Filippo Neri, Gloria Folliero, con competenze in chirurgia laparoscopica acquisite presso centri di rilievo nazionale e la scuola speciale ACOI, è socio fondatore dell’Associazione Med e Med Onlus e responsabile del Progetto di cooperazione Italia – Tanzania della stessa Associazione. Ha partecipato anche al Progetto promosso dalla Regione Lazio per “la riduzione del danno” nelle tossico – dipendenze, al progetto di nave ospedale sul Lago Vittoria in Tanzania e al Progetto CEE cooperazione Italia – Albania.

Antonio Gasbarrini, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Medicina Interna e Gastroenterologia Fondazione Policlinico Universitario Gemelli di Roma, nel corso della sua brillante carriera svolta con elevata professionalità, ha fornito notevoli contributi nel campo dell’epatologia, della medicina rigenerativa e cellule staminali, delle patologie infiammatorie croniche intestinali, dell’oncologia gastrointestinale e del microbioma intestinale. Ha coordinato e organizzato diversi gruppi di ricerca e ha ottenuto finanziamenti per la creazione di oltre 110 premi di ricerca e borse di studio assegnate a studenti, e laureati di area biologica e medica. Ha contatti di collaborazione scientifica con numerose Istituzioni Universitarie Italiane ed estere ed è autore di numerose pubblicazioni cliniche nell’ambito pediatrico, trapiantologico e chirurgico, cardiovascolare, ematologico, diabelologico ed angiologico.

Donato Rosario Iannuziello, primario presso il reparto di gastroenterologia della casa di cura CBH Mater Dei Hospital di Bari con competenza specifica in Endoscopia digestiva, è membro di importanti società scientifiche quale la Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, componente del Consiglio direttivo dell’Ordine provinciale dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Bari nonché dal gennaio 2011 anche consulente della Commissione sul Servizio Sanitario Nazionale istituita presso il Senato della Repubblica. Autore di numerose pubblicazioni scientifiche, nel corso della sua carriera ha preso parte a congressi, corsi, stages di aggiornamento nazionali ed internazionali nonché a progetti di formazione in Management Sanitario in Gastroenterologia.

Vittorio Miele, Direttore del Dipartimento dei Servizi dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria Careggi di Firenze, si è distinto per l’eccezionale attività di gestione delle prestazioni di diagnostica per immagini, erogate in regime di emergenza – urgenza, sia ai pazienti di pronto soccorso sia ai pazienti ricoverati in degenza. Ha organizzato numerosi progetti formativi aziendali per medici radiologi, assicurando l’aggiornamento e la formazione degli stessi, ha organizzato nelle vesti di responsabile scientifico, oltre 30 convegni di radiologia prevalentemente nel campo della radiologia d’emergenza e della radiologia pediatrica.

Graziano Onder, Professore Associato della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli – Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, si è distinto per l’impegno nella cura delle persone adulte affette da sindrome di Down, attraverso attività divulgative per i familiari, attività di ricerca scientifica, attività assistenziale e sviluppando protocolli di assistenza clinica. Nell’ambito della ricerca clinica si è interessato di farmacoepidemiologia e uso di farmaci nell’anziano, di prevenzione della disabilità nell’anziano e della sarcopenia. Ha coordinato diversi progetti di ricerca fra cui il Progetto CRIME del Ministero della Salute e 2 progetti Europei finanziati dal 5° programma quadro della Comunità Europea

Ancora una medaglia per Francesco Pallotta, Primario del Reparto di Ortopedia dell’Ospedale Giovan Battista Grassi di Ostia, si è distinto per rari interventi chirurgici di protesi di anca bilaterale in contemporanea e per aver perseguito la filosofia di rendere la degenza agli over 65 più rapida e meno traumatica, permettendo al paziente geriatrico operato una pronta riabilitazione con conseguente migliore qualità della degenza e meno costi per il servizio sanitario nazionale. Nel 2005 ha ricevuto il premio all’eccellenza dell’ASP Lazio, per la stesura delle “Linee guida assistenziali per il trattamento di urgenza del politraumatizzato”. Esegue circa 650 interventi chirurgici all’anno come primo operatore in particolare interventi di traumatologia, chirurgia ortopedica e oncologia scheletrica.
 
Pietro Pietrini, Direttore della Scuola IMT Alpi Studi di Lucca, da oltre 25 anni l’attività di ricerca del Professore è incentrata sullo studio dei correlati metabolico – funzionali delle attività cerebrali quali attenzione, memoria, emozioni e comportamento in condizioni fisiologiche e in presenza di patologie mentali e neurologiche, quali i disturbi della regolazione emotiva ed affettiva e le sindromi demenziali in particolare la malattia di Alzheimer. E’ membro di numerose società scientifiche, autore di oltre 150 articoli sui riviste internazionali e consulente psichiatra della rivista della Fondazione Veronesi “Ok Salute”.

Gianfranco Piserà, Sottufficiale in servizio permanente presso il Reggimento “Lancieri di Novara”, nell’arco della sua carriera ha dimostrato grandissima dedizione al lavoro, affidabilità e lealtà assoluta verso le Istituzioni, operando costantemente con passione e scrupolo e riscuotendo il plauso dei superiori. Fuori dell’orario di servizio, si è sempre dedicato con passione e dedizione al volontariato, ed in particolare come volontario del Corpo Italiano di Soccorso Ordine di Malta e della Protezione Civile. Ha partecipato alle operazioni di soccorso alle popolazioni terremotate dell’Aquila del 2009 e dell’Emilia nel 2012; ha prestato servizio di primo soccorso per il grande Giubileo del 2000 in Roma, e ha organizzato una raccolta e distribuzione di viveri e abbigliamento di ogni genere per le popolazioni del Kosovo. Per la molteplicità dei suoi interventi ha ricevuto numerosi riconoscimenti.

Oraldo Ricci, è stato fino a luglio 2013 Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Ortopedia e Traumatologia del Presidio Ospedaliero di Avezzano. L’attività professionale ospedaliera è stata caratterizzata da oltre 6000 interventi ortopedici e chirurgici, numerosi di altissima difficoltà, quali gli interventi di deformità congenite e acquisite della colonna vertebrale, interventi di revisione protesica con ricostruzioni ossee con innesti massivi armati ed innesti di osso di banca con ausilio di cellule staminali e fattori di crescita nonché interventi per fratture complesse della colonna vertebrale, del bacino e dei grossi segmenti scheletrici. Ha partecipato a numerosi corsi, seminari e congressi è autore di diverse pubblicazioni su riviste specialistiche nazionali.

Francesco Riva, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Odontostomatologica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Umberto I di Roma nonché responsabile dell’ambulatorio odontoiatrico Ipo – non vedenti dell’Ospedale George Eastman di Roma, si è distinto per il suo encomiabile servizio, per l’appassionata dedizione professionale ad altissimi livelli e per lo spirito di collaborazione. E’ stato il responsabile del Progetto Nazionale di Prevenzione primaria e secondaria dei tumori del cavo orale e responsabile sanitario per la Provincia di Roma della Campagna di prevenzione dei traumi stradali. E’ Presidente e Direttore scientifico della Società Italiana per lo Studio dei Biomateriali in Chirurgia Orale e Medicina Rigenerativa, Presidente dell’Associazione Educazione Alimentare.

Direttore della Struttura Organizzativa Dipartimentale di Oculistica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi di Firenze, Stanislao Rizzo, è un eccellente chirurgo di fama internazionale, competente nel settore della chirurgia oculistica, che vanta una casistica chirurgica pari a 15.000 interventi. Particolarmente apprezzato negli Stati Uniti per gli studi sulla retina artificiale, nel 2011 ha realizzato il primo trapianto di retina artificiale al mondo in un paziente non vedente. Nel 2013 ha ricevuto a Los Angeles il premio come chirurgo innovativo dell’anno dalla Alfred Mann Foundation Award for Scientific Achievement. Autore di pubblicazioni scientifiche e membro delle principali società internazionali, collabora con ospedali europei e americani alla divulgazione delle sue tecniche operatorie.

Francesco Rocco, Professore Emerito dell’Università Statale di Milano, è stato un innovatore dell’urologia utilizzando una tecnica chirurgica di prostatectomia radicale robotica, nota come “punti di Rocco”, consistente nella ricostruzione posteriore dello sfintere striato prima dell’anastomosi tra l’uretere ed il collo vescicale, tecnica adottata nei più importanti centri di Urologia del mondo. E’ autore di oltre 300 pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali e membro attivo dell’European Association dell’American Urological Association, della Società di Chirurgia Intrarenale e della Società Italiana di Urologia.

Giocondo Santoni, è stato Direttore dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze dove ha svolto il proprio incarico con grandissima professionalità, dedizione ed entusiasmo, dando continuo impulso alle attività dello Stabilimento. Nel corso degli anni ha maturato molteplici esperienze lavorative nei settori chimico – farmaceutico e tossicologico rivestendo incarichi sempre di notevole importanza. Ha svolto funzioni di Ispettore per il controllo del rispetto delle norme di buona fabbricazione per conto dell’AIFA ed è stato referente scientifico per il Ministero della Salute per la gestione tecnica della Scorta Nazionale Antidoti e per l’attuazione del Piano di difesa nazionale – settore sanitario - nelle emergenze chimiche/radiologiche da atti di terrorismo.

Salvatore Squillaci, ispettore della Guardia di Finanza che nel corso della sua carriera ha fornito un incomparabile contributo alla difesa della salute pubblica, assicurando, attraverso minuziose e idonee attività di vigilanza su persone e merci, una sicura tutela della salute e del bilancio del servizio sanitario e previdenziale nel territorio dello stato e comunitario, con costante e penetrante azione di contrasto a ogni tipologia di crimine contro l’economia, il patrimonio e la pubblica amministrazione.

Pierluigi Tos, direttore della Struttura Complessa di Chirurgia della mano e microchirurgia ricostruttiva dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini di Milano, ha approfondito le proprie ricerche sullo studio sperimentale dei fenomeni di riparazione tissutale e cellulare in seguito a lesioni traumatiche e delle tecniche per stimolare la rigenerazione dei tessuti del sistema nervoso periferico. Tali ricerche gli hanno consentito di ricevere diversi premi in ambito ortopedico – traumatologico, quali il Premio “Delitala”, per la migliore opera o invenzione italiana o straniera in campo ortopedico.

Silvio Ungania, Dirigente medico di 1° livello di Chirurgia Generale presso l’Ospedale “Giovan Battista Grassi” di Roma, è titolare dell’Unità Operativa Semplice di Chirurgia d’Urgenza. Ha partecipato alla missione umanitaria presso l’Ospedale di Itigi in Tanzania e ha eseguito uno stage di perfezionamento nella chirurgia del fegato presso l’Istituto Gustave Roussy di Parigi. Nel 2001 ha ricevuto il “Premio nazionale del mare” di Fiumicino, come riconoscimento per il proprio impegno professionale.

10 aprile 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy